Connect with us

News

Amianto, vertice per la bonifica: quasi 18 mln per monte Calvario

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi
di Vittorio Fiorenza

Vertice palermitano per discutere della bonifica di monte Calvario, opera per la quale sono in ballo quasi 18 milioni di euro. Finanziamenti (in un primo momento 12 milioni) annunciati nell’aprile 2015 dall’allora sottosegretario all’Ambiente, Silvia Velo, ma ancora da impiegare per la fase appaltante a causa di lungaggini burocratiche, acquisizioni di pareri e incongruità nei progetti che erano stati presentati dal Comune.

Adesso, alla Regione, si è tenuta una conferenza dei servizi per l’approvazione tecnica del progetto esecutivo che mira a mettere in sicurezza e bonificare in maniera permanente l’area di monte Calvario, fonte dei minerali naturali di fluoroedenite, altamente cancerogeni e causa di oltre 60 decessi per mesotelioma pleurico, come conteggiati dal 1988 ad oggi.

All’incontro hanno partecipato l’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone, il sindaco Antonio Bonanno ed il suo vice, Mario Amato, assieme ai responsabili dell’Ufficio tecnico comunale.

«Quella di oggi è stata una giornata importante. L’incontro è stato positivo. È andata bene. Ci siamo aggiornati, per un ulteriore e definitivo confronto, al prossimo 19 novembre. In questi mesi -sottolinea Bonanno- i nostri uffici hanno lavorato al massimo per apportare quelle integrazioni di cui il progetto aveva bisogno. Il mio ringraziamento all’assessore regionale, Marco Falcone, per l’interessamento e per la partecipazione al vertice di oggi. Quasi superfluo spiegare l’importanza della bonifica di Monte Calvario: ne va della nostra salute e della vita da condurre nella quotidianità della nostra comunità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

Test sierologici, all’ospedale via all’indagine con prelievi di sangue su 53 biancavillesi

Saranno i volontari della Croce Rossa a raccogliere i campioni, necessari per la ricerca degli anticorpi del Covid-19

Pubblicato

il

di Vittorio Fiorenza

C’è anche Biancavilla tra i 120 comuni siciliani scelti dal ministero della Salute e dall’Istat per collaborare all’indagine nazionale sulla siero-prevalenza dell’infezione da Covid-19. Una ricerca che servirà a capire quante persone, seppur in assenza di sintomi, abbiano sviluppato gli anticorpi al virus.

In particolare, sono 53 biancavillesi (uomini e donne di diverse età con caratteristiche specifiche e attività lavorative) individuati tra 11.153 siciliani per partecipare al prelievo di campioni di sangue per poi analizzarli. È necessario che le persone rispondano all’appello: riceveranno una chiamata da un numero telefonico che comincia con 06.5510… per fissare un appuntamento nelle giornate del 3, 4, 5 e 8 giugno, a partire dalle ore 15.30 presso il laboratorio di analisi dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata” di Biancavilla.

Ad effettuare i prelievi di sangue, nella massima riservatezza della privacy, sarà l’unità territoriale della Croce Rossa Italiana, che sta mettendo a disposizione tre infermieri ed un medico. I campioni raccolti saranno poi consegnati all’ospedale “Garibaldi Nesima”. Oltre a Biancavilla, i volontari della Croce Rossa sono chiamati alla raccolta dei campioni ematici per i comuni di Adrano e Paternò, dove l’Istat ha individuato rispettivamente 81 e 111 persone, chiamate a presentarsi sempre all’ospedale di Biancavilla.

Un semplice prelievo consentirà quindi di conoscere l’eventuale contatto avuto con il virus ed il conseguente di sviluppo di anticorpi. La massa di informazioni che proverrà da ogni parte d’Italia permetterà di disegnare una mappa del contagio.

«È un’analisi nazionale –ha detto il ministro della Salute, Speranza– su un campione di 150mila persone che ci permetterà di capire esattamente cosa è successo nel Paese sulla diffusione del nuovo coronavirus. Conoscere l’epidemia è un modo importante per affrontarla meglio e per vincerla».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere...

News

Niente elettricità in un pozzo di Biancavilla, possibili disservizi idrici in 12 comuni

Stacco programmato dell’Enel nell’impianto di zona “Sette porte”, l’Acoset annuncia probabile carenza d’acqua

Pubblicato

il

«A causa di uno stacco programmato dell’Enel per il giorno 21 maggio 2020, in contrada “Sette porte” di Biancavilla, degli impianti del nostro fornitore Sis, dalle ore 8.45 alle ore 16.30 verrà interrotta la fornitura idrica».

Lo comunica l’Acoset in una lettera a firma del direttore tecnico Enrico Greco ed inviata ai comuni di Biancavilla, Santa Maria di Licodia, Ragalna, Belpasso, Camporotondo, Gravina di Catania, Mascalucia, Nicolosi, San Pietro Clarenza, Pedara, Trecastagni, Aci Sant’Antonio.   

Non sono prevedibili con precisiome né la fascia oraria degli eventuali disservizi che potrebbero riscontrarsi né le zone o i quartiere dei centri abitati in cui potrebbero concentrarsi.

«L’ammanco di fornitura idrica sarà di circa 50 litri al secondo e per tale motivo –viene specificato nella comunicazione– si potranno verificare dei disservizi nei paesi in indirizzo. A fornitura elettrica riavviata, la ditta fornitrice ha garantito che l’impianto verrà immediatamente riarmato».

Bisogna considerare, però, che l’erogazione fino alle abitazione non sarà immediata. «Per il ripristino del servizio si dovranno tener conto dei tempi tecnici di riempimento dei serbatoi di accumulo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere...
Advertisement

Nero su Bianco Edizioni

UNA VITA ANCORA PIU' BELLA Memorie di un sopravvissuto. Lettere e riflessioni inedite di Gerardo Sangiorgio, il biancavillese deportato nei lager nazisti per avere detto "no" alla Repubblica di Salò. La sua è la vicenda di un "Internato Militare Italiano" raccontata nel nuovo libro di "Nero su Bianco", curato da Salvatore Borzì con prefazione di Francesco Benigno e contributi di Liliana Segre, Massimo Cacciari, Luciano Canfora ed altri esponenti della cultura italiana.

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili