Connettiti con

News

Immobiliare, prezzi in netto calo in Sicilia: -3,24% registrato a Catania

Pubblicato

il

I prezzi degli immobili in Sicilia sono in netto calo, una situazione che sembra non cambiare da molti anni. Dal 2012, infatti, i prezzi continuano a scendere: basti pensare che ad agosto ’12 il costo medio era di 1.671 euro per metro quadro, e che gli ultimi dati aggiornati a novembre parlano di poco più di 1.170 euro (-1,75% rispetto allo stesso mese del 2019).

A resistere a questo calo sono alcune province in particolare, come dimostrano i 1.300 euro al metro quadro di Messina, i 1.265 euro al metro quadro di Palermo o i 1.185 euro al metro quadro di Catania. In provincia gli immobili costano mediamente di più nei comuni di Aci Bonaccorsi, Aci Castello e San Gregorio di Catania (dove si spendono oltre 1.600 euro al metro quadro), mentre i prezzi più contenuti si trovano in comuni come Randazzo, Maniace o Licodia Eubea, tutti sotto ai 600 euro.

Vendere casa: le dritte per i proprietari

L’andamento dei prezzi da quasi un decennio a questa parte agevola sicuramente gli acquirenti, ma non mette in una situazione semplice chi si trova nella condizione di vendere casa. Chi vuole mettere in vendita un immobile deve dunque avere alcuni accorgimenti, per offrire sul mercato un prodotto il più appetibile possibile.

Uno dei primi passi indispensabili è far valutare l’abitazione da un esperto, ricorrendo ad esempio anche un servizio online come quello proposto dall’agenzia immobiliare Dove.it a Catania, dai costi più contenuti rispetto a quelli di un’agenzia “tradizionale”. Una volta stabilito il prezzo “di partenza”, può essere d’aiuto fare alcuni interventi (più o meno importanti) per farne lievitare il valore. La cosa più intelligente da fare quando si ha da vendere un’abitazione molto piccola, ad esempio, è quella di cercare di ripensare gli spazi al suo interno, per organizzarla meglio e renderla il più funzionale possibile. Molto importante poi installare degli infissi moderni ed efficienti, che assicurano un risparmio energetico notevole sul riscaldamento. Anche gli spazi esterni sono importanti e se si hanno terrazze o giardini è il caso di fare qualche intervento di miglioramento per valorizzarli al meglio.

Gli interventi green che possono essere utili

Proprio questi interventi di ristrutturazione e valorizzazione, se fatti in ottica green, possono aiutare ancora di più nella vendita di casa. Il valore degli immobili sostenibili tende infatti a crescere con decisione rispetto ad abitazioni che invece non sono concepite in quest’ottica.

Ciò accade sia perché alcune caratteristiche permettono un risparmio energetico – gli infissi sopra citati, oppure un impianto fotovoltaico che permetta di generare e immagazzinare elettricità – sia perché sul mercato sono molto apprezzate dai potenziali acquirenti. L’aumento del valore stimato dopo interventi di questo tipo è anche del 10%, motivo per cui operare in campo green quando si deve vendere non è affatto un’idea sbagliata.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

Lo spartitraffico diventa “galleggiante” lungo viale dei Fiori a Biancavilla

Acquazzone d’agosto con disagi per gli automobilisti non soltanto per il consueto tratto allagato

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Solito acquazzone, solito copione lungo viale dei Fiori, a Biancavilla. Stavolta, però, con una variante, che riguarda lo spartitraffico “New Jersey” posato su un tratto di strada alcune settimane fa. Gli elementi in plastica che separano le corsie sono diventati “galleggianti” a causa del consueto accumulo di acqua piovana.

Diversi blocchi separatori sono finiti per “invadere” una delle corsie, aggiungendo ulteriore disagio agli automobilisti in transito.

La separazione “morbida” delle due corsie si lega alla presenza delle strisce pedonali rialzate. Tutto ciò -nelle intenzioni del Comune- dovrebbe favorire in maniera sensibile la riduzione della velocità dei veicoli ed escludere del tutto i salti di corsia.

Se la presenza delle “barriere” in plastica ha già evitato sorpassi azzardati, resta da risolvere l’accumulo di acqua. Un “fenomeno” presente fin dall’inaugurazione del “nuovo” viale dei Fiori, avvenuta con la passata amministrazione comunale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili