Connettiti con

In città

Raduno di auto e moto d’epoca: vince la “600” del boom economico

Pubblicato

il

Esposizione di veicoli che hanno fatto la storia. Luca Galvagno, presidente del club: «Tutto è nato nel 2012 da un gruppo di amici appassionati, ora siamo 400».

 

di Alessandro Rapisarda

Secondo raduno di auto e modo d’epoca, organizzato in piazza Roma dall’Auto Moto Club di Biancavilla, che coinvolge circa 400 appassionati. Esposti nel centro storico modelli che hanno fatto la storia dell’automobilismo e dei ciclomotori nell’ultimo secolo. Tra i veicoli in mostra, le Fiat Cinquecento e le Vespe di diverse serie e diversi periodi storici che hanno motorizzato l’Italia, come la Abarth, diventata un mito tra i collezionisti.

«L’evento è nato per caso – racconta a Biancavilla Oggi, Luca Galvagno, presidente del club – siamo un piccolo gruppo di amici che condividiamo questa grande passione. Era il 2012 quando abbiamo iniziato questa avventura, costituendo il club e l’anno successivo abbiamo organizzato il primo raduno, che si è trasformato subito in un grande successo. Quello di oggi vuole essere la prosecuzione del primo evento. Un momento molto impegnativo, ma diventato per noi importante perché coinvolge tutti i soci».

Non passa inosservata l’enorme cura e attenzione di collezionisti e appassionati di dettagli e sfumature su auto e moto, con i partecipanti che si “sfidano” in chi più riesce a conservare l’originalità e la particolarità di carrozzeria, oltre ai componenti del motore dei veicoli.

Tra i vari modelli esposti, anche una fiammante e ben tenuta Fiat Seicento del 1962 di proprietà del biancavillese Salvo Anfuso: un modello-simbolo del boom economico in Italia. Meritato il premio della giuria. Così come meritato, per la categoria moto, è stato il riconoscimento per una moto Guzzi degli anni ’30, custodita da Nino Russo, altro appassionato di Biancavilla.

La manifestazione, patrocinata dal Comune di Biancavilla, oltre all’esposizione dei veicoli in piazza, ha previsto una carovana in strada fino ad arrivare a Bronte per il momento conviviale conclusivo tra tutti i soci.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In città

A 30 anni dalla strage mafiosa di Capaci, Biancavilla non dimentica

Inaugurato un murale di Placido Lavenia con l’immagine simbolo di Falcone e Borsellino

Pubblicato

il

Biancavilla ha celebrato il 30° anniversario della strage mafiosa di Capaci. Lo ha fatto con il coinvolgimento degli alunni delle scuole cittadine con cartelloni e slogan. Il ricordo di Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli uomini della scorta, Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani, ha visto in prima linea i vertici istituzionali.

A fianco al sindaco Antonio Bonanno, anche il presidente del Consiglio Comunale, Martina Salvà, e il comandante della stazione dei carabinieri di Biancavilla, maresciallo Fabrizio Gatta.

«Vogliamo ‘creare’ –ha detto il sindaco Bonanno– la memoria in quanti non erano nati nel 1992 per testimoniare della grandezza di uomini che hanno difeso la legalità nel nostro Paese a costo della vita. E con le armi del diritto, l’Italia intera ha saputo reagire dopo il periodo buio delle stragi».

Diversi momenti hanno caratterizzato la mattinata di iniziative. In via Benedetto Croce è stato inaugurato un murale, realizzato da Placido Lavenia, che riprende la foto famosa di Falcone e Borsellino che sorridono insieme. “Gli uomini passano, le idee restano”, recita la scritta a fianco.

«L’opera -spiega Lavenia- è stata realizzata volutamente con i tratti del fumetto. Ho pensato a Falcone e Borsellino come due supereroi da far apprezzare ai nostri ragazzi per i loro poteri eccezionali. Personaggi con i “costumi” della toga di magistrato e la forza delle ali della libertà. Supereroi dal cuore che batteva grazie alle loro idee e che continua a battere d’amore per la nostra terra di Sicilia».

A Villa delle Favare, infine, si sono esibiti i ragazzi dell’Orchestra della scuola media “Luigi Sturzo” di Biancavilla.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili