Connettiti con

News

Coronavirus, dall’inizio dell’emergenza a Biancavilla 80 persone poste in quarantena

Dato relativo a febbraio e marzo: sono le persone tornate dal Nord o dall’estero e i familiari dei “positivi”

Pubblicato

il

di VITTORIO FIORENZA

La vigilanza sanitaria e le misure preventive, nei confronti di chi ha avuto contatti con persone risultate positive al Covid-19 o semplicemente è rientrato dal Nord Italia o dall’estero, hanno una precisa dimensione, a Biancavilla.

Secondo i dati ufficiali appurati da Biancavilla Oggi, sono circa 80 i biancavillesi che, dall’inizio dell’emergenza “Coronavirus”, sono stati sottoposti alla “quarantena”, seguendo protocolli e disposizioni del Governo e delle autorità sanitaria. Nei giorni scorsi avevamo riferito dei 22 biancavillesi in isolamento, tornati dal Nord Italia o da viaggi all’estero (Germania, Spagna e Belgio), relativi alle ultime due settimane.

Si tratta di persone che, provenienti dal Nord Italia e da paesi esteri, sono rientrate a Biancavilla, senza accusare alcun sintomo. Ma tra loro ci sono anche familiari e contatti di chi, sottoposto a tampone, è risultato positivo. Ottanta persone, complessivamente, tra febbraio e marzo “confinate” nel loro domicilio e che in gran parte hanno già finito il periodo di isolamento: un dato che mostra le misure di prevenzione, messa silenziosamente in atto.

Quanto ai contagi, i dati ufficiali riportano 5 casi per Biancavilla: due donne e tre uomini (di cui uno ricoverato), sottoposti a tampone e risultati positivi al Covid-19. Molto varia la loro età: le due donne hanno 45 e 53 anni, gli uomini hanno 49, 59 e 67 anni. Non chiare le circostanze in cui possano essere stati infettati: dettaglio che ancora una volta mette in evidenza il ruolo degli asintomatici nella diffusione dell’epidemia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
1 Commento

1 Commento

  1. Beppe

    30 Marzo 2020 at 11:51

    Secondo me il compito del signor Sindaco in questo momento è fare in modo di tracciare i contatti ..
    Ancora diversa gente senza mascherine in giro e gente che non ha motivo di stare fuori
    Controlli più rigorosi senza guardare in faccia a nessuno.
    Gli imbecilli vanno combattuti allo stesso modo del virus…
    Ignoranti e cretini che stanno in giro senza fare niente….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

Lo spartitraffico diventa “galleggiante” lungo viale dei Fiori a Biancavilla

Acquazzone d’agosto con disagi per gli automobilisti non soltanto per il consueto tratto allagato

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Solito acquazzone, solito copione lungo viale dei Fiori, a Biancavilla. Stavolta, però, con una variante, che riguarda lo spartitraffico “New Jersey” posato su un tratto di strada alcune settimane fa. Gli elementi in plastica che separano le corsie sono diventati “galleggianti” a causa del consueto accumulo di acqua piovana.

Diversi blocchi separatori sono finiti per “invadere” una delle corsie, aggiungendo ulteriore disagio agli automobilisti in transito.

La separazione “morbida” delle due corsie si lega alla presenza delle strisce pedonali rialzate. Tutto ciò -nelle intenzioni del Comune- dovrebbe favorire in maniera sensibile la riduzione della velocità dei veicoli ed escludere del tutto i salti di corsia.

Se la presenza delle “barriere” in plastica ha già evitato sorpassi azzardati, resta da risolvere l’accumulo di acqua. Un “fenomeno” presente fin dall’inaugurazione del “nuovo” viale dei Fiori, avvenuta con la passata amministrazione comunale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili