Connettiti con

L'Intervista

Biancavilla tra mafia ed illegalità: le nostre domande ai tre candidati

Pubblicato

il

La cappa della criminalità e la posizione del Comune. Gli episodi di cronaca e i silenzi del governo cittadino. Un corpo di polizia municipale, che va “rifondato”. Temi cruciali. Ma assenti in tutta questa campagna elettorale. Biancavilla Oggi colma ora la grave lacuna.

 

di Vittorio Fiorenza

La pista ciclabile e il wifi gratuito. I marchi internazionali per i nostri prodotti. La sanità d’eccellenza a due passi da casa. Potremmo continuare a lungo questo elenco di brillanti promesse elettorali che disegnano (e sognano) una Biancavilla “svizzera”. Ma la realtà è quella con cui dovranno fare i conti gli amministratori, che tra qualche giorno saliranno al palazzo comunale.

E anziché chiudersi in quelle stanze, magari solo per pontificare e sentenziare dai profili social, dovranno avere la capacità di affacciarsi dal balcone o scendere dal marciapiedi per avere una visuale di quella Biancavilla che per omertà e disimpegno si preferisce nascondere e rimuovere dal dibattito pubblico e mediatico.

La narrazione da Istituto Luce della #bellabiancavilla, che è servita al tentativo di tale “rimozione”, la si lasci ora all’archivio della retorica dell’autoglorificazione. E si guardi con coraggio, fin dentro le viscere, la Biancavilla più cruda.

C’è una Biancavilla di eccellenza, di grandi risorse, di enormi capacità. Che inorgoglisce. Abbiamo dedicato centinaia di pagine per illuminarla.

Ma senza dimenticare le gravi ombre. Chi si candida al vertice del governo cittadino deve comprendere che con “questa” altra città deve fare innanzitutto i conti. E che amministrare non significa soltanto tagli di nastri e passerelle televisive, autoelogi su Facebook e monologhi autocompiaciuti in tv.

Bonanno, Mastrocola, Mignemi avete consapevolezza della città che vi proponete di amministrare?
BONANNO. Sì, abbiamo piena consapevolezza. Biancavilla è ormai tristemente nota per i fatti di cronaca o episodi negativi che non risaltano le eccellenze locali. Ma siamo altrettanto consapevoli che c’è una parte della nostra comunità che dev’essere risvegliata e rilanciata. Ci siamo candidati proprio per questo: ridare lustro alla nostra città.
MASTROCOLA. Biancavilla è una città con tante persone perbene con buoni ideali e senso civico sviluppato. Poi c’è un’altra parte direttamente o indirettamente legata al mondo della criminalità organizzata o della mafia. La consapevolezza c’è, sarebbe surreale se qualcuno negasse questa realtà.
MIGNEMI. Ho scelto di candidarmi e ho la consapevolezza che la carica di sindaco comporta diverse difficoltà e certi rischi.

Biancavilla è un paese ad illegalità diffusa. Assimilarla ad altre realtà simili o peggiori è un atteggiamento confortevole per tutti, ma i problemi non si rimuovono. Sono sempre lì. La vostra ricetta di governo, per quel che può e deve fare il Comune su questo fronte?
BONANNO. Il Comune deve intervenire sin da subito nelle scuole, con i ragazzi. È necessario un cambio di mentalità, se vogliamo una Biancavilla in grado di mettere di lato l’illegalità diffusa. Dobbiamo puntare sulla cultura e sulle nuove generazioni. E allo stesso tempo essere intransigenti e sanzionare gli episodi che competono all’amministrazione comunale.
MASTROCOLA. Bisogna essere impermeabili ad ogni forma di collusione ed essere determinati, onesti e integerrimi.
MIGNEMI. Tanta microcriminalità è dettata dalla mancanza di lavoro. Una priorità è arginare il problema della disoccupazione. E bisogna lavorare in stretta collaborazione con le forze dell’ordine.

Nell’ottobre del 2016, il trionfo dell’illegalità con i fatti avvenuti nella fiera del bestiame di via della Montagna. Una fiera che era allestita abusivamente ogni anno, nella più totale indifferenza del Comune. Lo ritenete ammissibile?
BONANNO. Non è ammissibile. Tutti gli episodi di illegalità vanno condannati.
MASTROCOLA. È stato fatto un errore basilare. Non è che sia impossibile organizzare una fiera del bestiame, ma va fatta dentro i canoni della legalità. Tutto il resto non è ammissibile.
MIGNEMI. Non è ammissibile, ma cambiare certe abitudini è molto difficile. Se sarò io il sindaco di Biancavilla, questo aspetto avrà la mia attenzione e farò di tutto per evitare che fatti simili si ripetano.

In quell’occasione, un carabiniere (il mar. Guido Costigliola) è stato aggredito a sangue e due donne (l’avv. Pilar Castiglia e l’attivista Lav Angelica Petrina) picchiate selvaggiamente e derubate. Il Comune non ha speso una parola per loro.
BONANNO. Non conosco le motivazioni per cui l’amministrazione non sia stata vicina a loro. Noi auspichiamo un’inversione di tendenza.
MASTROCOLA. Io sono figlio di un maresciallo dei carabinieri e ho prestato servizio come ufficiale della Marina nella capitaneria di porto. Faccio questa premessa per dire che ritengo l’episodio assurdo e, al di là del percorso giudiziario, il Comune avrebbe fatto bene a prendere una posizione e spendere qualche parola.
MIGNEMI. Hanno sbagliato. È una mancanza del Comune. La vicinanza a chi è stata vittima di violenza sicuramente andava manifestata.

Proprio ieri c’è stata l’udienza preliminare, che vede 18 imputati (tra cui 8 vigili urbani). Sono 10 le richieste di costituzione di parte civile. Manca quella dell’amministrazione Glorioso. Da semplici cittadini, vi sentite rappresentati da questa scelta o è motivo di vergogna?
BONANNO. Non conosco i dettagli per cui l’amministrazione non si è costituita parte civile. È chiare che può creare imbarazzo. Bisogna esaminare gli atti e prendere una decisione nel più breve tempo possibile.
MASTROCOLA. Non conosco i dettagli processionali. Se non è stato fatto per paura, leggerezza, superficialità è stato un enorme errore.
MIGNEMI. L’assenza del Comune è una mancanza, ma bisogna capire esattamente come sono andati i fatti. Cosa che conosco, ma solo a livello giornalistico.

In udienza dibattimentale, se lei sarà eletto, potrà probabilmente rimediare. Lo farà?
BONANNO. Valuteremo, sicuramente sì.
MASTROCOLA. Certamente lo farò, dopo avere visto le carte.
MIGNEMI. Vedendo gli atti, è una delle cose da portare avanti.

A proposito di processi, l’amministrazione uscente ha creato forti imbarazzi per la mancata scelta di costituirsi parte civile nei processi “The wall” e “Garden”. Lo ha fatto per i procedimenti scaturiti dai blitz “Onda d’urto” e “Reset” perché tirata per le orecchie da Biancavilla Oggi, da un paio di consiglieri comunali e dall’associazione Libera Impresa. Se lei sarà eletto sindaco, potremmo sperare che la partecipazione del Comune in processi di mafia diventerà un atto spontaneo, convinto e dovuto?
BONANNO. Anche in quest’ambito invertiremo la tendenza. Ci adopereremo in tale direzione. La risposta è sì.
MASTROCOLA. Sono per l’assoluta legalità e tutto ciò che serve per la sua promozione, va fatto. Io dedico ore di lezioni a parlare di questi argomenti. La risposta è sì, una volta conosciute le carte.
MIGNEMI. Credo proprio di sì.

La famiglia Arena, che ha innescato le ultime due operazioni antiracket, adesso vive sotto protezione, fuori Biancavilla. Ma lamenta la distanza del sindaco (che non si sarebbe mai fatto sentire, a parte qualche messaggio Facebook) e, anzi, ritiene la costituzione di parte civile del Comune –così come è avvenuta– un atto strumentale, utile solo a ragioni di immagine. Si sente, lei, di riconoscere a questa famiglia il merito di avere scelto la via della legalità ed indicare la denuncia come unica strada per liberarsi dall’omertà e dalla cappa del racket delle estorsioni?
BONANNO. Ho massima stima, soprattutto di Luca, che conosco personalmente. Mi auguro che quanto prima possa ritornare a Biancavilla, non solo da “eroe” ma anche da esempio per le nuove generazioni.
MASTROCOLA. Assolutamente sì, ma la solidarietà da sola non basta perché ci vuole una presenza massiccia e tangibile dello Stato.
MIGNEMI. Assolutamente sì, se le persone hanno il coraggio di denunciare le estorsioni e ogni illegalità, che ben vengano. Sono a favore di chi denuncia qualsiasi illegalità.

Per il caso della cosiddetta “ambulanza della morte”, Biancavilla è finita sulle pagine dei giornali di tutto il mondo con un danno di immagine “planetario”. Toccherà a lei, se eletto, la scelta di essere presente al processo. Lo farà?
BONANNO. Sì, certamente.
MASTROCOLA. Lo farò senza dubbio.
MIGNEMI. Se verrò chiamato a questo compito, sicuramente sì.

Dopo un decennio amministrativo, Biancavilla ci viene consegnata più brutta, più incivile, più illegale. Effetto, certo, di una parte di cittadini insofferente alla convivenza e alle regole. Ma l’inciviltà e l’illegalità sono “fenomeni” che si governano e si contrastano. A Biancavilla non è avvenuto perché vige l’impunità. Lei come intende invertire la rotta?
BONANNO. Lo dicevo prima. Ci vuole un cambio di passo, investendo nella scuola. È lì che si forma il cittadino con l’educazione civica e il senso del dovere. E poi il controllo del territorio. La cittadinanza deve avere consapevolezza che l’amministrazione non solo è pronta a controllare, ma anche a sanzionare.
MASTROCOLA. Pugno di ferro, ma ci vuole un’opera di civilizzazione. Due cose che vanno assieme: educare e reprimere.
MIGNEMI. Non penso che Biancavilla sia sprofondata nel buio e che, come dicono i miei competitor, va riacquisita la dignità di essere biancavillesi. Io sono orgoglioso di essere biancavillese e non ho nessuna intenzione di cambiare totalmente Biancavilla. Sicuramente va molto migliorata. Ma dire che non c’è niente che funzioni, no. Non siamo come 20-30 fa e non va data ogni colpa all’amministrazione uscente. Governare è una cosa molto difficile. In questi giorni tutti promettiamo, ma se saremo con le mani in pasta non sarà così facile. Bisogna stare con i piedi per terra e un po’ di solidarietà nei confronti dei sindaci impegnati.

In questo contesto, l’inadeguatezza del corpo di polizia municipale è sotto gli occhi di tutti. Persino davanti al comando è possibile fare sosta selvaggia o passare e ripassare con scooter senza casco con la certezza che nessuno ti dica nulla. Un quadro emblematico di una credibilità della polizia municipale mai così bassa. Non crede?
BONANNO. Su questo metteremo ordine e rilanceremo e stimoleremo maggiormente i vigili urbani per imprimere anche qui un’inversione di tendenza.
MASTROCOLA. Se diventerò sindaco è una delle prime cose da attenzionare. Bisogna riqualificare questo corpo di polizia municipale per renderlo più presente e valorizzare quelle figure che meritano.
MIGNEMI. Purtroppo è così. Bisogna vedere, però, il contesto e certi periodi di maggiore impegno, come in questa fase elettorale. I vigili urbani non sono così di numero adeguato, sono chiamati ad affrontare diverse questioni, dalle microdiscariche al randagismo fino agli incidenti stradali. Certo, controlli più incisivi e una tiratina di orecchie ci vorrebbero. Sono convintissimo.

Ai tempi di Manna, i vigili urbani eseguivano persino arresti di qualche ex sindaco per violazioni di sigilli ad immobile abusivo. Oggi è impensabile che venga loro affidato un compito del genere. Vengono visti come “quelli delle strisce blu” e basta.
BONANNO. Io sono fiducioso che possano dimostrare di potere svolgere bene il loro lavoro.
MASTROCOLA. Viene in mente il lavoro fatto a Milano da Albertini che ha rivoluzionato il corpo della polizia municipale. Tutto sta nella capacità di riorganizzare l’intero servizio.
MIGNEMI. Bisogna rivedere, dal comandante, agli ufficiali e ai sottoufficiali, un ruolo più incisivo sia per la città e per i cittadini. Attenzionerò questo aspetto.

Se eletto sindaco, è sua intenzione sollevare dall’incarico il comandante Vincenzo Lanaia?
BONANNO. No, non penso.
MASTROCOLA. Rifletterò e prenderò la decisione più opportuna.
MIGNEMI. Dirlo ora è precoce.

È un incarico che dura ininterrottamente dai tempi di Mario Cantarella. Non vige il principio del turnover dirigenziale nella pubblica amministrazione?
BONANNO. Valuteremo.
MASTROCOLA. Assolutamente sì. C’è il principio del turnover e delle competenze. Una possibilità che prenderò in considerazione, tenendo conto delle esigenze dell’ente.
MIGNEMI. Bisogna vedere cosa dice la legge in questione.

Non si può tacere sul fatto che nel procedimento sulla fiera del bestiame, Lanaia figuri come imputato per il reato di minacce nei confronti dell’attivista Lav, Angelica Petrina. Al netto delle responsabilità penali che saranno eventualmente accertate in sede giudiziaria, le parole e l’atteggiamento di chi sta al vertice di quel corpo di polizia, le sembrano compatibili –sul piano dell’etica pubblica– con chi indossa una divisa e fa parte della pubblica amministrazione?

BONANNO. Non conosco gli atti del procedimento. Sono convinto che potrà dimostrare la sua innocenza. Fino a prova contraria…
Ma questo attiene all’aspetto penale, che non ci compete. Io facevo riferimento, invece, all’aspetto che attiene all’etica e alla politica, che resta al di là di un’eventuale sentenza di assoluzione e va valutato da chi come lei ambisce ad un ruolo pubblico.
Ma non ho letto gli atti…

MASTROCOLA. Se verranno riscontrate delle oggettività e ci sarà una condanna in tal senso, la risposta è no.
Non parlo dell’aspetto penale, ma dell’etica pubblica. Si può arrivare ad assoluzione, ce lo auguriamo. Ma –fuori dagli esiti penali– è compatibile quella condotta con la divisa e la pubblica amministrazione?
Certamente sì. Se verrà confermato questo atteggiamento, dal punto di vista etico e professionale sarà una cosa estremamente negativa.

MIGNEMI. Credo che siano inadeguate, quantomeno inadeguate.

E le pare normale che il Comune non abbia avviato nemmeno un’azione disciplinare, che esula dall’iter giudiziario?
BONANNO. Non conosco le eventuali responsabilità.
MASTROCOLA. Vuol dire che il Comune se ne assumerà la responsabilità.
MIGNEMI. Questa è una mancanza del Comune.

I carabinieri e le altre forze dell’ordine che considerazione avranno nell’esercizio della sua eventuale attività amministrativa?
BONANNO. Con loro instaureremo un rapporto di sinergia forte. Mi farò promotore della realizzazione di una tenenza dei carabinieri o quantomeno di un aumento del personale.
MASTROCOLA. Chiederò il rafforzamento del presidio dei carabinieri. I vigili urbani devono stare in strada. Ci vuole un vero sistema di videosorveglianza.
MIGNEMI. Massima collaborazione. Spero di averli sempre vicini per una tutela per me e per la comunità.

Gli appetiti di personaggi e ambienti “loschi” nei confronti del Comune come possono essere intercettati, arginati e bloccati, nell’idea che ha lei per prevenire fenomeni di questo tipo?
BONANNO. Con la massima trasparenza e il massimo rigore. Sono convinto che, dimostrando serietà ed etica nell’amministrazione la cosa pubblica, possiamo allontanare questi soggetti, che non vogliamo vedere vicini a noi.
MASTROCOLA. C’è una ricetta straordinaria: si chiama onestà. Funziona sempre.
MIGNEMI. Con la vicinanza dei carabinieri e con la denuncia di chi dovesse proporre qualcosa di illecito.

Ci sono tanti biancavillesi che non pagano regolarmente tasse, tributi e imposte, dal servizio idrico alla nettezza urbana, dagli immobili fino alle lampade votive al cimitero. Escludendo i casi di indigenza oggettiva, c’è un mix perenne di illegalità e ingiustizia sociale. La Corte dei conti ha bacchettato l’amministrazione comunale per l’incapacità a recuperare queste somme e per l’assenza di interventi. Come farà a ribaltare questa situazione?
BONANNO. Ci faremo promotori di una politica tributaria, chiedendo sin da subito la riscossione, non come è avvenuto nell’ultimo periodo con invio di bollette a casa, generando il caos, fuori dai termini previsti. Saremo intransigenti perché ce lo chiede la Corte dei conti. Considereremo i casi di indigenza, proponendo rateizzazioni. Ma bisogna far passare il principio che se paghiamo tutti, pagheremo meno.
MASTROCOLA. La situazione si ribalta facendo pagare. Bisogna capire che se non ci sono risorse, il Comune non può andare avanti. Ma io sono convinto che se ai cittadini dai i servizi, la gente si convince a stare nelle regole, al di là di chi ha problemi di indigenza.
MIGNEMI. Con interventi che creeranno molta impopolarità. Ma si sa che le casse comunali sono al collasso. Se non ci sono le entrate dovute, noi non possiamo regalare i servizi. È fondamentale che le persone (quelli che possono pagare, al di là degli indigenti) devono capire che bisogna pagare. La prima cosa da fare è avere il quadro della situazione e recuperare tutte le somme recuperabili.

Quale sarà il suo primissimo atto, appena eletto sindaco?
BONANNO. Il primissimo impegno riguarderà la richiesta di apertura del nuovo ospedale.
MASTROCOLA. Rendere omaggio floreale al monumento di Falcone e Borsellino sarebbe un’idea. Un gesto simbolico, non di lavoro.
MIGNEMI. L’atto simbolico è mettere un po’ di verde a Biancavilla, che nell’ultimo periodo è mancato. L’impegno prioritario è quello dell’ambulatorio oncologico. Cosa a cui tengo tantissimo e che ho messo come priorità nel mio programma.

Quali qualità politiche non hanno i suoi due avversari, secondo lei, per essere all’altezza di governare questa città?
BONANNO. Non hanno nessuna esperienza amministrativa e lo hanno dimostrato in questi giorni, non sapendo distinguere un’isola ecologica da un centro di compostaggio, richiedendo la Questura, che è un’istituzione di ambito provinciale, o dichiarando che il sindaco non può fare nulla per le scuole superiori. Non hanno credibilità politica perché negli ultimi 15 anni hanno cambiato spesso e volentieri partito. Mastrocola ha cambiato tre partiti, Mignemi è passato dal Pdl al Pd.
MASTROCOLA. Rispetto le persone. Non riesco, tuttavia, ad identificare la figura politica di Antonio Bonanno. Non riesco a decifrare il suo strato culturale e politico. Non riesco a capire cosa ci sia dietro questo agglomerato di “liste civiche”. Vorrei comprenderlo. Quanto a Carmelo Mignemi, lui ha detto che è un uomo di Centrodestra che guida una coalizione di Centrosinistra. Basta questo.
MIGNEMI. Una domanda difficile, non vorrei essere critico. Per quanto riguarda Antonio, è stato provato e riprovato che non è stato mai eletto dai cittadini, quindi è una mancanza e una pecca. Vuol dire che i cittadini non credono in lui. Vinicio è una brava persona. Però è stato molto tempo fuori e credo che non conosca appieno le problematiche del nostro fuori. Non ha contezza della vita reale di Biancavilla.

Un’ultima curiosità che ci è stata sollecitata da diversi nostri lettori. Voi seguite Biancavilla Oggi? Oppure leggete solo Repubblica?
BONANNO. Non solo sono un lettore, ma sono un appassionato lettore di Biancavilla Oggi, che seguo con molta costanza. No, non seguo Repubblica…
MASTROCOLA. Io seguo e leggo Biancavilla Oggi, che ha la caratteristica dell’imparzialità e per questo suscita il mio interesse.
MIGNEMI. Seguo Biancavilla Oggi a periodi. Sono molto impegnato con il lavoro e leggo poco i giornali. Una mancanza che riconosco. Però Biancavilla Oggi la seguo abbastanza, proprio perché si occupa dei fatti della nostra comunità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
1 Commento

1 Commento

  1. Fabrizio Salina

    8 Giugno 2018 at 22:54

    … sarà l’ennesima conferma del “…tutto deve cambiare perché nulla cambi”?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

L'Intervista

M5s assente e il tesoretto elettorale da spartire, Asero: «Ecco cos’è accaduto»

Il portavoce sotto torchio: retroscena di un dramma esistenziale e del clamoroso forfait alle Amministrative

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Cinque anni fa, le premesse c’erano tutte. Per la prima volta, il Movimento 5 Stelle faceva il suo ingresso al Consiglio Comunale di Biancavilla. Collocato tra i banchi della minoranza. Il Pd era un immenso deserto di sabbia. Dino Asero, il consigliere pentastellato eletto, aveva davanti a sé una spianata in cui sbizzarrirsi a fare opposizione al sindaco Antonio Bonanno. Sarebbe stata l’unica voce, rispetto ad un Partito Democratico ridotto in cenere. L’esclusiva prospettiva possibile, per i 5s, sarebbe stata l’allargamento del consenso e della popolarità. Per arrivare alla scadenza del mandato in una posizione dominante e dettare la linea, perfino ai Dem (in gravissimo affanno, come diagnosticato dalle recenti elezioni, sia le Politiche che le Regionali).

Invece? Invece, la competizione elettorale per le Amministrative vede l’assenza vistosissima dei 5 Stelle e di un proprio candidato sindaco (dopo le precedenti esperienze con Carmelo Petralia e Marco Vinicio Mastrocola). È uno sciogliete le righe. La fine di una storia cominciata oltre dieci anni fa, in quel Cine Trinacria. Lì alcuni ingenui, lunatici ed emeriti sconosciuti si presentarono come pungolo dei “politici di mestiere”. E inaugurarono un linguaggio, un modo, un approccio inediti a Biancavilla. Il loro clamoroso forfait a queste Amministrative? Un’incredibile opera ingegneristica di demolizione e dissoluzione di un prezioso patrimonio politico.

Consigliere Asero, lei è stato l’unico rappresentante istituzionale (portavoce, come dite voi) del M5s a Biancavilla: assume su di sé la responsabilità di questo tragico epilogo?

No, non me la sento di assumerla in toto. Sarebbe stata mia responsabilità se mi fossi staccato totalmente dal Movimento 5 Stelle. Io, invece, dichiaro pubblicamente che è stato tenuto un atteggiamento tale per silurarmi.

Lei, “capo” di fatto del movimento, prende le sembianze della vittima?

Io aderii nel 2018 ad un movimento già organizzato, perché esistente da oltre 5 anni. Mi fu chiesto di partecipare alla competizione elettorale. Una proposta tattica: si voleva riempire un contenitore e si pensava che io dovessi fare solo il portatore di voti. Accettai in extremis: forse fui l’ultimo ad essere inserito in lista. I progetti pensati da taluni, che già erano strutturati, non sortirono gli effetti sperati.

Cioè?

Io, ultimo arrivato, non solo fui il più votato, ma l’unico eletto, a “scapito” del gruppo “storico”. Da consigliere comunale, tuttavia, mi sono trovato un gruppo che anziché supportarmi, si è scagliato “contro”. Chiesi collaborazione perché il lavoro d’aula e di opposizione non è semplice. Mi fu risposto che, se non ero in grado, mi dovevo dimettere per fare posto ad altri. Ovvio che la mia attività consiliare, in questo clima, non è stata quella che avrei voluto.

Un movimento spaccato, insomma. Così i biancavillesi non troveranno sulla scheda elettorale il simbolo dei Cinque Stelle e il nome di un proprio candidato sindaco, alternativo alla destra e alla sinistra.

Ho detto 3-4 mesi fa, in riunioni o in chat interne cui partecipano pure esponenti nazionali e regionali, che se il problema fosse stata la mia persona, mi sarei messo da parte. Lo avrei fatto a condizione che il M5s fosse presente con la propria lista.

Quale la risposta?

La risposta è stata picche. Il movimento, ribadisco, è stato spaccato fin dall’inizio per la presenza di alcuni che si ritengono i “puri”, i detentori del potere. E che hanno esplicitamente dichiarato a rappresentanti nazionali e regionali la pretesa, prima di parlare della lista, di chiarire la gestione del movimento a Biancavilla. C’è chi ha rivendicato il diritto ad essere il rappresentante del gruppo territoriale di Biancavilla, a prescindere dalla rappresentanza (cioè io) in Consiglio Comunale.

In quanto unico eletto, lei avrebbe dovuto esercitare un ruolo aggregante. Così non è stato: nemmeno questa è sua responsabilità?

In quanto consigliere comunale ho assunto la responsabilità politica e giuridica del movimento. Ho chiesto a molti di intervenire per ricompattarlo. Il tentativo di aggregare l’ho fatto, ma non c’è stato verso. Io non ho smanie di protagonismo o il desiderio di fare il consigliere comunale a tutti i costi. Ma il M5s doveva continuare.

Per essere più chiari, da una parte un gruppo che ha avuto lei come riferimento e dall’altra la cerchia che si riconosce in Mastrocola: separati in casa.

Separati in casa e senza alcuna collaborazione. Quando un gruppo è diviso, questi sono i risultati e ne piangiamo le conseguenze: Movimento 5 Stelle assente dalla competizione elettorale.

Ma poi anche il gruppo a lei più vicino ha fatto perdere le tracce. Qualche domanda se l’è posta o no?

Sì, anche perché delusi dalle vicende nazionali. Molti punti di riferimento non ci sono più. A livello locale, ci siamo riuniti e siamo stati presenti.

È di poche settimane fa, però, il suo appello Facebook per parlare delle imminenti elezioni: troppo tardi?

Negli ultimi tre mesi, ogni settimana ci siamo visti all’Etna Jazz Club, messo a disposizione molto gentilmente dalla prof. Carmen Toscano. L’obiettivo era portare nomi per formare la nostra lista. Purtroppo non li abbiamo trovati. Tutti disposti a dare un sostegno, ma nessuno si è voluto spendere con il proprio nome. Consapevoli di una battaglia persa, vista la presenza di un Centrodestra molto forte con una vittoria scontata di Antonio Bonanno.

E che ragionamento è questo?

Infatti è un atteggiamento che fa cadere le braccia. La politica si fa per partecipare e dare il proprio contributo.

Anche perché si era arrivati ad ipotizzare un nome per un’eventuale candidatura a sindaco.

Era stato fatto il nome del dottor Pippo Catania: accennato soltanto in una riunione. Il progetto non è stato coltivato perché mancava il substrato fondamentale.

Non sono in pochi a ritiene che lei, in realtà, aveva già da tempo progettato l’alleanza col Pd.

Assolutamente no, nessun progetto. Anzi, c’è stato un incontro, a mia insaputa, tra M5s e Pd. Erano presenti Carmen Toscano, Rosetta Garufi e Alessandro Fallica. Un incontro nella sede del Partito Democratico.

È noto, comunque, che in Consiglio Comunale, dal Pd sono stati continui i riferimenti a prove di alleanza con il movimento, senza che lei abbia mai smentito.

Certo, ho apprezzato gli appelli del collega Alfio Distefano e mi auguravo si arrivasse ad un’alleanza. D’altra parte, la direttiva nazionale è quella di costruire alleanze per un risultato migliore.

Una volta preso atto che non vi sareste presentati, lei ha pensato di traslocare il simbolo nella lista civica di Ingiulla, che ancora veniva data distinta dal Pd.

Sì, ho parlato con Nuccio Di Paola (referente regionale dei Cinque Stelle, ndr), dicendomi che di fronte a tale volontà, era possibile realizzare l’operazione a Biancavilla.

Appunto, con il mandato di quali e quanti attivisti lei avrebbe operato in questa direzione?

Una parte non era per questa soluzione, infatti ne abbiamo preso atto. La mia richiesta, però, poneva un interrogativo: visto che non facciamo la lista, perché disperdere i nostri voti? La mia idea era quella di piazzare 2, 3 o 6 nostri attivisti nella lista civica di Andrea Ingiulla. Bisognava essere autorizzati da Roma, ma non abbiamo ricevuto risposta. A mio modo di vedere è stato un danno. Mi chiedo: quale è la funzione del Movimento Cinque Stelle a Biancavilla? Non lo so.

A quel punto, Asero, non ha pensato ad una candidatura a titolo personale nella lista di Ingiulla?

No, perché prima mi sarei dovuto dimettere ed uscire dal movimento. E io sono e resto uno dei Cinque Stelle.

Però sta fattivamente appoggiando il Pd e Andrea Ingiulla.

Ma ci mancherebbe. E sa perché? Perché, andando a scuola dove insegno, tutte le mattine vedo su un muro dell’istituto una scritta: «Chi non partecipa attivamente alla politica, attenta alla Carta Costituzionale». Firmato Piero Calamandrei.

Calamandrei di nuovo citato in queste pagine, dopo l’intervento del nostro Rosario Di Grazia a proposito del “deficit democratico” con 8 liste di Bonanno contro una di Ingiulla. Una carenza che chiama in causa non tanto l’attuale sindaco, piuttosto coloro che a lui dovrebbero opporsi. Voi in primis.

Bonanno non sta facendo male, presentandosi con 8 liste. Ci sta. Prendo solo atto che Biancavilla è un paese di Centrodestra.

Ne è proprio sicuro? Da noi intervistato, Alfio Grasso fa un’altra analisi: non c’è nessuno strapotere della destra, ma un vuoto e un menefreghismo a sinistra.

Il vuoto dipende da tutti. Ho letto l’articolo di Rosario Di Grazia sullo “squilibrio democratico” esistente. Ma oltre a denunciarlo perché, per esempio, lui non si fa avanti?

Tutti candidati, tutti consiglieri? Ognuno col proprio mestiere. Scrivere, ragionare, osservare criticamente sono comunque modalità di un impegno pubblico.

Voglio sottolineare l’importanza della partecipazione: ecco perché ammiro Andrea Ingiulla e la sua lista. Si stanno impegnando, consapevoli che la strada è tutta in salita.

Che fine farà ora il tesoretto elettorale dei Cinque Stelle? Sarà depredato o confluirà nel partito dell’astensionismo?

Penso che non ci sarà astensionismo perché le liste sono tutte strutturate. Il tesoretto dei Cinque Stelle andrà disperso, una parte nel Centrodestra e l’altra nel Pd. Il mio rammarico è proprio questo.

Se è vero che nel movimento hanno coabitato persone di diversa estrazione (da Piero Cannistraci a Carmen Toscano), è innegabile che il faro che ha orientato tutti è stata l’avversione al Pd di Glorioso e Pappalardo, alle loro politiche e alla loro gestione del potere.

Ma dobbiamo restare ancorati a quello che è successo nel passato o dobbiamo guardare oltre? Se non mi ritrovo nel Centrodestra, io devo coalizzarmi con quello che prima era il mio “nemico”. La politica è dialogo, non mondi a tenuta stagno.

Dimenticare tutto: quel che è stato è stato…

Se è necessario sì, per il bene superiore del paese. Bisogna dimenticare.

Il vostro candidato a sindaco, cinque anni fa, avendo come premessa l’amministrazione a guida Pd, criticava gli appalti ai soliti amici, gli assessori scaduti come lo yogurt, i feudi elettorali, l’affarismo per i soliti noti, sollecitava il ripristino della normalità a Biancavilla… Una pietra sopra?

Sfatiamo una cosa: la mitica giostra di Glorioso non esiste più ed è diventata la giostra di Bonanno. È cambiato qualcosa? Secondo me no: gli amici degli amici ci sono e resteranno sempre. La politica locale è questa.

Ma l’opposizione non ha prodotto, in tal senso, alcuna forte denuncia. Diciamola tutta: l’avversione martellante per Glorioso non l’avete riservata a Bonanno. Una critica interna che le viene rivolta riguarda l’opposizione timida e distratta al sindaco di Fratelli d’Italia.

Non risultano miei apprezzamenti a Bonanno. I progetti portati in Consiglio Comunale che ho ritenuto utili, li ho tutti votati, quando si trattava di progetti necessari per il nostro paese. La mia è stata un’opposizione non ostativa.

Se tutto si può rimuovere o dimenticare, ci dà una sua personale definizione della parola “coerenza”?

Per me significa raggiungere un accordo, anche con il mio nemico, purché lo si faccia nell’interesse della collettività. Non possiamo adagiarci in piedistalli per le divergenze di 5 o 10 anni fa. Bisogna ritornare sui nostri passi, fare ammenda degli errori e guardare avanti.

È la risposta più “democristiana” che potesse dare.

(Risata) Ma io lo sono, democristiano. E il mio modello è uno. È senz’altro Aldo Moro, di cui sentiamo tanto la mancanza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti