Connettiti con

Politica

Nuova scuola materna con 5 classi e anfiteatro: lavori iniziati nel viale dei Fiori

L’appalto è stato finanziato con 1 milione e 100mila euro, l’opera sarà completatata in 18 mesi

Pubblicato

il

Una nuova scuola materna a Biancavilla: sorgerà in viale dei Fiori. Non un’idea né un progetto preliminare. La fase è già quella dell’avvio dei lavori. La ruspa e gli operai della ditta che si è aggiudicata l’appalto, per 1 milione e 100mila euro, sono già al lavoro.

L’avvio dell’opera è stata formalmente data dal sindaco Antonio Bonanno e dall’assessore all’Edilizia scolastica, Francesco Privitera.

I tempi di realizzazione prevedono un anno e mezzo per arrivare al completamento della struttura. Il nuovo edificio scolastico avrà 5 grandi classi e un anfiteatro per gli spettacoli dei bambini.

«Sono davvero soddisfatto -dice il sindaco Bonanno- perché si tratta di un’opera dedicata ai più piccoli e alle loro famiglie. Nei loro confronti, la mia amministrazione sta indirizzando un’attenzione particolare, allestendo spazi e predisponendo strutture moderne. È il caso del primo asilo nido comunale e dei due parchi gioco di Piazza Don Bosco e della zona Solaris».

L’iter del finanziamento della scuola materna ha preso le mosse nel 2017.

«L’assessore Privitera ha seguito con cura ogni passaggio, facendo attenzione -sottolinea Bonanno- che tutto andasse per il meglio. Gli uffici tecnici hanno fatto il resto. La costruzione di una scuola materna è un passo in avanti verso la formazione dei ‘cittadini del domani’ che in una struttura moderna e accogliente sviluppano i propri interessi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Biancavilla in balìa dell’Acoset: acqua ridotta, disservizi in vari quartieri

L’azienda riduce di 6 litri al secondo la consueta erogazione, il sindaco Bonanno si rivolge al prefetto

Pubblicato

il

L’Acoset ha ridotto l’erogazione idrica a Biancavilla. Ciò sta creando disagi agli utenti che risiedono in particolare nel centro storico (non serviti dai pozzi comunali).

Il primo cittadino ha informato della situazione la Prefettura di Catania. «Pur comprendendo le difficoltà della società idrica, il sindaco Bonanno – informa una nota del Comune – ha chiesto all’Acoset di ripristinare il più presto possibile l’erogazione idrica nelle quantità necessarie al fabbisogno dei cittadini».

Secondo il Piano Regolatore delle Acque, l’Acoset è tenuta a fornire al Comune di Biancavilla (pur non facendo parte della società) 23 litri al secondo di acqua. Di solito, tuttavia, l’erogazione è stata garantita per 27-28 l/s, un quantitativo che (unito a quello dei pozzi del Comune) riesce a coprire il fabbisogno. Adesso, però, per carenza idrica ed esigenze aziendali, a Biancavilla vengono forniti 21 litri al secondo. Un quantitativo insufficiente, che è causa dei disservizi presenti in diversi quartieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti