Connettiti con

Pubblicato

il

L’emergenza coronavirus costringe i bambini a stare a casa, visto che le scuole sono chiuse. Ma le attivitò didattiche, riorganizzate dalle singole scuole, stanno in qualche modo continuando, grazie ai collegamenti online.

Non è stato facile per tanti genitori mettersi in linea con la tecnologia, ma superati i primi problemi di configurazione, tante classi stanno facendo lezioni tramite Internet.

È il caso dell’insegnante Fina Greco del Primo Circolo didattico di Biancavilla: «Mi sono attivata con le videolezioni, un progetto che abbiamo chiamato “A scuola in pigiama”. In questa sintesi della lezione – spiega Greco a Biancavilla Oggi – ho più di 40 bambini di classe prima di 6 anni, collegati in diretta, per cui mi è possibile interagire con tutti, ascoltarli, farli leggere, scrivere e tutto quanto altro serve per la didattica».

Un modo nuovo e per certi versi anche divertente per i bambini. «Per fare tutto ciò, la mia scuola – continua la maestra Fina – si è attivata creando, attraverso la piattaforma di “Goole suite for education”, le mie due classi virtuali protette, e poi attraverso “Classroom” faccio tutto il resto. Ho lavorato giorno e notte per attivare il tutto ma la difficoltà maggiore è stata spiegare ai genitori come procedere»

Adesso gli alunni sono online: non una vacanza forzata, dunque, ma un modo diverso di partecipare alla didattica. «Da questo punto di vista – conclude Greco – la gioia è immensa perché in in momento così difficile siamo riusciti a ridare ai nostri bambini la loro quotidianità, anche se in modalità diversa».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Abbonamenti Fce e regole scuolabus: informazioni utili per alunni e genitori

L’assessore Francesco Privitera: «Diminuita la quota di compartecipazione per il trasporto della Circumetnea»

Pubblicato

il

Da giovedì 15 ottobre sarà possibile richiedere e sottoscrivere, da parte degli studenti, l’abbonamento ai mezzi della Circumetnea. La riorganizzazione telematica della biglietteria non ha permesso che ciò potesse avvenire con l’avvio dell’anno scolastico. Un ritardo non imputabile al Comune di Biancavilla ma per il quale l’amministrazione Bonanno ha deciso di andare incontro agli studenti ed alle loro famiglie. Sarà cioè garantito l’abbonamento gratuito per i restanti 15 giorni di ottobre, senza richiedere quindi alcuna compartecipazione.

A prescindere da tutto, va ricordato che occorre in ogni caso scaricare l’App “DropTicket”. A tutto ciò, va aggiunta la domanda per il trasporto urbano che, da domani, sarà scaricabile dal sito del Comune di Biancavilla.

«Abbiamo lavorato con insistenza per riuscire a garantire quanto prima a tutti gli studenti la possibilità di poter usufruire degli abbonamenti – spiega l’assessore Francesco Privitera – e con la Ferrovia Circumetnea abbiamo avviato un dialogo costante ed efficace. Mi preme evidenziare, tuttavia, come per scelta dell’amministrazione Bonanno la quota di compartecipazione richiesta alle famiglie, sia diminuita rispetto allo scorso anno. L’emergenza Covid-19 ha stravolto tutto. Anche in questa circostanza abbiamo fatto in modo che prima venisse la sicurezza di tutti».

Biancavilla, vademecum per gli sculabus

Di seguito un breve vademecum su quello che è il comportamento da tenere a proposito del servizio di scuolabus. Precondizione per l’accesso allo scuolabus degli alunni e di tutto il personale a vario titolo operante sugli scuolabus:

  • assenza di sintomatologia (tosse, raffreddore, temperatura corporea superiore a 37,5°c anche nei 3 giorni precedenti)
  • non essere stati a contatto con persone positive al covid-19, per quanto di propria conoscenza, negli ultimi 14 giorni

COSA FARE

A CASA (a cura dei genitori o del tutore sotto la propria responsabilità)

  • misurazione della febbre allo studente prima della salita a bordo   dello scuolabus
  • assoluto divieto di far salire a bordo in caso di febbre oltre i 37,5° o nel caso in cui lo studente sia stato in diretto contatto con persone affette da covid- 19 nei 14 giorni precedenti la salita sul mezzo

IN FERMATA (a cura dei genitori o del tutore sotto la propria responsabilità)

  • tenere il distanziamento superiore a 1 metro

PRIMA DI SALIRE A BORDO (a cura dei genitori o del tutore sotto la propria responsabilità)

  • indossare la mascherina ad eccezione dei bambini al di sotto dei 6 anni e di coloro che per comprovate esigenze di salute non consente l’uso della mascherina

FASE DI SALITA (a cura dello studente)

  • procedere rapidamente verso la postazione e sedersi, indossare le cinture ove presenti

FASE DI SALITA – A BORDO (a cura dell’accompagnatore)

  • salita del 2° passeggero dopo che il primo si sia seduto

A BODRO – FASE DI DISCESA (a cura dello studente sotto la sorveglianza dell’autista)

  • tenere indossata la mascherina per tutta la durata del viaggio
  • prima scendono i ragazzi vicino all’uscita – parte anteriore del mezzo – a seguire gli altri
  • restare seduti ed attendere l’ordine di discesa fino al proprio turno
  • scendere uno alla volta evitando contatti ravvicinati
Continua a leggere

Scuola

Campo estivo in sicurezza: l’esempio dei bambini della scuola “L’albero azzurro”

Evento conclusivo con la presenza del sindaco Antonio Bonanno e dell’assessore Francesco Privitera

Pubblicato

il

Il distanziamento spiegato… dai bambini. Amministratori e funzionari comunali si sono trovati una schiera di piccoli biancavillesi con idee chiare –più di quanto spesso abbiano gli adulti– su come mantenere le distanze ed adottare dei comportamenti adeguati per arginare la diffusione del coronavirus.

La speciale “lezione” viene dai bambini della scuola paritaria “L’albero azzurro” di Biancavilla, una realtà radicata ed apprezzata, che negli anni si è distinta per serietà professionale, con l’insegnante Rosanna Cantarella e l’educatrice pedagogista Piera Cantarella.

Visitata dal sindaco Antonio Bonanno e dall’assessore alle Politiche scolastiche, Francesco Privitera, in occasione della chiusura del campo estivo, la scuola ha dato esempio di senso civico. Tutti i bambini sono stati impegnati nel cortiletto interno in un piccolo spettacolo. Lo hanno fatto, stando ognuno a distanza dell’altro, all’interno di un cerchio colorato.

L’evento è stato l’atto conclusivo di un impegno, cominciato già a luglio, per il campo estivo, rientrato nell’ambito del progetto “Ri… Mettiamoci in gioco” del Comune di Biancavilla e finanziato dal governo nazionale per il contrasto della povertà educativa, che ha tenuto conto della sospensione delle attività didattico-educative a causa dei mesi di lockdown.

Al bando hanno risposto diverse realtà sociali, associazionistiche ed educative di Biancavilla. La scuola paritaria “L’albero azzurro”, che opera a Biancavilla dal 2002, è tra queste.

Il plauso del sindaco ai grest

«I bambini –viene sottolineato– in occasione della chiusura del centro estivo 2020, hanno voluto organizzare, con l’aiuto del prezioso impegno delle educatrici volontarie, un piccolo spettacolo (con le dovute distanze) per ringraziare il sindaco, l’assessore e i funzionari per l’attenzione e la disponibilità dimostrate».  

Dal suo canto, il sindaco Bonanno ha sottolineato l’importanza dei cosiddetti «grest estivi, che siamo riusciti a finanziare attraverso i contributi economici del Governo e intercettati dalla nostra amministrazione».

Il primo cittadino, prendendo spunto dalla visita presso la scuola “L’albero azzurro”, ha rivolto un ringraziamento «alle tante famiglie ed ai nostri splendidi bambini che, nella massima sicurezza e precauzione sanitaria, stanno contribuendo a rendere indimenticabili questi giorni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili