Connettiti con

Chiesa

«Fare educazione civica e cristiana», oltre 350 al grest del “Sacro cuore”

Pubblicato

il

di Giuseppe Gugliuzzo

Grande affluenza di bambini -più di 350 dai 6 ai 14 anni di età- al grest della parrocchia “Sacro Cuore di Gesù” di Biancavilla, retta da padre Ambrogio Monforte.

Le attività sono cominciate il 1 luglio per concludersi il 22 con la serata finale nel cortile della parrocchia. Gli iscritti possono scegliere tra calcio, lavoretti artistici, pattinaggio, arti marziali, ballo, ricamo, chitarra, calcetto e ping pong.

«Importante anche la presenza di bambini con disabilità, che per noi sono una risorsa. Il sabato è la giornata del mare e portiamo i bambini alla playa, precisamente al lido “Don Bosco”. Ci sono anche i venerdì speciali con “grestolimpiadi” e vari giochi con sorpresa», spiega il coordinatore del grest, Edoardo Pennisi

Un impegno e una responsabilità che sono particolarmente sentite dagli animatori, impegnati nel progetto fin dai primi giorni di maggio. Maria Carmela Giordano, Rosy Motta e Vittoria Scalisi lo sono ormai da anni.

«Siamo animatrici dal 2012 e i nostri formatori –dicono– ci hanno sempre insegnato che in ogni bambino c’è Cristo e non bisogna mai lasciarlo solo, ma accompagnarlo sempre. In ogni ragazzo c’è un punto accessibile al bene, come diceva don Bosco. Vogliamo sottolineare che lo scopo del grest non è “parcheggiare” i bambini, ma impartire un’educazione civica e cristiana. Per questo, per esempio, educhiamo i bambini anche alla raccolta differenziata dei rifiuti e al rispetto dell’ambiente».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiesa

Biancavilla ha un nuovo sacerdote: l’ordinazione di fra’ Antonio Timpanaro

Per il giovane francescano, solenne celebrazione in basilica con l’arcivescovo Luigi Renna

Pubblicato

il

Fra’ Antonio Timpanaro dell’Ordine dei Frati minori è stato ordinato presbitero. Ha ricevuto l’«ordine sacro» nella basilica di Biancavilla dall’arcivescovo Luigi Renna. È la prima ordinazione del capo della Diocesi etnea. Presente anche il ministro provinciale, fra’ Antonino Catalfamo. La famiglia francescana e la Chiesa locale in festa per un giovane biancavillese, la cui vocazione è nata tra la parrocchia “Cristo Re” ed il convento San Francesco.

In chiesa madre, la solenne celebrazione trasmetta in diretta streaming a cura dell’Ufficio diocesano per le Comunicazioni sociali e rilanciata sulla pagina Facebook di Biancavilla Oggi.

Riti, canti e applausi per la conclusione di un percorso cominciato 11 anni fa. Classe 1990, Timpanaro è entrato in convento nel novembre 2011 a Chiaramonte Gulfi (in provincia di Ragusa), per il periodo di accoglienza e postulandato. Poi, il trasferimento a Piedimonte Matese (Caserta) per il noviziato.

Nel 2015, la professione temporanea nell’ordine dei frati minori e l’inizio degli studi filosofici e teologici (conclusi nel 2020) al “San Tommaso” a Messina.

Da qui, il trasferimento a Palermo, dove opera nella curia provinciale francescana, nel convento di Terra Santa e nella “Baida”. Qui, Timpanaro gestisce una struttura per l’accoglienza e serve i poveri della stazione di Palermo con l’Unità di strada e la mensa. Sempre a Palermo inizia pure il master in Fundraising, Comunicazioni e Management per gli Enti Ecclesiastici e le organizzazioni religiose.

Nel giugno 2021, nella Cattedrale di Palermo, l’ordinazione diaconale da parte dell’arcivescovo Corrado Lorefice. E adesso, l’ordinazione presbiterale nella “sua” Biancavilla.

A rappresentare, la città, in fascia tricolore, è stato il vicesindaco Marco Cantarella. Messaggio di auguri da parte del primo cittadino, Antonio Bonanno: «Gioisco assieme a voi per l’ordinazione presbiterale del giovane biancavillese fra’ Antonio Timpanaro. Al servizio di Dio e del prossimo. Il Signore benedica il suo ministero».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili