Connettiti con

Detto tra blog

Quegli atti vandalici che allontanano l’integrazione delle persone disabili

Pubblicato

il

di CARMELO MAZZAGLIA

Uno dei nemici per l’integrazione delle persone con disabilità è il fenomeno del “vandalismo”: danni o distruzione verso beni altrui, materiali e non, per puro divertimento o incuria.

È uno dei fenomeni diffusi nel nostro paese e, come raccontato da Biancavilla Oggi, l’esempio più recente è la vandalizzazione, in piazza Don Bosco, delle “casette” in legno che sono state destinate dal “Gal Etna” a mercatino agroalimentare e che sono state distrutte due volte in pochi mesi.

Gesti vandalici che rendono difficile la costruzione di nuove strutture d’integrazione come parchi giochi, ascensori e altro e lo sviluppo del paese. E in più inducono al pensiero che progettare sia inutile perché tanto, poi, verrà distrutto ciò che è stato costruito. La conseguenza? Evitare la costruzione di beni, senza la quale non c’è integrazione. E se non c’è integrazione si determina emarginazione.

È necessario intervenire su questo fenomeno perché è un nemico per la popolazione: invece di aiutarla crescere, la fa regredire.

È giusto che questi reati vengano puniti, in modo che questa cultura sbandata venga allontanata dal pensiero comune, facendo in modo da permettere lo sviluppo del paese, che comprende quello dell’integrazione delle persone con disabilità attraverso la costruzione di nuove strutture d’integrazione.

Potrebbero essere utili telecamere di sorveglianza o altre misure di sicurezza nelle cose costruite per vedere chi compie questo genere di atti nocivi per la società: è interesse comune per tutti i cittadini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Detto tra blog

Biancavilla insensibile alla strategia “plastic free”: chiude la “Casa dell’acqua”

In altre città è un successo, da noi è un flop: mancano senso civico, rispetto ambientale e cultura “green”

Pubblicato

il

di VINCENZO RUSSO

Era stata inaugurata due anni fa in piazza Don Bosco ed era stata annunciata come un’iniziativa di civiltà. La “Casa dell’acqua” era a disposizione di tutti: il prezioso liquido controllato ed adeguatamente filtrato ad un prezzo di 5 centesimi a litro. Ognuno, con una tessera acquistabile in alcuni punti vendita di Biancavilla, avrebbe potuto riempire proprie bottiglie. Un gesto semplice con una duplice finalità: risparmiare sull’acquisto di acqua ed evitare la disporsione di plactica. Un gesto che ogni cittadino attento alla comunità e alla causa ecologica (che riguarda tutti indistintamente) avrebbe dovuto compiere con convinzione.

Invece, poche decine di biancavillesi hanno usufruito del servizio, aderendo civilmente alla strategia “plastic free” e contribuendo ad una minore diffusione della plastica. Così, mentre in diverse altre città (anche vicine alla nostra), le “Case dell’acqua” sono ampiamente utilizzate, da noi si assiste all’esatto opposto.

A Biancavilla, la ditta che gestisce il servizio ha dovuto constatare la non sostenibilità. Pertanto, la piccola struttura di erogazione idrica di piazza Don Bosco – come recita un avviso – è destinata ad essere disinstallata. Anzi, il termine ultimo era stato già fissato per febbraio per gli utenti che ancora hanno credito da spendere.

Non è una buona notizia, questa. Perché Biancavilla si dimostra ancora una volta insensibile a regole di civiltà, al rispetto ambientale e alla cultura “green”. Che grande delusione! Mi chiedo quanti politici di destra e di sinistra abbiano utilizzato la “Casa dell’acqua”, giusto per dare l’esempio.

Dove sono i cosiddetti “ambientalisti” da tastiera? E dove sono coloro che in piazza Roma avevano parlato di “plastic free”? Forse era solo un pretesto per auto propaganda a favore di telecamere per poi andare a fare la spesa, riempendo la macchina di confezioni d’acqua in bottiglie e cellophan di plastica. Sta di fatto che su 8mila famiglie biancavillesi, soltanto alcune decine hanno usato la “Casa dell’acqua”. A loro va un plauso, a tutto il resto un velo pietoso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti