Connettiti con

Politica

120 ettari di boschi da regalare: il Consiglio dice “no” a Glorioso

Pubblicato

il

visitatori-nella-pineta-comunale

Un gruppo di visitatori nella pineta di Biancavilla in un’iniziativa dell’associazione “Casa Mirio”

Affossata la proposta della giunta per cedere alla Regione la nostra pineta. Contrari Centrodestra e gruppo misto: «Ingiusto privarci di un bene prezioso solo perché Glorioso è incapace a gestirlo». Il sindaco: «Occasione persa».

 

di Vittorio Fiorenza

Cedere per vent’anni oltre 120 ettari di patrimonio boschivo di Biancavilla all’Azienda Foreste Demaniali di Catania in cambio di gestione e manutenzione. Una proposta della giunta Glorioso, bocciata dal Consiglio Comunale: ennesimo effetto della mancanza di una maggioranza politica. Centrodestra e gruppo misto hanno votato no.

Secondo il sindaco «è stata sprecata inutilmente un’importante opportunità per assicurare manutenzione e interventi a tutela del bosco della nostra pineta, a costo zero per il Comune grazie a questa convenzione».

Tra i consiglieri contrari, viene rivendicata invece la «difesa degli interessi dei biancavillesi contro una convenzione generica che, per supplire all’incapacità dell’amministrazione comunale di trasformare la pineta in occasione di sviluppo, avrebbe regalato un bene di inestimabile potenziale».

L’area interessata è classificata come bosco di alto pascolo o pascolo incolto-produttivo.

«La natura e la pineta –dice Glorioso– non possono essere oggetto di scontro politico, auspico che ci si possa ravvedere e, se ci saranno le condizioni, proveremo a collaborare con l’Azienda Foreste laddove sarà possibile, indipendentemente dalle valutazioni politiche di altri che hanno perso un’opportunità per dare prova di compattezza della politica tutta».

Argomentazioni ribaltate da Marco Cantarella di Fratelli d’Italia: «Una convenzione scritta su un prestampato, senza obiettivi concreti e verificabili, su cui il Comune non ha messo un dito. Avremmo dato alla Regione la possibilità di dare concessioni a terzi. Perché non lo fa il Comune? Un bando potrebbe individuare privati per la realizzazione di parchi tematici, da cui ottenere indennizzi, manutenzione, pulizia e custodia. Invece qui non c’era alcuna progettualità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Bonanno dà l’annuncio atteso da oltre 16 anni: «Approvato Prg di Biancavilla»

Un lunghissimo iter per uno strumento urbanistico già superato, il sindaco: «Adesso va adeguato»

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Dopo un iter durato oltre 16 anni, l’assessorato regionale al Territorio e Ambiente ha ufficialmente dato il via libera al Piano Regolatore Generale di Biancavilla. Gli ultimi passaggi di sorta erano state le controdeduzioni inviate dal Consiglio Comunale alla Regione.

«In altri tempi, avremmo potuto parlare di un traguardo storico ma oggi mi preme, semmai, evidenziare come siamo riusciti a condurre in porto una nave che era stata fatta arenare durante il suo tragitto», spiega il sindaco Antonio Bonanno.

Il percorso burocratico-amministrativo per l’adeguamento del Prg è cominciato durante la Giunta del sindaco Mario Cantarella.

«Abbiamo sbloccato un iter fermo da anni. E questo è un fatto. Ma questo Prg, così come ho avuto modo di sottolineare in decine di altri interventi, è anche –sottolinea Bonanno– un Piano abbondantemente sorpassato. E questo è un altro fatto».

«Siamo riusciti chiudere un capitolo che incideva anche sulla tutela della salute in riferimento alla specificità della fluoroedenite ed ai parametri di sviluppo legati alla nostra città ed al territorio».

«Assieme alla mia giunta, al consiglio comunale, alle forze politiche e sociali e di concerto ai tecnici penseremo a come migliorare un Prg che va riportato al passo con i tempi e, dunque, con le esigenze dei biancavillesi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili