24112017GOODNEWS:

Ipsia in sciopero da una settimana
«Ci danno le stufette: vergogna»

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page
ipsia-ancora-in-sciopero

A sinistra, gli studenti che non entrano a scuola per protesta. A destra, un alunno mostra la stufa di cui è stata dotata un’aula

di Vittorio Fiorenza

Da oltre una settimana non entrano in classe: niente lezioni per gli studenti dell’Istituto professionale per l’Industria e l’Artigianato di viale dei Fiori, a Biancavilla, al confine con Adrano. Gli alunni, come avevamo già denunciato, sono in sciopero per la mancanza di riscaldamenti nell’edificio, nonostante sia nuovo ed sia stato inaugurato lo scorso settembre, dopo che la scuola ha lasciato la vecchia sede di piazza Sgriccio di proprietà dei frati francescani.

I termoconvettori non sono stati attivati. Fino a Natale gli alunni sono stati tolleranti, ma al rientro dalle vacanze la situazione è rimasta tale e quale. Hanno sopportato e resistito al freddo. Adesso, all’Ipsia, la protesta è diventata ad oltranza.

►GUARDA IL VIDEO

«Non è una protesta pretestuosa –spiegano alcuni studenti a Biancavilla Oggi– siamo stati fin troppo tolleranti. Certo è che non è possibile stare in classe e seguire le lezioni con giubbotti e cappucci».

In via del tutto emergenziale, la scuola ha provveduto a mettere in classe stufe a gas e stufette elettriche e in alcune ha attivato i condizionatori ad aria. Ma non bastano, non sono sufficienti a riscaldare adeguatamente tutti gli ambienti.

►GUARDA LE FOTO

«Nel nostro nuovo plesso –sottolineano i ragazzi– da più di un mese siamo senza riscaldamenti. E questo dovrebbe essere la risoluzione del problema? Stufette elettriche? Solo una parola da tutti noi: vergogna».

Il dirigente dell’istituto è impegnato da settimane, nel tentativo di arrivare ad una soluzione. Il paradosso, come aveva già spiegato il prof. Sebastiano Mancuso, collaboratore del preside e referente dell’istituto biancavillese, non è di tipo tecnico, ma puramente burocratico. In sostanza ci sono dei problemi con l’ente erogatore del servizio. Sta di fatto che gli alunni restano ancora al freddo.

Che le lamentele dei ragazzi siano comprensibili e fondate viene riconosciuto anche dagli insegnanti: «Hanno perfettamente ragione, non si può stare in classe senza riscaldamenti. Noi siamo vittime come lo sono loro». Ma i giorni di mancate lezioni adesso si sono fatte parecchie e c’è il rischio di ripercussioni sul piano didattico e sul percorso degli studi, a maggior ragione per chi quest’anno deve affrontare gli esami professionali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Zalando Privé

LASCIA IL TUO COMMENTO

INVIA IL COMMENTO