Connettiti con

Cronaca

Un altro schianto con lo scooter: sangue e morte in viale dei Fiori

Pubblicato

il

incidente Francesco Taormina 3

Carabinieri e vigili urbani effettuano i rilievi sul luogo dell’incidente (foto Tva Adrano)

di Vittorio Fiorenza

Sangue e morte macchiano ancora una volta l’asfalto di viale dei Fiori. Un’altra vita spezzata. A morire in un incidente con il suo scooter è stato l’adranita Francesco Taormina, che avrebbe compiuto 27 anni il 30 giugno. Nessuna possibilità di salvarlo: i soccorritori del 118 hanno solo constatato la morte.

Secondo carabinieri e vigili urbani, Taormina, a bordo della sua Honda SH 300, stava procedendo in direzione Adrano, quando l’auto che gli stava davanti, una Fiat Punto, guidata da un 52enne di Biancavilla, ha accennato di svoltare a sinistra per entrare in una cooperativa agricola.

Francesco Taormina, neanche 27 anni (foto Facebook/Adrano Dreamers)

Forse il veicolo ha acceso la freccia all’improvviso, forse lo ha fatto nel momento in cui il giovane cominciava un sorpasso, forse lo scooter era a velocità sostenuta. Dettagli da chiarire, dettagli da verificare.

Fatto sta che la Honda è andata a finire violentemente su un muretto, provocando gravi e fatali ferite al giovane, che sarebbe morto sul colpo. A quanto pare non indossava il casco, pur avendolo con sé.

La salma si trova ora all’obitorio dell’ospedale “Garibaldi” di Catania per gli accertamenti che vorrà fare il medico legale Giuseppe Ragazzi, su disposizione del pm Alessia Minicò, chiamata a coordinare le indagini per accertare eventuali responsabilità sull’ennesima vittima sul manto stradale, fin troppo insanguinato, di viale dei Fiori.

«Viale della morte»

Già, il nome di Francesco Taormina è soltanto l’ultima di una serie di vittime su questa arteria che da Biancavilla porta ad Adrano, trafficata ogni giorno da migliaia di veicoli. Lo scorso 4 maggio, a poche centinaia di metri di distanza dall’incidente di questa mattina, è morto il biancavillese Alessandro Calvagno di 42 anni. Nel 2007, stessa sorte per un 23enne di Adrano, Alessandro Salamone.

E non si contano più, ormai, gli incidenti non mortali che hanno coinvolto soprattutto giovanissimi. Gli abitanti, inascoltati, segnalano da anni, in particolar modo nel periodo estivo, corse notturne tra moto, auto e pesino cavalli.

«Il viale dei Fiori –interviene il presidente della “Onlus Protezione Civile Biancavilla”, Giuseppe Scandurra– rischia di trasformarsi nel “viale della morte”. Presenti sul luogo dell’ennesimo incidente, abbiamo potuto costatare inermi la fine della vita di una persona. Auspichiamo che l’ente gestore della strada in questione (cioè il Comune, ndc) si decida ad adempiere ai propri doveri, mettendo in atto ogni opera adeguata a garantire i margini minimi di sicurezza, a tutela del diritto assoluto costituito dalla vita umana».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Liti di vicinato all’ombra dell’Etna: querelle nel cuore delle Vigne

Denunce tra la struttura di accoglienza “Casa di Maria” e i proprietari dei terreni circostanti

Pubblicato

il

È una lite di vicinato che dura ormai da anni a colpi di denunce e carte bollate. Un pessimo rapporto tra confinanti, nel cuore delle Vigne di Biancavilla, ai piedi dell’Etna. Da una parte Casa di Maria, la struttura che accoglie bambini e donne in difficoltà e che, sotto la guida dei coniugi Sergio Pennisi e Carmela Comes, svolge un’importante attività sociale. Dall’altra, la famiglia Borzì, che è proprietaria dei terreni circostanti.

C’è adesso un verdetto del Tribunale di Catania. La prima sezione penale, a firma del giudice Cristina Giovanna Cilla, ha emesso sentenza di assoluzione nei confronti di Giuseppe Borzì e del figlio Placido, assistiti dall’avv. Vincenzo Nicolosi.

Erano accusati di diffamazione (ma «il fatto non sussiste») e ingiuria (ma «il fatto non è più previsto dalla legge», essendo stato depenalizzato). Una terza accusa, relativa alla detenzione di munizioni, è andata in prescrizione. La sentenza dispone pure «la confisca delle munizioni in sequestro e la loro trasmissione alla competente Direzione di artiglieria».

È soltanto uno dei capitoli di un’articolata querelle tra le due parti, che ha strascichi anche in sede civile. Resta pendente ancora, a carico dei Borzì, una denuncia per lesioni personali, il cui procedimento entrerà nel vivo l’anno prossimo.

Altre querele sono state prodotte negli anni. Lungo l’elenco delle accuse nei confronti dei Borzì: violenza privata, stalking, estorsione, violazione di domicilio, danneggiamenti, incendio e persino atti osceni in luogo pubblico. Ipotesi di reato per le quali non si è avuto seguito o, come nel caso della violenza privata, è stata disposta l’archiviazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili