Connettiti con

Fuori città

In 38 al torneo “Ciuri di Mungibeddu”, quando il tennis diventa… poesia

Evento sportivo organizzato dalla famiglia Rapisarda su idea del poeta Giuseppe Tomasello

Pubblicato

il

Le sfide si sono svolte in zona Vigne di Biancavilla, con la maestosità dell’Etna a fare da sfondo. E non è un caso che il nome dato al torneo sia stato “Ciuri di Mungibeddu”. Un torneo di tennis “doppio misto”, giunto alla sua seconda edizione, ispirato alla celebre rassegna di poesia. L’idea dell’evento sportivo è venuta proprio a Giuseppe Tomasello, il poeta-contadino che della manifestazione culturale dedicata ai versi dialettali e in lingua italiana è stato tra gli animatori.

La competizione tennistica ha visto 38 partecipanti, di ogni età, suddivisi in squadre miste. Si sono sfidate nelle ultime settimane in un avvincete tabellone messo a punto da Lidia Bondor, che ha gestito la logistica del torneo. Ad organizzare il torneo, la famiglia Rapisarda, che ha messo a disposizione il proprio campo privato, in zona Vigne.

«Quella di quest’anno è stata una seconda edizione con un livello di gioco molto elevato», sottolinea a Biancavilla Oggi il dott. Vincenzo Rapisarda. «Per noi, promuovere il tennis significa –spiega Rapisarda– promuovere anzitutto la socialità e il divertimento, insieme alla voglia di giocare con competitività in un clima di grande correttezza e rispetto delle regole. I giovani hanno bisogno di eventi che facciano da motore e sprone per un continuo miglioramento. Siamo felici di dare il nostro contributo, insieme ai tennis club locali di Adrano e Biancavilla, che hanno collaborato per la buona riuscita di quest’evento e che da anni fanno uno straordinario lavoro, formando campioni che ci hanno fatto godere partite straordinarie».

A vincere il primo premio è stata la coppia formata da Pamela Costa e Salvo Russo, che hanno sconfitto in una avvincente finale i campioni in carica, Eleonora Catalano e Gianluca Cantarella.

Tutti i partecipanti hanno avuto in omaggio un libro del poeta Tomasello, “Spinnagghi di sciuri ppi lu ventu”. È una raccolta di poesie che mette in relazione l’iniziativa sportiva con l’importanza di preservare la cultura e le tradizioni locali.

«Sono contento, anche quest’anno è stata una vera e propria festa», ha detto Giuseppe Tomasello. «L’idea di questo torneo è nata grazie ai miei nipoti. Da due anni, anche loro partecipano e giocano con agonismo, trasmettendo la passione anche ai pronipoti, che hanno assistito alla finale con la voglia di migliorarsi e imitare i più forti. Come ho già avuto modo di dire, questo sport è così bello, armonico ed elegante da sembrare una vera poesia. Sono felice che i più piccoli possano inseguire le loro passioni, come ho fatto io».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Fuori città

Dalla palestra “Asd Etna Taekwondo” di Biancavilla un campione italiano

Ha 11 anni ed è cintura nera: Stefano Indorato conquista il primo posto nella categoria “Kids”

Pubblicato

il

Stefano Indorato, 11 anni, cintura nera, è campione italiano di taekwondo. Si è classificato al primo posto nella categoria kids della sua età al campionato nazionale che si è tenuto ad Arezzo.

Stefano è un allievo della palestra “Asd Etna Taekwondo” di Biancavilla, che in più occasioni, con il maestro Antonio Amato, si è distinta per talento e disciplina, anche in competizioni internazionali.

«Con questa vittoria –viene specificato in una nota della palestra biancavillese– Stefano sarà convocato in Nazionale per difendere i colori italiani nei prossimi impegni internazionali».

Un altro atleta della palestra, Alessandro Palmeri, si è piazzato al 10° posto nella categoria junior (14/17 anni) cinture nere. Un’ulteriore conferma del livello di preparazione tecnica che a Biancavilla viene garantita per questa disciplina sportiva.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili