Connettiti con

Scuola

La “sfida d’amicizia” tra gli alunni delle scuole “Sturzo” e “Bruno”

Pubblicato

il

Alunni della scuola media “Luigi Sturzo” da una parte, alunni dell’Istituto comprensivo “Antonio Bruno” dall’altra. Insieme, in pantaloncini e scarpette, sul manto verde del campo comunale “Orazio Raiti” di Biancavilla per disputare la “partita dell’amicizia”. Due formazioni guidate dai mister Fabio Cataffo e Antonio Rapisarda.

Un evento che, al di là del risultato finale (è stata la “Sturzo” ad uscirne vittoriosa), ha unito i due istituti scolastici nel segno della sana competizione e della fraterna amicizia.

L’iniziativa si deve ai dirigenti scolastici Sergio Marra (“Sturzo”) ed Agata Di Maita (“Bruno”) e allo staff di educazione fisica delle due scuole: Maria Sapienza con i colleghi Castelli, Dovì, Licari, La Mela e Cataffo e Antonio Rapisarda e Dino Bonanno, quest’ultimo arbitro ufficiale dell’incontro.

Un momento aggregativo che ha attirato anche molti alunni che hanno assistito alla partita da spettatori, tifando per i propri compagni. Un clima che ha ricordato quello degli anni ’80 e ’90, quando tra le due scuole si disputavano competizioni del genere, sempre con lo spirito dell’amicizia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scuola

“Come anime al vento”: così la scuola “Luigi Sturzo” ha ricordato la Shoah

Per la “Giornata della memoria” una mostra temporanea e la lettura di brani e testimonianze

Pubblicato

il

Mattinata intensa, commovente e, a tratti, struggente, quella vissuta nella scuola media “Luigi Sturzo” di Biancavilla, in occasione dell’inaugurazione della mostra temporanea “Come anime al vento”.

I ragazzi, guidati sapientemente dalle professoresse Cetty La Spina e Rosanna Polto, hanno dipinto delle magliette per la “Giornata della Memoria”. Magliette che sono state appese nei corridoi, lungo i quali sono stati esposti anche altri lavori.

Prima dell’inaugurazione, in aula magna alcuni alunni hanno letto , sia in italiano che in inglese, brani tratti dal romanzo della senatrice Liliana Segre “Fino a quando la mia stella brillerà”, testi di canzoni e testimonianze degli atti di un processo contro i colpevoli di Auschwitz.

Hanno preso parte alla manifestazione gli assessori Enza Cantarella e Luigi D’Asero con la dirigente scolastica Concetta Drago.

Con la loro musica, i professori Coniglio e Mammoliti hanno reso ancor più toccante l’evento. La mostra rimarrà visitabile per qualche giorno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili.