Connettiti con

In città

Riflessioni e visione del film “Coco”, bambini coinvolti grazie alla Pro Loco

Pubblicato

il

Un grande entusiasmo ha concluso l’evento targato “Pro loco Biancavilla”, che ha visto protagonisti i bambini ed i ragazzi della varie realtà parrocchiali e scolaresche del comprensorio. L’evento, che ha registrato il tutto esaurito, testimonia la grande risposta della comunità biancavillese.

Attraverso la proiezione del film cult Disney “Coco”, la Pro Loco ha voluto rimarcare la tradizione della “commemorazione dei morti” del 2 novembre, nel segno di un messaggio di speranza e riscoperta dei valori cristiani. «Quelli che, a tutti gli effetti, diventano un inno alla vita», sottolineano i promotori.

Ad arricchire il senso di questa proiezione sono state le parole di don Ambrogio Monforte che, come un vulcano carico di buoni propositi e voglia di fare, prima del film, sulla scia degli insegnamenti di Don Bosco, ha voluto tracciare le linee guida ai ragazzi per il percorso alla santità ed al vivere bene. Tre le parole d’ordine: allegria, compimento dei propri doveri ed aiuto del prossimo.

Il film ha commosso i ragazzi, che hanno recepito al massimo l’importanza del ricordo.

Messaggio condiviso dal sindaco Antonio Bonanno, che ha voluto dare il suo saluto: «È da loro che si riparte. Dalla loro voglia di scommettersi e di essere il seme che fortificherà la nostra comunità biancavillese. Complimenti a loro, complimenti all’iniziativa della Pro Loco».

Toccanti le citazioni del professor Mirko Ttrovato: «Chi nasce non morirà mai, perché vivrà nel ricordo e nel cuore di Cristo».

Una soddisfazione generale che trova conferma nelle parole del presidente della Pro Loco biancavilese, Francesco Di Mauro: «Il primo evento, organizzato quest’anno dalla nostra Associazione, abbiamo voluto che fosse un’occasione di unione per la comunità. Le recenti vicende che hanno interessato la nostra città hanno reso questa idea ancora più forte». E ancora: «Abbiamo riflettuto, con l’aiuto di Padre Ambrogio Monforte e del prof. Mirko Trovato sui valori principali della nostra cultura cristiana riferita alla imminente commemorazione dei defunti il senso della famiglia, l’importanza di conservare il ricordo dei nostri cari».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In città

Riconoscimento al dott. Calaciura per il suo impegno nella sanità

Targa consegnata al medico biancavillese in occasione di un incontro del Lions club

Pubblicato

il

Si è distinto per «il suo impegno sanitario svolto con disponibilità e competenza a favore della Comunità». Sono queste le motivazioni del riconoscimento dato al dott. Giuseppe Calaciura, medico biancavillese, già direttore generale dell’Asp di Catania. Al dott. Calaciura consegnata una targa, in occasione di incontro sulla Sanità, organizzato dal Lions Club Adrano Bronte Biancavilla, presieduto da Graziella Portale.

Le motivazioni che hanno spinto i soci dell’associazione a questo riconoscimento sono state enunciate dal past president Giosuè Greco, promotore dell’evento assieme a Salvuccio Furnari, che ha moderato l’incontro.

Il confronto si è svolto nella sala consiliare di Biancavilla. Tanti gli operatori sanitari e cittadini, che hanno apprezzato il gesto del Lions verso l’autorevole personalità biancavillese.

L’incontro si è incentrato sul tema “Sanità pubblica e privata, un’integrazione possibile?”. Sono intervenuti il direttore sanitario dell’Asp CT, Antonino Rapisarda, e il presidente regionale Aceres, Michele Sciuto.

Evidenziate le cause delle criticità in atto: le lunghe liste di attesa, le dimissioni e la carenza di personale. Ma anche i sovraffollamenti nei Pronto Soccorsi.

Espresso l’auspicio di una revisione della rete ospedaliera e della medicina territoriale. L’intento è dare seguito alle disposizioni che stanno maturando in ambito regionale per una proficua collaborazione tra Pubblico e Privato. Ne trarrebbero benefici i cittadini bisognosi di cure sanitarie e garantire il diritto costituzionale alla salute.

Presenti il sindaco Antonio Bonanno, il presidente del Consiglio Comunale Gianluigi D’Asero, il presidente di zona Lions, Dino Distefano, il dirigente Asp Franco Luca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti