Connettiti con

Cronaca

In moto con mitraglietta e pistole: arrestato 29enne di Biancavilla

Dopo un inseguimento, giovane bloccato dalla Squadra mobile: sequestrate armi e munizioni

Pubblicato

il

Nell’ambito dei continui servizi di prevenzione e di contrasto alla criminalità, una pattuglia della Polizia di Stato ha arrestato il biancavillese Ivan Giuffrida (classe 1991). È stato colto in flagranza per detenzione e porto illegale di armi da guerra clandestine, armi comuni, munizioni e loro ricettazione, resistenza a pubblico ufficiale. In moto con mitraglietta e pistole.

In un servizio predisposto a Monte Po e a San Giorgio, personale della Squadra Mobile ha controllato una persona in sella ad un motociclo. Il giovane percorreva ad alta velocità via Gaetano Di Giovanni. L’uomo, notando che la pattuglia stava per raggiungerlo, ha aumentato la velocità. Ha cercato di speronare gli agenti, che sono stati costretti ad intraprendere un inseguimento concluso dopo poche centinaia di metri.

All’interno di una borsa a tracolla legata allo sterzo del mezzo è stata rinvenuta e sequestrata, così, una mitraglietta con matricola abrasa. Arma, peraltro, completa del relativo caricatore e 20 cartucce calibro 7.65.

Nel vano sottosella, sigillate in buste in plastica trasparente, sono state inoltre rinvenute e sequestrate: 1 pistola semiautomatica con relativo caricatore e 20 cartucce calibro 9; 3 pistole tipo revolver e 25 cartucce calibro 38 special; munizionamento vario (145 cartucce di diverso calibro).

Dai primi accertamenti, due delle citate armi sono risultate essere provento di furto.

Espletate le formalità di rito, Giuffrida è stato quindi rinchiuso nell carcere di Caltagirone a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Lite con coltello: 66enne di Biancavilla arrestato per tentato omicidio

Diverbio tra proprietari di terreni attigui, la vittima trasportata al “Maria Santissima Addolorata”

Pubblicato

il

Arrestato dai carabinieri un 66enne di Biancavilla con l’accusa di tentato omicidio aggravato. Avrebbe colpito un coetaneo di Adrano con diversi fendenti. Adesso si trova rinchiuso nel carcere di Noto. I fatti sono stati ricostruiti dai militari, dopo che la vittima si è presentata nella stazione di Adrano, chiedendo aiuto.

L’uomo, che aveva vistose ferite da taglio in diverse parti del corpo e in particolare al collo e al volto, è stato immediatamente soccorso dai carabinieri. Chiamata un’ambulanza, è stato trasportato all’ospedale “Maria Santissima Addolorata” di Biancavilla.

Secondo quanto appurato dai militari, il 66enne adranita, proprietario di alcuni appezzamenti in contrada Irveri, aveva avuto un diverbio con il padrone dei terreni attigui, un 66enne di Biancavilla, per questioni relative ai confini dei fondi. La discussione si era però tramutata in una vera e propria lite, al termine della quale il biancavillese aveva usato un coltello da cucina, ferendo l’altro. Ferite con una prognosi –stabilita dai medici di Biancavilla– in 10 giorni.

Svolte le indagini, i carabinieri hanno quindi rintracciato l’aggressore nella sua abitazione. Qui è stato trovato con la maglietta ancora sporca di sangue ed in possesso del coltello appena utilizzato. Immediato l’arresto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili