Connettiti con

Scuola

Alunne del liceo di Scienze umane in visita al centro antiviolenza Calipso

Pubblicato

il

Continuano le attività di alternanza Scuola- Lavoro del “Laboratorio di Giornalismo” del Liceo delle Scienze Umane di Biancavilla. Una delegazione della 3a A è stata nella sede del centro antiviolenza e antistalking “Calipso” di Biancavilla per intervistare la presidente, l’avv. Pilar Castiglia.

Le domande rivolte dalle “giornaliste in erba” hanno mirato a comprendere l’operato dell’associazione di volontariato, le dinamiche psicologiche che si innescano nei rapporti di “amore malato” e le distorte convinzioni che continuano ad alimentare una cultura maschilista e patriarcale.

L’avv. Castiglia, dal suo canto, ha illustrato la rete d’aiuto tessuta intorno alle donne vittime di violenza, sottolineando che «il centro fornisce loro un vero e proprio abbraccio, accompagnandole per mano lungo il percorso di uscita dal tunnel della condizione di alienazione e disperazione in cui sono entrate inconsapevolmente, a causa di fragilità interiori dovute a background familiari o a stereotipi introiettati».

Un team specializzato di avvocati, psicologi e assistenti sociali impiega volontariamente le sue energie e i suoi strumenti per svolgere una missione di alto impegno sociale in un momento in cui i recenti fatti di cronaca sembrano andare in direzione ostinata e contraria rispetto alla tanto propagandata parità dei sessi.

«Un bell’incontro –viene evidenziato dal liceo biancavillese– finalizzato adesso alla realizzazione di un videoservizio giornalistico. Un’occasione che ha consentito di affrontare argomenti di pregnante attualità e che ha dato modo alle alunne di dialogare con chi è impegnato in prima linea sul campo della lotta a tutte le forme di violenza, più o meno manifeste».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scuola

“Come anime al vento”: così la scuola “Luigi Sturzo” ha ricordato la Shoah

Per la “Giornata della memoria” una mostra temporanea e la lettura di brani e testimonianze

Pubblicato

il

Mattinata intensa, commovente e, a tratti, struggente, quella vissuta nella scuola media “Luigi Sturzo” di Biancavilla, in occasione dell’inaugurazione della mostra temporanea “Come anime al vento”.

I ragazzi, guidati sapientemente dalle professoresse Cetty La Spina e Rosanna Polto, hanno dipinto delle magliette per la “Giornata della Memoria”. Magliette che sono state appese nei corridoi, lungo i quali sono stati esposti anche altri lavori.

Prima dell’inaugurazione, in aula magna alcuni alunni hanno letto , sia in italiano che in inglese, brani tratti dal romanzo della senatrice Liliana Segre “Fino a quando la mia stella brillerà”, testi di canzoni e testimonianze degli atti di un processo contro i colpevoli di Auschwitz.

Hanno preso parte alla manifestazione gli assessori Enza Cantarella e Luigi D’Asero con la dirigente scolastica Concetta Drago.

Con la loro musica, i professori Coniglio e Mammoliti hanno reso ancor più toccante l’evento. La mostra rimarrà visitabile per qualche giorno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili.