Connettiti con

Politica

Commercianti e Movimento 5 Stelle: «Eventi e bancarelle in zona Casina»

Pubblicato

il

«Fare rinascere il centro storico di Biancavilla e promuovere iniziative di richiamo, soprattutto nel tratto di via Vittorio Emanuele che va da Villa delle Favare alla chiesa dell’Idria, che è la parte che da un decennio è stata trascurata dall’amministrazione comunale fino a fare morire quasi del tutto ogni attività di tipo commerciale».

È quanto chiede il Movimento 5 Stelle di Biancavilla, che ha promosso tra i commercianti di quel tratto del centro storico una petizione rivolta alla nuova amministrazione Bonanno.

La sottoscrizione ha raccolto una quarantina di adesione e l’istanza è stata già consegnata al Comune per mano degli stessi commercianti.

«In questo ultimo decennio, a causa dell’assenza scellerata di politiche comunali delle due Giunte Glorioso è stato trascurato il nostro bellissimo centro storico, abbiamo notato un lento e costante spopolamento e successivo degrado», denunciano gli attivisti 5 Stelle.

Il movimento, già da tempo è al lavoro al fianco dei commercianti locali per cercare di valorizzare il centro storico. Avendo più volte incontrato chi nel territorio lavora, si fa promotore di una iniziativa facile da realizzare e a costo zero. L’intento e quello di non trascurare, durante le prossime festività patronali, la parte di via Vittorio Emanuele, realizzando nella stessa piccoli eventi, magari valorizzando il giardino comunale, spettacoli musicali, proiezioni o il semplice posizionamento di alcune bancarelle, anche in questa parte della città, in modo da aiutare e promuovere le attività di quella zona.

La questione approderà anche in Consiglio Comunale su intervento dell’esponente 5 Stelle, Dino Asero, con l’intento di impegnare l’amministrazione comunale nella direzione indicata dai commercianti e dal movimento.

«Si tratta di un’iniziativa di notevole interesse perché –spiega Asero– mira a riportare il cosiddetto quartiere “Casina” a quelli che erano i fasti di un tempo, quando quella parte del paese era al centro della vitalità cittadina, pur tenendo conto che negli ultimi anni altre zone (dall’Annunziata al viale dei Fiori) hanno visto il moltiplicarsi di attività. Questo non toglie il dovere del Comune di pensare ad eventi di richiamo e di promozione per la zona Casina, dove resistono, nonostante la crisi, ancora esercizi commerciali».

Sul caso interviene pure Marco Vinicio Mastrocola, già candidato sindaco del M5S, che ha affiancato e supportato in questa fase i commercianti, così come li aveva incontrati in campagna elettorale: «Ciò permetterebbe non solo di ridare visibilità e respiro economico a quella zona, ma anche di evitare i numerosi disagi che in passato si sono verificati collocando le stesse bancherelle nel Viale dei Fiori (il cui sviluppo non è certo legato ad iniziative del genere). Convinti che una rinascita culturale e sociale non possa prescindere da un risveglio economico del paese, ci faremo portavoce e sostenitori di ogni iniziativa vada in questa direzione. Ci auguriamo che la nuova Amministrazione non sia sorda alle esigenze ed alle giuste richieste dei suoi cittadini».

Nell’ottobre del 2015, i commercianti (definitisi di “serie B”) si erano fatti sentire con una presa di posizione forte con le stesse ragioni: «Siamo abbandonati da anni dall’amministrazione comunale, mai coinvolti in eventi, tanti di noi hanno chiuso ma c’è chi ancora resiste». E all’epoca a farsi carichi del grido d’allarme era stata Forza Italia. Da parte dell’amministrazione Glorioso non c’era stata alcuna risposta. Ed ora il nuovo Sos dei commercianti lanciato assieme al Movimento 5 Stelle.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

“Ultimo atto”, plauso di Fratelli d’Italia ai carabinieri per il blitz antimafia

Intervento del coordinamento provinciale e cittadino dopo l’operazione contro il clan Mancari

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Il Coordinamento provinciale catanese di Fratelli d’Italia, Dipartimento Legalità e Sicurezza, plaude all’operazione “Ultimo atto”, che ha falciato il clan di Biancavilla. E si compiace con i militari dell’Arma, attraverso una nota stampa.

«L’Arma dei Carabinieri del Comando Provinciale di Catania, con le sue compagnie poste a capillare presidio di tutto il territorio, si riconferma – si legge – un insostituibile volano di legalità. Volano che, sempre più, fornisce risposte concrete e incisive alla richiesta di sicurezza che perviene dalla collettività».

«L’effettuazione su larga scala delle attività di ricerca dei catturandi ed esecuzione delle misure restrittive a loro carico, sono state espletate mediante il supporto della Compagnia di Intervento Operativo del XII Reggimento “Sicilia”, dello Squadrone Eliportato “Cacciatori Sicilia”, nonché dei Nuclei Elicotteri e Cinofili», sottolinea il partito di Giorgia Meloni.

×Quei reparti di cui – prosegue la nota – a motivo dell’elevata professionalità che li caratterizza, Fratelli d’Italia ha in diverse circostanze auspicato l’impiego sul territorio. Impiego che si spera possa essere esteso nel più breve tempo possibile, a seguito della richiesta dei competenti organi, anche alle attività preventive, per come è già accaduto a Caivano».

A poche ore dal blitz erano intervenuti già il coordinamento cittadino e il gruppo consiliare di Fdl. «Sentiamo il dovere di esprimere le più sentite congratulazioni alle forze dell’ordine che ancora una volta hanno dato dimostrazione di efficienza e competenza nell’ambito dell’operazione antimafia portata a termine nel nostro territorio”. Queste le parole di Angelo D’Urso e del consigliere Dino Caporlingua. Dal canto suo, il sindaco Antonio Bonanno, congratulandosi con i carabinieri, ha annunciato che il Comune si costituira parte civile nel processo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, "Biancavilla Oggi" non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili.