Connettiti con

Associazionismo

Terapia intensiva, avviata una raccolta fondi online a sostegno del reparto di Biancavilla

Iniziativa lanciata dall’associazione “Sinergie” sulla piattaforma “GoFundMe”: «Non facciamoci trovare impreparati»

Pubblicato

il

Avviata una raccolta fondi per sostenere il reparto di Terapia intensiva dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata” di Biancavilla. Le donazioni si possono effettuare sulla piattaforma “GoFundMe” attraverso QUESTA PAGINA.

L’iniziativa, su input dell’emergenza “coronavirus” è stata lanciata dall’associazione “Sinergie”, in collaborazione con le associazioni  Accademia Simetia, Università della terza età e del tempo libero di Adrano, Admo Catania, Apca, Attivamente, Gruppo Scout Biancavilla, Leo Club Adrano, Bronte, Biancavilla, Le Spugnelle, Laboratorio solidale, L’unione fa la gioia, Symmachia, Yvii Volley-San Giuseppe Adrano, e tutte le associazioni, le aziende, i professionisti e quanti vorranno aderire, lanciano una raccolta fondi per il potenziamento del reparto di terapia intensiva dell’ospedale biancavillese.

«Ognuno di noi ha il dovere –sottolineano i promotori– di contribuire per il superamento di questa difficile situazione ed è chiamato a farlo in primis rimanendo nelle proprie abitazioni. Oggi ci viene data la possibilità di fare di più, di dare un contributo ancora più concreto per affrontare la pandemia».

La struttura di Biancavilla, inaugurata nel novembre 2019, conta sei posti letto, ma in casi di necessità potrebbero diventare otto, come comunicato dai vertici Asp al sindaco Antonio Bonanno, pochi giorni fa.

«L’ospedale di Biancavilla –specificano le associazioni– è una struttura nuova e all’avanguardia, ad oggi fornita di tutto, ma come ogni struttura non è progettato per far fronte ad una emergenza pandemica come quella da cui oggi siamo attaccati. Per questo la raccolta mira ad ottenere fondi sufficienti ad acquistare il materiale sanitario di cui l’unità di terapia intensiva necessita, nel più breve tempo possibile».

Da qui l’appello alla donazione, anche minima: «Non possiamo permetterci di farci trovare impreparati. Chiediamo a tutta la comunità un gesto che potrebbe rivelarsi utile e indispensabile in un momento come questo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Associazionismo

Nuovo Cda della Pro Loco di Biancavilla: Marco Chisari eletto presidente

Al suo fianco Enrica Neri e Giulia Galizia, l’organo direttivo resterà in carica per 4 anni

Pubblicato

il

È Marco Chisari il nuovo presidente della Pro Loco Biancavilla. Cambio al vertice, quindi, dell’associazione biancavillese, che finora era stata guidata da Francesco Di Mauro. Il passaggio è avvenuto a seguito del rinnovo del Consiglio di amministrazione, che resterà in carica per i prossimi 4 anni.

Ne fanno parte anche Enrica Neri, in qualità di vice presidente, e Giulia Galizia, con funzioni di segretaria e tesoriera. A loro si aggiungono altri quattro consiglieri: oltre all’uscente Di Mauro, figurano Antonella Corsaro, Grazia Russo e Solaika Toscano.

Il nuovo presidente, 25enne biancavillese, presente in associazione da molti anni, si è detto emozionato e pronto per intraprendere questo nuovo percorso.

«Sono davvero orgoglioso –sottolinea Chisari– di poter rappresentare questa associazione che è parte integrante e necessaria per lo sviluppo della nostra meravigliosa città. Tra i miei obiettivi c’è la rivalutazione dei nostri paesaggi ricordandoci che rappresentiamo la terza porta dell’Etna. Cercheremo di valorizzare le eccellenze artistiche, paesaggistiche ed enogastronomiche del nostro territorio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili