Connettiti con

Associazionismo

Oltre 8mila euro per la “Terapia intensiva”: effettuate 291 donazioni su GoFundMe

L’iniziativa di raccolta fondi, destinata all’ospedale di Biancavilla, è stata promossa dall’associazione “Sinergie”

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

di VITTORIO FIORENZA

Si è chiusa la raccolta fondi, promossa sulla piattaforma online di “GoFundMe” destinata al reparto di “terapia intensiva” dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata” di Biancavilla. Sono stati quasi 300, gli utenti che hanno aperto i portafogli per effettuare una donazione, ognuno l’ha fatto per quel che ha potuto: chi ha versato 5 euro e chi 250. In pochi giorni sono stati raccolti più di 8mila euro. Soldi che saranno ora utilizzati per l’acquisto di beni necessari al reparto, come suggerito dagli stessi operatori che vi lavorano.

La raccolta fondi, su input dell’emergenza “coronavirus”, è stata lanciata dall’associazione “Sinergie”, cui si sono aggiunti altri gruppi, che l’hanno sostenuta e diffusa.

«Siamo giunti al primo step di questa importante raccolta fondi e ci teniamo a ringraziare tutti i 291 donatori per la generosità e la fiducia che ci hanno dimostrato», commentano i promotori.

«Grazie a loro abbiamo raccolto ben 8.748€ e, sottraendo le tariffe sulla transazione Gofundme (2.9% del totale + 0.25€ per ogni donazione), abbiamo un utile da spendere di 8.420,80€. Abbiamo già informato il direttore dell’Uti, il dottor Piero Ciadamidaro, che –viene ancora specificato– ci ha indicato i presidi di cui necessita la Terapia intensiva (in particolare dispositivi di protezione individuale, come mascherine, tute ecc., e carrelli per l’emergenza). Stiamo contattando i vari fornitori per avere tutto nel più breve tempo possibile».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Associazionismo

Agriambiente, ok della Prefettura alle guardie zoofile ambientali di Biancavilla

Si tratta di volontari al servizio del territorio che potranno anche svolgere funzioni di polizia giudiziaria

Pubblicato

il

La sezione catanese dell’associazione Agriambiente, che ha sede a Biancavilla, ha portato a termine il “giuramento” previsto per le guardie zoofile ambientali. L’associazione ne conta adesso sei, a titolo di volontari.

L’ultimo decreto della Prefettura di Catania, firmato dal viceprefetto Antonina Latino, ha riguardato il presidente Dino Petralia. Oltre a lui, sono guardie volontarie i soci Roberto Cantarella, Alfio Panebianco, Antonello Rao, Pietro Rapisarda e Francesco Scarfalloto.

Le guardie volontarie possono operare in tutto il territorio provinciale con funzioni di polizia giudiziaria. Daranno il loro supporto, quindi, alla Polizia Municipale, nonché al settore veterinario dell’Azienda Sanitaria Provinciale.

L’associazione Agriambiente è consociata con la più nota associazione Gepa (Guardie Ecozoofile Protezione Ambientale). Un gruppo di volontari che nel territorio è impegnato da anni sul fronte della tutela ambientale e della fauna, segnalando spesso la presenza di discariche e condizioni di inquinamento. Agriambiente ha le medesime finalità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili