Connettiti con

Politica

Il sindaco Bonanno ricorda: «Quella volta che mi chiamò Silvio Berlusconi»

La morte del Cavaliere. Il primo cittadino di Biancavilla: «Se ne va uno statista e un grande leader»

Pubblicato

il

«Se ne va uno statista, con lui l’Italia è stata al centro della scena internazionale. Fautore del bipolarismo, la destra deve tanto a lui. Lo ricorderemo come un grande leader, un grande imprenditore e un grande uomo di sport».

Con queste parole, il sindaco di Biancavilla, Antonio Bonanno, rende omaggio a Silvio Berlusconi, scomparso all’età di 86 anni, trenta dei quali passati in politica.

Il primo cittadino ricorda pure quando il Cavaliere, qualche settimana dopo la sua elezione a sindaco nel 2018, lo chiamò per congratularsi.

«Mi trovavo a Catania, in un negozio di ottica per acquistare degli occhiali da vista. Ero intento – racconta Bonanno a Biancavilla Oggi – a scegliere tra i vari modelli, quando mia moglie, che aveva il mio telefono e che aveva risposto ad una chiamata, viene da me di corsa. E mi dice: “È Berlusconi!!!”. Si può immaginare la faccia della commessa, che non sapeva chi fossi io. Pensai: sarà uno scherzo. E invece era proprio lui. Era Silvio Berlusconi. Era stato Gianfranco Micciché a dargli il mio numero. Mi chiamò per congratularsi».

Non una telefonata sbrigativa e di poche parole. Berlusconi si soffermò con il giovane amministratore appena insediatosi al palazzo comunale di Biancavilla.

«Chiese di me e della mia persona e poi – ricorda ancora Bonanno – mi diede una serie di suggerimenti e consigli. Mi disse di intervenire sul decoro urbano, di mettere dei fiori e di dare subito l’impronta del cambiamento. Mi raccomandò ancora di prestare molta attenzione agli anziani. Mi lasciò, assicurando che lui sarebbe stato sempre disponibile a dare suggerimenti. Una telefonata di cui conservo un bel ricordo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Politica

Carenza idrica, riunione d’urgenza a Biancavilla: stanziati 85mila euro

Disservizi in varie zone: sopralluogo nei pressi di viale dei Fiori, dove i disagi sono più marcati

Pubblicato

il

A Biancavilla, come nel resto della Sicilia, si registra una carenza idrica che sta portando una serie di disservizi in viarie zone. L’abbassamento delle falde nei tre pozzi cittadini ha prodotto un calo di circa 13 litri al secondo. Per affrontare e risolvere i disagi, l’amministrazione comunale ha stanziato 85mila euro da utilizzare per la manutenzione straordinaria dei pozzi.

Una riunione convocata d’urgenza dal sindaco Antonio Bonanno ha chiamato al palazzo comunale gli assessori Vincenzo Giardina e Mario Amato. Con loro anche il capo area del settore, il responsabile della Protezione Civile del Comune e i fontanieri comunali.

«Grazie alle risorse messe in campo – dice Bonanno – provvederemo a spurgare i pozzi e ad attuare interventi migliorativi che ci permettano di recuperare l’acqua perduta e tornare ai normali livelli di erogazione. Nel frattempo abbiamo attivato la Protezione Civile per mettere sin da subito a disposizione dei cittadini un’autobotte per il rifornimento delle abitazioni rimaste all’ascolto. Un’autobotte comunale – lo ricordo – è attiva da giorni».

Un sopralluogo del primo cittadino e dell’assessore Giardina è stato effettuato nella zona di Viale dei Fiori, dove l’erogazione idrica, in maniera più marcata rispetto ad altre aree cittadine, si muove a macchia di leopardo. In altre zone sono state riscontrate delle perdite in corso di riparazione.

Un’emergenza siciliana

«Va da sé che a nessuno di noi sfuggono le dimensioni della crisi idrica in atto, fenomeno di vasta portata che ha indotto il presidente della Regione Siciliana Schifani a chiedere lo stato di emergenza e a invitare tutti i siciliani a un utilizzo razionale della risorsa acqua. Sulla scorta di queste sollecitazioni, anche il Comune di Biancavilla – sottolinea Bonanno – emanerà nei prossimi giorni una serie di direttive affinché nessuno sciupi l’acqua che ha a disposizione». 

Le ditte che dovranno eseguire i lavori di manutenzione straordinaria sono già stata incaricate. Nei prossimi giorni i cittadini saranno avvertiti in tempo utile quando l’erogazione dai pozzi sarà interrotta per consentire gli interventi.

«Rivolgo sin d’ora un appello a tutti i biancavillesi a razionalizzare l’acqua. Sappiate – conclude il sindaco – che alla questione idrica la mia amministrazione sta dando priorità assoluta».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti