Connettiti con

Politica

L’Antiracket e gli impegni dimenticati, la Asaae: «Nessuno ci ha chiamati»

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi
di VITTORIO FIORENZA

Uno sportello antiracket a Biancavilla. Non c’è mai stato. Ma lo scorso gennaio, sull’onda emotiva dei due omicidi di mafia in 48 ore, si era fatto a gara, da più parti, con prese di posizione, comunicati stampa e tanti buoni propositi. Tra questi, anche l’istituzione di uno sportello da mettere a disposizione di imprenditori e commercianti contro le richieste di pizzo. Una proposta formalizzata anche dal Consiglio Comunale, che con un voto unanime aveva impegnato l’amministrazione Glorioso.

In realtà, si tratta di un impegno dimenticato, che salta alla mente in questi giorni, dopo i recenti blitz antimafia che hanno evidenziato anche episodi estortivi. Non se ne è fatto nulla, nonostante l’Asase (Associazione Antiracket e Antiusura Etnea) abbia dato disponibilità a collaborare.

«Avevamo dato disponibilità –specifica il presidente dell’Asaae, Gabriella Guerini– a formare tre o quattro persone ed affiancarle per il primo periodo di attività dello sportello: persone di Biancavilla, che godano di stima e nomea di onestà, al di fuori di partiti e schieramenti politici. Però dal Comune non si è fatto più sentire nessuno, non abbiamo avuto nessuna risposta da allora. Eppure, a Biancavilla, c’è necessità di muoversi in tal senso. Gli ultimi blitz hanno fatto emergere situazioni pesanti. Grazie al lavoro del procuratore della Repubblica, Giovanni Salvi, e delle forze dell’ordine si sono potuti evitati altri due omicidi, ma le indagini hanno dimostrato che a Biancavilla la mafia continua ad agire e ad essere viva».

Sulla mancata istituzione dello sportello, Fratelli d’Italia ha presentato un’interrogazione al sindaco Giuseppe Glorioso.

Il consigliere Marco Cantarella contesta e chiede le ragioni della «inoperatività dell’amministrazione comunale che, ad  oltre 320 giorni dall’impegno assunto, sembra non avere proceduto in alcuna maniera all’iter per l’istituzione, nonostante vi fossero tutte le premesse e il supporto da parte delle associazioni riconosciute nel campo dell’antiracket».

Il sindaco Glorioso, dal suo canto, si riserva di intervenire in questi giorni nel merito degli interrogativi posti dall’esponente di Fratelli d’Italia. Oltre ad essere indirizzato al primo cittadino, l’atto del consigliere comunale è stato inoltrato all’assessore Giuseppe Furnari, che a suo tempo aveva preso impegni precisi in tale direzione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

«Il sindaco ci dica se ci sono le condizioni per stare in maggioranza»

Dopo lo “strappo” in aula, intervento del gruppo “Noi per Biancavilla”: toni amari ma conciliatori

Pubblicato

il

«Amarezza per quanto accaduto e pieno consenso sulla scelta politica adottata dal consigliere Fabrizio Portale».

Si esprime in questi termini, Nino Finocchiaro, responsabile del gruppo “Noi per Biancavilla”, rappresentato in Consiglio Comunale da Portale. Il riferimento è allo “strappo” verificatosi in aula, quando il consigliere non ha partecipato al voto per la scelta dei componenti biancavillesi per l’assemblea dell’Unione dei Comuni della Val Simeto (Biancavilla, Adrano, Santa Maria di Licodia e Centuripe). Un voto che, di fatto, ha escluso Portale, preferendo altri tre componenti di maggioranza (Rosanna Bonanno, Giorgia Pennisi e Marco Cantarella), oltre all’unico componente di minoranza, Melissa Pappalardo, eletta di diritto.  

«Tale scelta operata con il consenso del sindaco Antonio Bonanno ha di fatto tradito gli impegni assunti nei riguardi della nostra lista, già esclusa da ogni rappresentanza istituzionale sia in Giunta che in Consiglio Comunale», attacca Finocchiaro, facendo eco alle dichiarazioni già espresse a caldo da Fabrizio Portale a Biancavilla Oggi. Quest’ultimo aveva “avvisato” il primo cittadino di valutare l’uscita dalla coalizione di maggioranza.

La richiesta al sindaco Bonanno

«Chiediamo al sindaco, quale garante degli impegni assunti con la nostra lista e con oltre mille cittadini che l’hanno votata, di conoscere – ribadisce ora Finocchiaro – se sussistono ancora le condizioni politiche che hanno dato luogo all’accordo in sede di campagna elettorale e se ritiene ancora necessaria ed indispensabile la nostra presenza all’interno della maggioranza».

I toni di Finocchiaro sono comunque conciliatori: «Il nostro consigliere, nell’interesse della Città, nonostante il trattamento subito è disponibile a sostenere come ha sempre fatto, tutti gli atti amministrativi che il sindaco e la Giunta Municipale fino ad oggi hanno adottato e adotteranno, previo coinvolgimento sulle scelte importanti per la nostra città. Non si può pretendere che una forza politica possa sostenere l’attività dell’amministrazione comunale, se dovesse persistere un atteggiamento di chiusura e di esclusione sulle scelte che l’amministrazione e la maggioranza che la sostiene compiono nell’adozione degli atti amministrativi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti