Connettiti con

Biancavilla siamo noi

Sos dal cortile “G. da Verrazzano” tra cumuli di rifiuti e ruderi pericolosi

Pubblicato

il

Uno scenario di degrado (ma anche una situazione di potenziale pericolo), all’interno del cortile Giovanni da Verrazzano, traversa della più nota via Etnea, a Biancavilla.

Cumuli di rifiuti di ogni genere (non soltanto spazzatura, pure scarti di lavori edili o materiale plastico non differenziato) fanno pessima vista, periodicamente, in questo angolo del paese.

Effetto dell’inciviltà di qualcuno, irrispettoso delle regole. Il risultato è che gli operatori ecologici dell’impresa incaricata della raccolta dei rifiuti, pur passando regolarmente, non possono caricare sui propri mezzi tutto il materiale accumulato proprio perché non risulta differenziato.

Ma non è soltanto questo il problema che vivono le famiglie (una decina) che hanno le proprie abitazioni in questo cortile.

Esiste un immobile fatiscente, anzi un vero e proprio rudere, che rappresenta un potenziale pericolo perché diventato a tutti gli effetti una “pattumiera” ed attrattiva di gioco per i bambini.

Ecco perché c’è ci auspica tra gli abitanti della zona che da parte del Comune si intervenga in maniera definitiva per evitare che –dopo anni di indifferenza– questo scenario venga eliminato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Biancavilla siamo noi

«Chiusi in casa per causa Covid, nessuna risposta dagli operatori Usca»

Segnalazione di una mamma di Biancavilla: «Trattati come carne da macello, siamo esasperati»

Pubblicato

il

Devo segnalare, purtroppo, la mancanza di rispetto da parte degli operatori Usca. Mi sono ritrovata a dovere fare due telefonate di 50 minuti. Sono stata in attesa a lungo, senza ricevere risposta. Siamo persone che abbiamo necessità, dovuta a questo maledetto virus. Stiamo soffrendo a restare chiusi a casa.

Abbiamo chiamato per correggere degli errori fatti da loro, avendo messo in quarantena persone con ciclo vaccinale completo. Eppure non si degnano a risponderci.

Per favore, evidenziate questa situazione, nella quale si trovano altri come noi. Per favore, non siamo carne da macello. Non è giusto che veniamo trattati in questo modo al punto da esasperarci. Siamo persone che abbiamo bisogno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili