Connettiti con

Scuola

La “sfida d’amicizia” tra gli alunni delle scuole “Sturzo” e “Bruno”

Pubblicato

il

Alunni della scuola media “Luigi Sturzo” da una parte, alunni dell’Istituto comprensivo “Antonio Bruno” dall’altra. Insieme, in pantaloncini e scarpette, sul manto verde del campo comunale “Orazio Raiti” di Biancavilla per disputare la “partita dell’amicizia”. Due formazioni guidate dai mister Fabio Cataffo e Antonio Rapisarda.

Un evento che, al di là del risultato finale (è stata la “Sturzo” ad uscirne vittoriosa), ha unito i due istituti scolastici nel segno della sana competizione e della fraterna amicizia.

L’iniziativa si deve ai dirigenti scolastici Sergio Marra (“Sturzo”) ed Agata Di Maita (“Bruno”) e allo staff di educazione fisica delle due scuole: Maria Sapienza con i colleghi Castelli, Dovì, Licari, La Mela e Cataffo e Antonio Rapisarda e Dino Bonanno, quest’ultimo arbitro ufficiale dell’incontro.

Un momento aggregativo che ha attirato anche molti alunni che hanno assistito alla partita da spettatori, tifando per i propri compagni. Un clima che ha ricordato quello degli anni ’80 e ’90, quando tra le due scuole si disputavano competizioni del genere, sempre con lo spirito dell’amicizia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scuola

Studenti dell’Ipsia di Biancavilla impegnati in attività alla StMicroelectronics

Alternanza scuola-lavoro: la collaborazione tra gli alunni e la multinazionale è durata 9 mesi

Pubblicato

il

Nell’ambito dei percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento, gli alunni dell’Ipsia “Efesto” di Biancavilla hanno svolto attività di alternanza scuola-lavoro presso la sede catanese di STMicroelectronics, la multinazionale produttrice di componenti elettronici a semiconduttore.

La collaborazione tra l’azienda e la scuola secondaria biancavillese, durata nove mesi, ha visto gli studenti impegnati in attività di manutenzione preventiva con check-list dei macchinari presenti nello stabilimento industriale, preceduti da specifici corsi sulla sicurezza per l’esercizio delle stesse attività.

Seguiti dal Prof. Giovanni D’Amato, referente PCTO dell’istituto biancavillese, e dalla dottoressa Emanuela Alì, responsabile stage e tirocini per STM, e affiancati da tutor esperti, gli studenti hanno concluso con successo il percorso.

Questa è solo l’ultima di una serie di collaborazioni che l’istituto biancavillese ha avviato con aziende ed enti del comprensorio, con l’obiettivo di consolidare con l’esperienza pratica le conoscenze acquisite a scuola e testare sul campo le attitudini degli studenti, favorendo il loro ingresso post-diploma nel settore lavorativo della manutenzione e assistenza tecnica in ambito elettrico, elettronico, meccanico e termotecnico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti