Connettiti con

Politica

La miccia Pd: «I consiglieri sono tutti in regola con il versamento delle tasse?»

Formale richiesta a firma di Melissa Pappalardo presentata al segretario generale del Comune

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

I consiglieri comunali appena eletti e pronti ad insediarsi, prestando giuramento, possono vantare assoluta limpidezza nei rapporti con il Comune? In altre parole, sono in perfetta regola con il pagamento dei tributi? Hanno dei contenziosi aperti? Di che tipo e di quale gravità?

Interrogativi che potrebbero suonare fin troppo retorici. Ma sicuramente troveranno facile sponda nei cittadini, desiderosi e in diritto di conoscere se i loro rappresentanti possano essere da esempio.

Alla vigilia della prima seduta consiliare – ad un mese dalle Amministrative – è il Partito Democratico a porre la questione. E lo fa, chiedendo formale «certificazione tributaria e regolazione contenziosi di tutti gli organi politico-istituzionali del Comune di Biancavilla».

La richiesta, inoltrata al segretario generale Antonino Bartolotta e, per conoscenza, al sindaco Antonio Bonanno, è firmata da Melissa Pappalardo, unico consigliere della minoranza. L’esponente del Pd motiva la sua missiva «al fine di agevolare la trattazione dei punti che prevedono l’esame delle condizioni di eleggibilità e cause di incompatibilità dei consiglieri». Sono punti propedeutici al giuramento dei consiglieri e all’elezione del presidente e del suo vice, cui seguirà anche il giuramento del sindaco.

Al di là degli aspetti burocratici, Pappalardo pone un’esigenza di trasparenza. E sottolinea come «la classe politica debba dare l’esempio circa il pagamento dei tributi verso il Comune di Biancavilla prima di chiedere il pagamento delle tasse ai cittadini».

Gli effetti sulla vice presidenza

La lettera della consigliera del Pd ha creato qualche fibrillazione al palazzo comunale. Fuori da dichiarazioni ufficiali, c’è chi minimizza: «La richiesta non fa altro che porre una questione già prevista dalla normativa, è soltanto populismo».

C’è chi, invece, va al nocciolo politico. Il sindaco Bonanno ha dato indicazione alla sua coalizione – come anticipato da Biancavilla Oggi – di affidare a Pappalardo la vice presidenza del Consiglio in segno di rispetto della minoranza (per la presidenza l’accordo è su Luigi D’Asero dell’Mpa).

All’interno della maggioranza non sono mancati i consiglieri che si sono detti contrari a dare la seconda carica consiliare al Pd. Una schiera, pare, ulteriormente allargata dopo che la missiva di Pappalardo è stata protocollata. Si vedrà se l’indicazione del primo cittadino sarà accolta o meno dai consiglieri.

Focus sulla sede del Pd

Ad ogni modo, nelle discussioni delle ultime ore tra esponenti di maggioranza, viene rispolverata una questione già in passato accennata nei corridoi del palazzo comunale. C’è chi mette in dubbio la regolarità dei pagamenti di imposte, tributi e “bollette della spazzatura” da parte della sede del Partito Democratico, attigua alla chiesa del Rosario.

«Verifichiamo le posizioni dei singoli consiglieri, ma si proceda pure con le sedi politiche e vediamo se è tutto in regola», è in estrema sintesi il pensiero ricorrente che abbiamo raccolto.  

La prima polemica della nuova stagione istituzionale è, dunque, qui servita. Tutti gli esordienti del Consiglio Comunale possono trarre già la prima, importante lezione. Il terzo principio della dinamica vale anche in politica: «Ad ogni azione, corrisponde sempre una reazione uguale e contraria».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Politica

Carenza idrica, riunione d’urgenza a Biancavilla: stanziati 85mila euro

Disservizi in varie zone: sopralluogo nei pressi di viale dei Fiori, dove i disagi sono più marcati

Pubblicato

il

A Biancavilla, come nel resto della Sicilia, si registra una carenza idrica che sta portando una serie di disservizi in viarie zone. L’abbassamento delle falde nei tre pozzi cittadini ha prodotto un calo di circa 13 litri al secondo. Per affrontare e risolvere i disagi, l’amministrazione comunale ha stanziato 85mila euro da utilizzare per la manutenzione straordinaria dei pozzi.

Una riunione convocata d’urgenza dal sindaco Antonio Bonanno ha chiamato al palazzo comunale gli assessori Vincenzo Giardina e Mario Amato. Con loro anche il capo area del settore, il responsabile della Protezione Civile del Comune e i fontanieri comunali.

«Grazie alle risorse messe in campo – dice Bonanno – provvederemo a spurgare i pozzi e ad attuare interventi migliorativi che ci permettano di recuperare l’acqua perduta e tornare ai normali livelli di erogazione. Nel frattempo abbiamo attivato la Protezione Civile per mettere sin da subito a disposizione dei cittadini un’autobotte per il rifornimento delle abitazioni rimaste all’ascolto. Un’autobotte comunale – lo ricordo – è attiva da giorni».

Un sopralluogo del primo cittadino e dell’assessore Giardina è stato effettuato nella zona di Viale dei Fiori, dove l’erogazione idrica, in maniera più marcata rispetto ad altre aree cittadine, si muove a macchia di leopardo. In altre zone sono state riscontrate delle perdite in corso di riparazione.

Un’emergenza siciliana

«Va da sé che a nessuno di noi sfuggono le dimensioni della crisi idrica in atto, fenomeno di vasta portata che ha indotto il presidente della Regione Siciliana Schifani a chiedere lo stato di emergenza e a invitare tutti i siciliani a un utilizzo razionale della risorsa acqua. Sulla scorta di queste sollecitazioni, anche il Comune di Biancavilla – sottolinea Bonanno – emanerà nei prossimi giorni una serie di direttive affinché nessuno sciupi l’acqua che ha a disposizione». 

Le ditte che dovranno eseguire i lavori di manutenzione straordinaria sono già stata incaricate. Nei prossimi giorni i cittadini saranno avvertiti in tempo utile quando l’erogazione dai pozzi sarà interrotta per consentire gli interventi.

«Rivolgo sin d’ora un appello a tutti i biancavillesi a razionalizzare l’acqua. Sappiate – conclude il sindaco – che alla questione idrica la mia amministrazione sta dando priorità assoluta».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti