Connect with us

Pubblicato

il

Avevamo pubblicato, qualche giorno fa, un video sullo stato dalla “strada della vergogna”, la Sp 156 Dir, nel punto che segna il confine con il territorio di Adrano. Un tappeto di immondizia e un trionfo di inciviltà. Una cartolina della Valle del Simeto macchiata da questo immondezzaio a cielo aperto, che rovina l’arteria provinciale: così l’abbiamo definita.

Dopo la diffusione delle nostre immagini (le ultime di una antica serie), sono intervenuti i volontari dell’associazione Gepa, che hanno documentato con ulteriori foto e video (pure con l’ausilio di un drone) le condizioni dell’arteria. Dall’alto, la visuale è ancora più impietosa.

Ma i volontari sono anche andati oltre, cercando qualche elemento, rovistando tra i rifiuti, per potere risalire a qualcuno dei responsabili di questo scempio.

«Siamo stati con tutti i ragazzi della Gepa sulla Sp 156, dopo che voi di Biancavilla Oggi avete pubblicato il video. Sul posto abbiamo trovato –rivela il presidente Dino Petralia– fatture, carte dell’Agenzia delle entrate, codici fiscale. Ci sono nomi e cognomi che segnaleremo a chi di competenza perché si intervenga. Anzi, si deve intervenire perché è veramente una vergogna vedere quella strada in quelle condizioni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

Valle del Simeto, una cartolina macchiata dall’immondezzaio della “strada della vergogna”

Ecco il video che abbiamo girato alla fine dell’arteria che segna il confine con Adrano: ancora un trionfo di inciviltà

Pubblicato

il

A percorrere la Sp 156 Dir, che da Biancavilla porta fino ad Adrano, arteria di campagna che si affaccia sulla splendida Valle del Simeto, ci si accorge di cumuli di immondizia qua e là. Cumuli comunque meno consistenti di quanto abbiamo documentato negli anni passati.

Ma è all’incrocio che segna il confine con Adrano che lo scenario resta uguale a quello visto e ripreso già innumerevoli volte. Un tappeto di immondizia che copre l’asfalto di una parte della carreggiata e che è accumulato ai piedi di una installazione di videosorveglianza, che evidentemente non è in funzione.

Le immagini video parlano chiaro e non occorrono ulteriori commenti. Uno scenario di inciviltà che stride con lo scenario da cartolina che offre la vista verso il Simeto.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere...

News

Prenotare con whatsapp il turno alle Poste: ora è possibile a Biancavilla

Nuovo servizio utile per evitare code e attese snervanti: ecco come richiedere un ticket elettronico

Pubblicato

il

Il servizio è semplice e a portata di… smartphone. Ed è disponibile anche per gli utenti di Biancavilla. L’ufficio postale di via Benedetto Croce è inserito, infatti, tra i 50 della provincia di Catania in cui è possibile prenotare il turno attraverso whatsapp. L’applicazione di messaggistica immediata fornirà l’orario in cui si deve presentarsi allo sportello e un numero, che è quello che apparirà nel display quando è il nostro turno.

Richiedere il ticket elettronico con WhatsApp è molto semplice. Dopo aver memorizzato sul proprio smartphone il numero 3715003715, il cliente dovrà avviare una chat digitando qualsiasi testo al quale Poste Italiane risponderà in automatico proponendo alcune opzioni, tra queste la prenotazione del ticket.

A quel punto, digitando il Comune e l’indirizzo di riferimento, al cliente sarà proposto l’Ufficio Postale più vicino con l’indicazione del primo appuntamento disponibile per la prenotazione, se il cliente accetta, la prenotazione sarà inoltrata in automatico mostrando sul display del cliente il relativo codice.

Stessa possibilità di prenotare a distanza la offre l’app Ufficio Postale, scaricabile in ogni smartphone. Un modo semplice per evitare code e attese snervanti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere...
Advertisement

Nero su Bianco Edizioni

UNA VITA ANCORA PIU' BELLA Memorie di un sopravvissuto. Lettere e riflessioni inedite di Gerardo Sangiorgio, il biancavillese deportato nei lager nazisti per avere detto "no" alla Repubblica di Salò. La sua è la vicenda di un "Internato Militare Italiano" raccontata nel nuovo libro di "Nero su Bianco", curato da Salvatore Borzì con prefazione di Francesco Benigno e contributi di Liliana Segre, Massimo Cacciari, Luciano Canfora ed altri esponenti della cultura italiana.

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili