Connettiti con

Cultura

Di buon mattino, pronti per andare al lavoro in campagna: quando si “sbilava”

Un termine che, da una metafora presente in ambito marinaresco, approda… in quello “terrestre”

Pubblicato

il

A Biancavilla i braccianti sbìlunu, cioè vanno di buon mattino a lavorare nelle campagne, tanto che sbilari è in qualche modo sinonimo di ṭṛavagghjari: dumani è festa e nan-zi sbila “domani è festa e non si va a lavorare”. Quando si andava nelle campagne della piana di Catania per i lavori agricoli stagionali che richiedevano molto tempo (ad esempio per la mietitura), si diceva che si sbilava â chjana ppi-cchìnnici iònna. Ma anche i pastori sbilàunu, portavano, cioè, le pecore al pascolo, oppure si allontanavano dall’ovile. Questi significati di sbilari che abbiamo visto sono circoscritti a un’area della Sicilia che comprende i dialetti etnei occidentali e quelli ennesi e messinesi confinanti.

In altre località il verbo vale genericamente a) “uscire, andar fuori di casa”, ad es. per sbrigare una qualsiasi incombenza; b) “uscire di fretta, senza una meta precisa”; c) “uscire furtivamente, detto di un ragazzo”; d) “andar via di casa per sfuggire a una situazione spiacevole”. Ma può significare anche “incamminarsi rapidamente verso un certo luogo”, “partire, affrontare un viaggio più o meno lungo”, oppure “emigrare dal paese in cerca di lavoro”: sbilò ppâ Ggermània “è partito/partì per la Germania in cerca di lavoro”. Il verbo, infine, può essere riferito agli animali, alle pecore che sfilano e vanno al pascolo.

Varianti della nostra voce sono sbirari, attestato a Bronte, bbilari a Capizzi, dove ha assunto il significato di “dirigersi a velocità verso un luogo” e dove è registrato il modo di dire, probabilmente di origine scherzosa, bbilari ccû furcuni “andare a caccia col fucile”. A Naso, nel Messinese, vi è, infine, la var. svilari “incamminarsi velocemente verso un luogo”.

Fra i derivati troviamo sbilata “gita, sfilata, corsa” e bbilata, nella rase fari na bbilata “fare una passeggiata o una gita a caccia”.

La metafora della nave a vele spiegate

Le fonti lessicografiche più antiche, meno attente al mondo del lavoro, sono avare di informazioni, però ci mettono, almeno in questo caso, sulla strada giusta per comprenderne l’origine e la motivazione. Ecco cosa scrive il Pasqualino nel suo Vocabolario etimologico siciliano italiano e latino (1785-1795): «*Sbilari metaforicam. vale, fuggire con prestezza, e nascostamente, svignare. solum vertere, tolta la similitudine delle vele della nave, che corre a vele gonfie».

Analizzando, dunque, il nostro verbo, diciamo subito che si tratta di un derivato del nome vila (dal lat.vēla, pl. di vēlum «vela», passato a femm. sing. nel latino parlato) “vela della nave” col prefisso s-, come in sbampari “prendere fuoco” (da vampa “fiamma, fuoco”) sbaniḍḍari “uscire, venir fuori da un vicolo” (da vaneḍḍa “via, strada”), sbintari “mandare fuori fiato, vapori, aria e sim.” (da ventu “vento, aria”), ecc. Sul piano semantico si può osservare che si tratta di una metafora che dall’ambito marinaresco, “*uscire a vele spiegate”, approda, è il caso di dire, in quello terrestre, in generale, dove conserva il tratto della “velocità”, e in quello agricolo e pastorale, in particolare.

PER SAPERNE DI PIU’

“La Sicilia dei cento dialetti” di Alfio Lanaia

ORDINA ONLINE

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Cultura

Ecco perché a Biancavilla (e in Sicilia) il “parvenu” diventa “viddanu rripuddutu”

Dal latino “germogliare”: l’uso da Nino Martoglio fino ad Ottavio Cappellani e a Carmen Consoli

Pubblicato

il

Nelle gerarchie sociali un posto particolare è occupato dal parvenu, cioè, secondo la definizione dei dizionari, una «persona arricchita rapidamente, che, pur affettando presuntuosamente una certa distinzione, conserva almeno in parte i modi e la mentalità della condizione sociale precedente». In italiano si potrebbe chiamare arricchito o neoricco, ma evidentemente questi sinonimi non rendono giustizia al significato del francesismo parvenu.

In siciliano e a Biancavilla in particolare c’è invece un sinonimo perfetto che assomma su di sé tutte le nuances, le sfumature del parvenu. Si tratta di rripuḍḍutu, spesso usato nella locuzione viḍḍanu rripuḍḍutu, cioè una persona che si è arricchita rapidamente e che da un giorno all’altro ha cambiato la propria condizione economica e il proprio status sociale, ma lasciando trasparire nei comportamenti, nel modo di parlare, di vestire ecc. la condizione e la posizione di provenienza.

In altre parti della Sicilia sono note altre varianti (arripuḍḍutu, arripuḍḍṛutu, rripiḍḍutu, rripullutu ecc.) e altri significati: a) “di albero che ha messo nuovi germogli”, b) “di vecchio arzillo e vivace”, c) “di persona che si è ripresa economicamente dopo un crollo finanziario”; d) una gaḍḍina rripiḍḍuta è una “gallina che ha rinnovato le penne”.

Tra l’altro, di rripuḍḍutu le fonti registrano significati, attestati per lo più nella Sicilia occidentale, che sembrano opposti a quelli della Sicilia orientale: a) “di piante e animali che crescono stentatamente”; b) “invecchiato, raggrinzito”; c) “intirizzito dal freddo”; “delle galline che non fanno più uova” ecc.

Sono molte le attestazioni letterarie dell’aggettivo nella Sicilia orientale, come, ad es., Nino Martoglio (Civitoti in pretura):

DONNA ‘NZULA –  E tuttu ppi cui? Ppi ‘na furmaggiara arripudduta!

Fra i contemporanei troviamo Ottavio Cappellani, rispettivamente, in Sicilian Tragedi (2007) e Chi ha incastrato Lou Sciortino? (2009):

[…] è stanca di vivere in quella casa con quell’arripudduto di suo padre che in gioventù si guidava la betoniera […]

La signorina Niscemi nesci la funcia in alto. «Accussì ci pare che non vuoi parrare co’ nessuno perché ti parono arripudduti e non ci vuoi dare la confidenza».

Recentemente lo troviamo in Valerio Musumeci (Agata rubata, 2021):

Si era sforzata di non pensarci, mentre con il sorriso di sempre salutava dame più o meno titolate, signore più o meno arripuddute.

Carmen Consoli usa l’aggettivo nel testo della canzone ’A finestra:

Sugnu sempri alla finestra e viru genti ca furria pà strata

Genti bedda, laria allegre, mutriusa e siddiata

Genti arripudduta cu li gigghia isati e a vucca stritta

“Turi ho vogghia di quaccosa, un passabocca, un lemonsoda”.

La locuzione «genti arripudduta» viene così spiegata da Elena Raugei (Carmen Consoli. Fedele a se stessa, 2010): «arricchiti di bassa estrazione sociale che sfoggiano ciò che posseggono e ripudiano l’accento siciliano, le proprie radici per darsi un tono internazionale».

Poche, invece, le attestazioni letterarie relative ai significati “negativi”, come in questa di Santo Piazzese (Il soffio della Valanga, 2002):

Oramai nessuno si marita più tanto giovane. Le spose che arrivano qua sono tutte mezze arripuddrute.

O in quest’altra, tratta da un racconto di Giovanna Di Marco (Ciulluvì, 2021):

Sua nonna piccola e arripudduta se ne stava sempre seduta su una sedia in un angolo della cucina e ripeteva sempre quella parola, Ciulluvì, rivolta verso suo padre che vendeva frutta all’angolo della strada e poi si andava a giocare quello che guadagnava. 

Il nostro aggettivo deriva dal participio di rripuḍḍiri “mettere nuovi germogli” e “intristire, crescere stentatamente, riferito a piante e animali”, un caso di enantiosemia (sviluppo di due significati opposti), dunque. Alla base del verbo c’è il latino *REPULLARE “germogliare”, con cambio di coniugazione.

PER SAPERNE DI PIU’

“La Sicilia dei cento dialetti” di Alfio Lanaia

ORDINA ONLINE

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti