Connettiti con

Pubblicato

il

Ancora una volta “Le Iene” tornano a parlare del caso “Ambulanza della morte” di Biancavilla. Lo fanno prendendo spunto dalla condanna della Corte d’assise di Catania inflitta con pena dell’ergastolo all’imputato Davide Garofalo, accusato di 3 omicidi, aggravati dal metodo mafioso.

Ma il servizio punta l’attenzione anche su uno dei testimoni chiave dell’inchiesta, al quale non è stata rinnovata la protezione. Si tratta di Luca Arena, che ha dato un contributo fondamentale anche per l’operazione antiracket “Onda d’urto”.

Per la prima volta, nel programma Mediaset, si toglie il cappuccio e svela il suo volto e la sua identità. E lo fa per denunciare, con tanta delusione, il sistema di protezione dei testimoni di giustizia, che a suo dire presenta parecchie falle.

►GUARDA IL VIDEO

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Lite furibonda a Biancavilla tra quattro donne: intervengono i carabinieri

Scene animate, a due passi da viale dei Fiori, che hanno attirato l’attenzione delle persone presenti

Pubblicato

il

Si sono accapigliate e si sono scambiati schiaffi e pugni. Quattro donne protagoniste di una lite in strada, a Biancavilla. Due contro due. È successo vicino l’area dei centri commerciali, a due passi dalla rotatoria di viale dei Fiori.

Le urla e i movimenti concitati hanno attirato l’attenzione di non poche persone che si trovavano sul posto. Qualcuno è intervenuto per tentare di placare gli animi. Qualche altro ha pensato bene di chiamare i carabinieri.

I militari della stazione di via Benedetto Croce sono prontamente giunti sul luogo della rissa. È stato verificato che tutte le quattro donne sono residenti ad Adrano. Al di là delle ragioni che hanno innescato la lite, ognuna di loro ha adesso facoltà di presentare querela di parte per quanto accasuto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili.