Connettiti con

Pubblicato

il

Ancora una volta “Le Iene” tornano a parlare del caso “Ambulanza della morte” di Biancavilla. Lo fanno prendendo spunto dalla condanna della Corte d’assise di Catania inflitta con pena dell’ergastolo all’imputato Davide Garofalo, accusato di 3 omicidi, aggravati dal metodo mafioso.

Ma il servizio punta l’attenzione anche su uno dei testimoni chiave dell’inchiesta, al quale non è stata rinnovata la protezione. Si tratta di Luca Arena, che ha dato un contributo fondamentale anche per l’operazione antiracket “Onda d’urto”.

Per la prima volta, nel programma Mediaset, si toglie il cappuccio e svela il suo volto e la sua identità. E lo fa per denunciare, con tanta delusione, il sistema di protezione dei testimoni di giustizia, che a suo dire presenta parecchie falle.

►GUARDA IL VIDEO

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Rissa plateale tra albanesi e rumeni a colpi di bottiglie, bastoni e martello

i carabinieri sono già al lavoro per comprendere i motivi della lite e identificare i responsabili

Pubblicato

il

Sarebbero almeno sette le persone coinvolte in una rissa, verificatasi a Biancavilla, nel cuore del centro storico. Una lite innescata nei pressi di un bar di piazza Roma. I soggetti in via di identificazione sarebbero di nazionalità albanese e rumena.

La rissa ha catturato l’attenzione delle persone presenti in piazza. In tre hanno riportato ferite da taglio. Due sono stati trasportati al pronto soccorso dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata” di Biancavilla e un terzo nella struttura del “Santissimo Salvatore” di Paternò. Le loro condizioni, comunque, non destano preoccupazione.

In piazza si è sparsa la voce dell’uso di coltelli e di un’ascia. Ma è un dettaglio che al momento non sembra trovare riscontro. I contendenti avrebbero fatto uso, invece, di bottiglie, qualche bastone e un martello.

Sul luogo, sono intervenute tre pattuglie di carabinieri e di polizia municipale, oltre a due ambulanze del 118.

I militari stanno già indagando per capire le ragione che hanno innescato la lite di gruppo. Oltre alle testimonianze raccolte in piazza, alcuni testimoni sono stati sentite presso la caserma di via Benedetto Croce.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili