Connettiti con

Chiesa

«Troppo odio sui migranti», appello a Mattarella dalle clarisse di Biancavilla

Pubblicato

il

Anche il monastero delle clarisse di Biancavilla figura tra i 62 in Italia, che hanno indirizzato una lettera al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e al premier Giuseppe Conte, nella quale si esprime la crescente preoccupazione «per il diffondersi in Italia di sentimenti di intolleranza» verso i migranti.

L’iniziativa si chiama “Claustrali per i migranti”. Una clausura fisica, che rende comunque le suore attente osservatrici del mondo per il quale si preoccupano e pregano.

«La nostra semplice vita di sorelle – scrivono nella lettera indirizzata al capo dello Stato– testimonia che stare insieme è impegnativo e talvolta faticoso, ma possibile e costruttivo. Solo la paziente arte dell’accoglienza reciproca può mantenerci umani e realizzarci come persone».

«Molti monasteri italiani, appartenenti ai vari ordini, si stanno interrogando -viene evidenziato- su come contribuire concretamente all’accoglienza dei rifugiati, affiancando le istituzioni diocesane. Alcuni già stanno offrendo spazi e aiuti. E, al tempo stesso, tutte noi cerchiamo di essere in ascolto della nostra gente per capirne le sofferenze e le paure».

Una pioggia di adesioni da tutte le parti d’Italia. «Vogliamo  dare voce ai nostri fratelli e sorelle migranti che scappano da guerre, persecuzioni e carestie». Per questo, l’appello rivolto a Mattarella e Conte mira a chiedere «che le istituzioni governative si facciano garanti della loro dignità, contribuiscano a percorsi di integrazione e li tutelino dall’insorgere del razzismo e da una mentalità che li considera solo un ostacolo al benessere nazionale».

Parole sottoscritte dai monasteri, tra cui quello di via San Placido, a Biancavilla, a cui si sono aggiunti altri istituti religiosi e singoli laici e religiosi.

Fonti del Quirinale hanno poi reso noto che il presidente Mattarella ha letto e accolto con interesse la lettera inviatagli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
1 Commento

1 Commento

  1. Dino

    15 Settembre 2019 at 11:59

    La verita’ fa male ma noi dobbiamo dirla se no saremo dei complici. Vengono chiamati “migranti” i deportati di guerra dei governi occidentali che prima vanno a fargli le guerre straziiandoli, impoverendoli ed affamandoli e dopo li spingono come animali impauriti verso l’europa convincendoli che questa sia la loro unica ancora di salvezza.Questi non sono disperati ma occupanti. Questa e’ una guerra diversa dichiarata ai popoli europei dunque non verranno lanciate più bombe come nella seconda guerra mondiale. Non ci sono più battaglie sulle tombe come nella prima guerra mondiale. Non c’è lotta per rubare cavalli come nei secoli precedenti. Non ci sono più città ridotte in macerie. Non suonano più sirene di allarme. Non ci sono carestie. Non ci sono rifugi contro bombardamenti o attacchi atomici, né tessere per il razionamento dei cibi, i bambini non vengono messi al sicuro, non avanzano i carri armati. Eppure è guerra. Anche se il governo non ha constatato, né dichiarato questo stato di guerra, perché non vuole vederlo.
    L’ assurdo di questa guerra è che la gran parte, non comprende che è in atto. Molti non vogliono capire e si girano per non guardare le atrocità di questo tempo. Alcuni guardano le loro stupide serie televisive e ascoltano musica ad alto volume e così vengono distratti nella loro delirante frenesia. Alcuni lavorano senza fermarsi mai per non leggere queste notizie spaventosamente brutte e si ripuliscono la loro coscienza con il duro lavoro. Alcuni gridano alla totale mancanza di legge e di giustizia. Tutti noi ormai viviamo senza serenità mentre questa verità così crudele ci viene sbattuta in faccia. La giustizia non esiste. Questa e’ una guerra di invasione per dare fine agli europei e cristianesimo ed il governo italiano, come i governi nazionali degli Stati membri di questa “Unione Europea” massonica criminale, si sono schierati dalla parte dei nemici contro il nostro stesso Popolo. Italiani si e’ per sangue , per storia, per cultura, per tradizione e non per invasione questi poveretti cari ipocriti lasciateli stare a casa loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiesa

Niente esorcismi a Biancavilla: incarico non rinnovato a padre Tomasello

Decisione dell’arcivescovo: il sacerdote sarà disponibile solo per confessioni e consulto spirituale

Pubblicato

il

Padre Carmelo Tomasello, sacerdote di Biancavilla, è stato sollevato dall’incarico di esorcista diocesano. La decisione è stata presa dall’arcivescovo di Catania, mons. Luigi Renna. Il prete biancavillese, parroco a “Cristo Re” dal 2003 al 2018, è attualmente rettore della chiesa “Tutte grazie”. Una chiesa diventata meta –come per anni lo è stata quella di “Cristo Re”– di fedeli provenienti da ogni parte della Sicilia.

Affollatissime le celebrazioni di padre Tomasello, in particolare le cosiddette “preghiere di liberazione”. Il ministero gli era stato affidato, a suo tempo, dal vescovo Salvatore Gristina.

La decisione di Renna è stata quella di non rinnovare tale incarico. A darne notizia, con un avviso, è la pagina Facebook della chiesa Tutte grazie. Diversi fedeli stanno manifestando già la propria sorpresa, chiedendosi le ragioni di tale scelta.

«Secondo le indicazioni di S.E. mons. Luigi Renna, vescovo di Catania, Don Carmelo Tomasello – viene comunicato – da martedì 22 novembre sarà disponibile solo per confessioni e consulto spirituale. In caso di disturbi spirituali –prosegue l’avviso– i fedeli che ne avranno bisogno, verranno indirizzati presso gli esorcisti della diocesi di Catania».

© RIPRODUZIONE RISERVATA  

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili