Connettiti con

Politica

Navetta della Circumetnea aggiuntiva per gli studenti di Biancavilla

Il sindaco Bonanno e l’assessore Privitera in “filo diretto” con il direttore dell’azienda di trasporto

Pubblicato

il

Il trasporto in sicurezza sanitaria, attivo a partire da lunedì 8 febbraio per il 50% della popolazione scolastica delle scuole superiori, è stato il punto al centro di una riunione dell’Ufficio Covid di Biancavilla, coordinata dal sindaco Antonio Bonanno. 

La ripresa parziale delle lezioni in presenza lascia inalterata l’esigenza di garantire gli spostamenti a migliaia di studenti pendolari. In questo senso assai confortanti paiono le rassicurazioni della Ferrovia Circumetnea, l’azienda che si occupa del servizio di trasporto in tutto il territorio. Nel corso del ‘filo diretto’ con il direttore di esercizio, Franco Scarpignato, è emerso che la Fce garantisce – com’è avvenuto nel passato – 8 autobus e 2 trenini per la tratta più affollata in direzione di Adrano. È qui, infatti, che si concentra un numero elevato di studenti biancavillesi che frequentano le superiori (l’altra destinazione affollata è S. M. di Licodia con l’istituto Alberghiero e il Liceo di Scienze umane). 

L’azienda catanese di trasporti, inoltre, mette a disposizione un bus navetta – capienza massima di 50 posti utilizzabili – da Piazza Sgriccio di Biancavilla a Piazza S. Agostino di Adrano che farà la spola tra le due città limitrofe negli orari di ingresso e di uscita dei ragazzi dalle scuole.

Un esperimento, quello del bus-navetta aggiuntivo, rivelatosi efficace nell’ottobre scorso quando ‘in presenza’ la percentuale degli studenti era del 75%.      

«Per quanto i trasporti non rientrino nelle nostre competenze – osserva il sindaco di Biancavilla, Antonio Bonanno – teniamo alta l’attenzione sulla mobilità studentesca perché sul piano della sicurezza a beneficiarne saremo tutti». 

«L’amministrazione – aggiunge Francesco Privitera, assessore con delega all’Emergenza Covid – ha deciso di dare un contributo anche agli studenti che hanno la possibilità di viaggiare con mezzi privati. Un piccolo segnale di attenzione anche nei confronti delle famiglie».

«Apprezzo – conclude Bonanno – la leale collaborazione dei dirigenti scolastici impegnati a rendere omogenee tra i vari istituti le fasce orarie d’ingresso e di uscita degli studenti. Lunedì mattina, alla ripresa delle lezioni per il 50% degli studenti delle superiori, saremo presenti nei punti snodo per controllare che tutto vada bene e, se necessario, apportare le dovute modifiche».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Biancavilla in balìa dell’Acoset: acqua ridotta, disservizi in vari quartieri

L’azienda riduce di 6 litri al secondo la consueta erogazione, il sindaco Bonanno si rivolge al prefetto

Pubblicato

il

L’Acoset ha ridotto l’erogazione idrica a Biancavilla. Ciò sta creando disagi agli utenti che risiedono in particolare nel centro storico (non serviti dai pozzi comunali).

Il primo cittadino ha informato della situazione la Prefettura di Catania. «Pur comprendendo le difficoltà della società idrica, il sindaco Bonanno – informa una nota del Comune – ha chiesto all’Acoset di ripristinare il più presto possibile l’erogazione idrica nelle quantità necessarie al fabbisogno dei cittadini».

Secondo il Piano Regolatore delle Acque, l’Acoset è tenuta a fornire al Comune di Biancavilla (pur non facendo parte della società) 23 litri al secondo di acqua. Di solito, tuttavia, l’erogazione è stata garantita per 27-28 l/s, un quantitativo che (unito a quello dei pozzi del Comune) riesce a coprire il fabbisogno. Adesso, però, per carenza idrica ed esigenze aziendali, a Biancavilla vengono forniti 21 litri al secondo. Un quantitativo insufficiente, che è causa dei disservizi presenti in diversi quartieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti