Connettiti con

Associazionismo

Nonostante l’emergenza Covid, il cuore dell’Avis batte forte: donazioni record

Infranto il muro dell’indifferenza: obiettivo che fin dall’insediamento si era dato il presidente Cantarella

Pubblicato

il

Ancora un altro record di solidarietà viene raggiunto dalla sezione “Nino Tropea” dell’Avis di Biancavilla. Mai un traguardo simile prima di ora.

Nell’ultima giornata di raccolta di sacche di sangue del 2020, i volontari dell’associazione biancavillese fanno sapere di avere accolto 48 donazioni. Un grandissimo numero che porta la sacche raccolte in tutto l’anno a 485. Rispetto all’impegno dimostrato anno scorso si registra così un incremento di 80 unità.

«Oggi abbiamo concluso l’anno alla grande», esultano i soci Avis, realtà associativa presieduta da Fulvio Cantarella, che fin dal suo insediamento ha subito puntato sui giovani per diffondere la cultura della solidarietà e dell’altruismo.

Un’azione tesa ad «aprire una falla nel muro dell’indifferenza», ci aveva spiegato Cantarella. E a considerare dai numeri, sembra proprio che il cuore solidale abbia pulsato più forte di quello dell’insensibilità o del cinismo.

Il record storico raggiunto dall’Avis di Biancavilla ha un valore maggiore, se si considera il periodo di emergenza legata all’epidemia Covid, che ha costretto alla raccolta di sangue in condizioni di sicurezza ancora più stringenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Associazionismo

Autismo e riabilitazione: incontro del Lions club a Villa delle Favare

Pubblico di insegnanti e genitori per un tema affrontato da una psicologa e una musicoterapista

Pubblicato

il

“Parliamo di Autismo e Riabilitazione”. È il tema discusso in un incontro a Villa delle favare, organizzato dal Lions club Adrano Bronte Biancavilla, in collaborazione con il 1° Circolo Didattico “San Giovanni Bosco”.

Sono state la psicologa Giuliana Camarda e la musicoterapista e psicomotricista funzionale Marilena Lanzafame ad affrontare l’argomento davanti ad un numeroso pubblico, composto prevalentemente da insegnanti, da rappresentanti dei genitori e soci del club.

A moderare l’incontro, Salvuccio Furnari, referente Gst area catanese, che ha illustrato i punti salienti che riguardano i disturbi dello spettro autistico.

Ha concluso la delegata distrettuale al service Giuseppina Siracusa, che ha presentato il ruolo e le iniziative dei Lions a favore dei soggetti con fragilità, soffermandosi in particolare sulla nascita e del laboratorio di Arti Musive PDG Cesare Fulci di Barcellona Pozzo di Gotto. Proiettato anche un filmato sui lavori svolti ed eseguiti da soggetti affetti da autismo seguiti dal centro.

Intervenuti all’incontro anche l’assessore alla Pubblica Istruzione, Vincenzo Randazzo, la presidente del Lions Club, Graziella Portale, la dirigente scolastica Alfina D’Orto, e l’assistente sociale Mariateresa Mazza. Quest’ultima, referente area orientale del service, ha introdotto le motivazioni degli obiettivi dell’incontro e le caratteristiche tipiche delle persone affette da autismo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti