Connettiti con

Politica

Sponsor privati per la cura di piazze, aiuole ed aree a verde di Biancavilla

Pubblicato

il

Il Comune di Biancavilla ha approvato il progetto di sponsorizzazione per la cura e la manutenzione delle aree a verde pubblico. D’ora in poi, quindi, si può adottare un’area verde comunale. Sono 8, quelle individuate. Per ciascuna può essere avanzata richiesta di assegnazione che tenga conto di una serie di migliorie da apportare: pulizia del terreno e decespugliamento, inserimento di piante, trattamenti fitosanitari, irrigazione.

Queste le aree: 1) “Pedata di San Placido”, piazza Caduti di Nassiriya, largo del volontariato; 2) piazze Sgriccio – Don Bosco; 3) rotatoria in Via C. Colombo – scalinata Via Vivarini – via Verona e parcheggio antistante; 4) Parco dell’Infanzia – aiuole via Madonna del Buon Consiglio; 5) piazza Annunziata – Belvedere; 6) piazzale Rosario Di Carlo “Saro Ruspa” – piazzetta viale Europa / via Fallica; 7) piazza Falcone Borsellino; 8) Piazza Giovanni XXIII.

La sponsorizzazione prevede benefici fiscali per le aziende e sarà promossa mediante la collocazione di un cartello pubblicitario per ciascuna area, sul quale inserire logo e messaggio pubblicitario.

Già anni fa era stato pubblicato un analogo bando, ma senza successo. Si ritenta adesso, tenendo conto di semplificazioni e maggiori incentivi per le aziende.

Il contratto di sponsorizzazione durerà 3 anni. tutti i dettagli sul sito del Comune di Biancavilla. Le proposte vanno indirizzate sulla pec protocollo@pec.comune.biancavilla.ct.it entro le ore 12.00 del 16 giugno.

«Le aziende locali – spiega il sindaco Antonio Bonanno – hanno la possibilità di contribuire a migliorare la qualità di aree a verde pubblico. Pulizia e manutenzione di porzioni importanti del territorio contribuiscono a rendere ancor più vivibile la nostra città. Le aree sponsorizzate, infatti, torneranno un riferimento per tutta la comunità, favorendo la socialità tra adulti e il gioco tra i più piccoli. Il Comune può ridurre sensibilmente i costi di manutenzione, con un riflesso positivo per tutta la cittadinanza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Antonio Bonanno rinuncia all’aumento del proprio “stipendio” di sindaco

Notevole risparmio per il Comune: la scelta ricadrà in automatico pure su tutti gli amministratori

Pubblicato

il

Una legge regionale ha aumentato le indennità di funzione dei sindaci. Un atto che ricade, a cascata, anche sugli altri amministratori (vicesindaci, assessori, presidenti del Consiglio Comunale e consiglieri).

A Biancavilla, però, il primo cittadino ha rinunciato a tale aumento di “stipendio”. Antonio Bonanno lo ha già formalmente comunicato al segretario generale. Gli uffici comunali, quindi, sono tenuti al calcolo delle “spettanze”, così come finora è avvenuto, senza ulteriori carichi per l’ente.

«La mia decisione –spiega Bonanno– è coerente con il mio primo atto da sindaco. Appena insediato, tagliai del 30% le indennità del sindaco e degli amministratori».

Il risparmio economico per il Comune di Biancavilla è in via di definizione da parte degli uffici competenti. Certo è che si tratta di somme non di poco rilievo.

«Gli effetti della rinuncia –sottolinea ancora Bonanno– portano a un notevole risparmio. L’aumento delle indennità dei sindaci ridetermina, infatti, anche il compenso massimo mensile percepibile dagli assessori, dai consiglieri comunali e dal presidente del Consiglio Comunale. Per le regioni a statuto speciale, come la Sicilia, gli aumenti sono a carico degli enti interessati. Graverebbero, cioè, sulle casse del Comune di Biancavilla e questo non possiamo permettercelo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili