Connettiti con

Cronaca

Inchiesta antimafia “Città blindata”, Panebianco rimesso in carcere

Provvedimento del Tribunale di Catania eseguito dai carabinieri della Compagnia di Paternò

Pubblicato

il

Era stato messo agli arresti domiciliari per ragioni familiari. Ragioni che ora sono venute meno e per questo è stato riportato in carcere. Il provvedimento restrittivo, emesso dal Tribunale di Catania, è stato eseguito dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Paternò nei confronti di Vincenzo Salvatore Panebianco, 30enne di Biancavilla.

L’uomo è indagato, nell’ambito del fascicolo “Città blindata”, per associazione di tipo mafioso, detenzione illecita di armi e munizionamento clandestino, oltre a ricettazione aggravata in concorso. È ritenuto dagli inquirenti della Direzione Distrettuale Antimafia di Catania appartenente agli ambienti mafiosi di Biancavilla.

Venuti meno i motivi legati alla sfera familiare che avevano convinto i giudici a concedergli gli arresti domiciliari, l’uomo, assolte le formalità di rito, è stato trasferito nel carcere di Catania Bicocca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA  

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Abbandono di rifiuti, due vigili urbani beccano una donna “insospettabile”

Gli agenti biancavillesi hanno identificato la cittadina incivile: dovrà pagare una multa salata

Pubblicato

il

Una donna “insospettabile” è stata colta da due vigili urbani di Biancavilla mentre abbandonava sacchetti di spazzatura. I due agenti, tra coloro assunti da poco, hanno provveduto ad identificare la donna, che ora dovrà pagare una salata sanzione. L’episodio è avvenuto nelle ore in cui si stava ripulendo la discarica illegale di via dei Pini.

«È il quadro impietoso del ‘riempi e svuota’ – è il commento del sindaco Antonio Bonanno – cui siamo costretti ad assistere per l’incomprensibile atteggiamento di pochi cittadini che inspiegabilmente non intendono adeguarsi a una regolare raccolta differenziata che proprio a Biancavilla dà i propri frutti con numeri record».

Il primo cittadino definisce «gesti ostili e insensati» le condotte di cittadini che di proposito violano le più elementari regole. La multa elevata alla cittadina incivile possa servire «da lezione –auspica Bonanno – a quei pochi incivili che ancora si rifiutano di aderire alla efficiente raccolta differenziata in tutto il territorio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti