Connettiti con

Chiesa

Grest 3P, un finale spettacolare con una formula salesiana vincente

Pubblicato

il

Una conclusione festosa e colorata per il grest della chiesa madre di Biancavilla, organizzato dall’oratorio “Don Pino Puglisi”, guidato da Giuseppe Sant’Elena. In piazza Roma, animatori e ragazzi hanno salutato questa seconda edizione con giochi, balli ed esibizioni, che confermano l’attrattiva che questo momento genera in centinaia di iscritti.

Il successo di questa esperienza non è soltanto nei numeri di chi vi partecipa, ma nelle molteplici attività che i ragazzi hanno svolto durante un intero anno di oratorio, che arrivano all’apice in questa fase in cui i ragazzi sono più liberi da impegni scolastici e di studio.

«Siamo contenti del grande successo – ha sottolineato Giuseppe Sant’Elena – più di 600 presenze, che si sono impegnate per la buona riuscita dell’evento. Il grest, come diceva Don Bosco, è una Casa che Accoglie, in cui si prega, si educa, si impara. Bello condividere non solo con i ragazzi, ma anche con le famiglie che sono state partecipi in questa seconda edizione. Il tema è quello della missione di 3p ovvero Padre Pino Puglisi. Abbiamo iniziato con l’arrivo delle sue reliquie qui a Biancavilla, abbiamo partecipato alla visita di Papa Francesco, andando a Palermo con i ragazzi, proprio nell’anniversario della sua morte».

A dare il saluto anche padre Pino Salerno, prevosto e parroco della chiesa madre.

Nota di merito anche per gli animatori che sono stati più di cento e che, accompagnati dai genitori, hanno contribuito attivamente alla riuscita di quest’evento, cercando di trasmettere valori educativi, religiosi e confermando così il trend positivo di una formula salesiana adatta a giovani e meno giovani, a cui le famiglie ogni anno affidano i ragazzi per una buona parte dell’estate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiesa

Nuovi ingressi nella Confraternita della parrocchia dell’Idria di Biancavilla

Il governatore Giovanni D’Agati: «I piccoli confrati ci permettono di guardare avanti con fiducia»

Pubblicato

il

Nei giorni precedenti la Settimana Santa, come ogni anno, la confraternita “Santa Maria dell’Idria” di Biancavilla festeggia la sua fondazione con una messa nella quale si tiene il rito della vestizione dei nuovi confrati.

Agata Tomarchio, catechista nell’omonima parrocchia, e Fabio Mazzaglia, simpatizzante da circa dieci anni, hanno iniziato ufficialmente il loro percorso di noviziato all’interno della confraternita, sotto la direzione spirituale dell’assistente ecclesiastico e parroco dell’Idria Giovambattista Zappalà.

A fare il loro ingresso ufficiale nella confraternita anche 8 giovanissimi: Sofia e Giuseppe D’Agati, Vittoria Palermo, Vito Leonardi, Bruna Aricò, Alessia e Serena Ventura e Giulia Lentini, che hanno iniziato il loro percorso 3 anni fa.

«La gioia di vedere piccoli confrati nella nostra realtà – dichiara a Biancavilla Oggi il governatore della Confraternita, Giovanni D’Agati – ci permette di guardare avanti con fiducia. I ragazzi, oltre ad essere figli di genitori confrati, sono attivamente impegnati nel catechismo, nel coro parrocchiale e come ministranti».

Costituita il 22 gennaio 2010 con il supporto dell’allora parroco Salvatore Nicoletti e su iniziativa dei coniugi Giovanni D’Agati e Valeria Bivona, la congregazione conta attualmente 54 confrati. 

Dal Venerdì Santo dello stesso anno la confraternita è parte attiva della processione dei “Tri Misteri” a Biancavilla e porta in processione il simulacro del Cristo crocifisso, restaurato nel 2022 dopo essere stato danneggiato dal terremoto del 2018.

Diverse sono le iniziative della confraternita in cantiere per questo anno pastorale. Tra queste, la Via Crucis per le vie della parrocchia in collaborazione con altri gruppi parrocchiali e una giornata di servizio di volontariato presso la mensa della Caritas di Catania a supporto del team del vice presidente diocesano Salvo Pappalardo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti