Connettiti con

Associazionismo

Nuovo direttivo dell’Avis: «Quel muro dell’indifferenza che si sgretola…»

Fulvio Cantarella confermato presidente dell’associazione con record di donatori e sacche raccolte

Pubblicato

il

Fulvio Cantarella riconfermato presidente dell’Avis di Biancavilla. Sarà affiancato da un direttivo rinnovato, chiamato a gestire l’associazione di volontariato per il quadriennio 2021-2024. Giovanni Sangiorgio e Francesco Pinzone sono stati indicati suoi vice.

«La nostra –afferma Cantarella– è una famiglia. E, come tale, accoglie chiunque si voglia proporre per dare il proprio contributo per la crescita della famiglia stessa. Con il nuovo direttivo si è deciso di dare un segnale di rinnovamento della nostra associazione».

Gli altri componenti del direttivo sono Varinia Pastanella (segretario), Manuela D’Agostino (vicesegretario), Jula Gagliano (tesoriere), Giuseppe Cantarella, Luciano Distefano, Rubino Annalisa (consiglieri). Il Collegio dei revisori dei conti è formato da: Antonio Rapisarda, Alfio Asero, Diego Rago.

«Il nostro obiettivo –sottolinea ancora il presidente Cantarella– è quello di arrivare con semplicità al cuore di tutti e sensibilizzare soprattutto i giovani. Loro saranno il nostro futuro e dovranno continuare a seminare affinché si possa fare un raccolto sempre più abbondante».

Gli ultimi anni hanno visto crescere la sezione Avis “Nino Tropea” di Biancavilla. Nuovi record di donatori e sacche di sangue raccolte hanno confermato il radicamento dell’associazione nel terriotorio.

«Ringrazio chi ci ha preceduto e ha creduto in quella sfida che, con mille difficoltà dal 1987, doveva abbattere quel muro di indifferenza verso quel nobile gesto della donazione. Con grande orgoglio –evidenza Fulvio Cantarella– visti i risultati degli ultimi anni, quel muro ha iniziato a sgretolarsi e sono sicuro che i nostri giovani gli daranno la spallata decisiva per farlo crollare. Senza dubbio, se i risultati continuano a progredire, il merito va a tutti i soci donatori che con il loro impegno contribuiscono alla salvezza di vite umane bisognose di quella linfa preziosa che dona la vita».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Associazionismo

Euromed, intesa tra Comune e Fidapa su pari opportunità e parità di genere

Una “triplice alleanza” per una comunità più civile, sviluppata, dignitosa e contro le diseguaglianze

Pubblicato

il

Un accordo tra l’assessore alle Pari opportunità, Giorgia Pennisi, il presidente del Consiglio Comunale, Martina Salvà, e la presidente della Fidapa Adrano-Biancavilla, Graziella Milazzo. Un’intesa per il rispetto della “Carta Euro-Mediterranea per l’uguaglianza tra Donne e Uomini nella Vita Locale”. Uno strumento che ribadisce uno dei diritti fondamentali degli esseri umani. E che fornisce alle autorità locali delle linee guida etiche e alle popolazioni locali un mezzo perché i diritti di eguaglianza non vengano disattesi. 

«Le iniziative a favore della parità di genere – osserva l’assessore Pennisi – assumono un ruolo fondamentale oggi come non mai al fine di combattere la discriminazione delle donne sia nella sfera pubblica che in quella privata. La collaborazione con l’associazione Fidapa rappresenta dunque un’indispensabile risorsa per la creazione di strategie e di progetti. Siamo fiduciosi che l’azione sinergica tra amministrazione e associazioni possa portare al raggiungimento, passo dopo passo, di obiettivi che rendano la nostra società sempre più civile, sviluppata ed equa».          

«Noi autorità locali, in qualità di governo più vicino al cittadino – spiega il presidente Salvà – possiamo avere un ruolo primario nel combattere e sradicare le diseguaglianze. E nel costruire una società più giusta e dignitosa. Tutto questo anche attraverso la cooperazione con gli attori locali della società civile, incluse le associazioni, come la Fidapa del distretto Adrano-Biancavilla, e le Ong».

«Fidapa – sottolinea la presidente Graziella Milazzo – è orgogliosa che il Comune di Biancavilla, su nostro input, abbia aderito al progetto della Carta Euro-Mediterranea. Un progetto che si occupa di pari opportunità e parità di genere. Ma ora bisogna mettersi all’opera affinché i principi e le iniziative proposte da Euromed possano essere portati avanti all’interno della nostra comunità. Per quanto ci riguarda stiamo progettando un insieme di iniziative che possano coinvolgere le scuole».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili