Connettiti con

News

«Vogliamo la pista di elisoccorso, battaglia nel ricordo di mio figlio»

Pubblicato

il

«Io e mia moglie da anni viviamo tormentati da un dubbio atroce. E finché camperemo, continuerà a perseguitarci. Nostro figlio, se a Biancavilla ci fosse stata una pista di elisoccorso e gli interventi medici fossero stati più celeri ed efficienti, si sarebbe salvato? Oggi sarebbe ancora tra noi?». Interrogativi laceranti. Pensieri strazianti di un padre e di una madre che non possono rassegnarsi alla perdita di un figlio. E che adesso rispolverano la vecchia battaglia per realizzare un’elipista del 118, promessa a più riprese da dirigenti dell’Asp ed esponenti politici.

Carmelo Greco aveva cominciato a chiedere la costruzione dell’opera, nel gennaio 2007, all’indomani dell’incidente in cui perse la vita il figlio. Giuseppe aveva 22 anni. Era sulla sua moto, quando nel viale Cristoforo Colombo, a due passi dalla scuola media “Luigi Sturzo”, perse il controllo e cadde a terra.

«Mi faccio un giro e torno a pranzo», aveva detto pochi minuti prima al padre. «Io ero a casa, quando un conoscente –racconta Carmelo– mi avvisò dell’incidente e del coinvolgimento di mio figlio. Andai sul posto. Vidi la moto a terra. Una donna teneva la testa a Giuseppe. Lui non era cosciente, ma ancora respirava. Per 50 lunghi minuti chiamai il 118. Mi dicevano di stare calmo, ma come potevo stare calmo, vedendo mio figlio in fin di vita?».

Dal luogo dell’incidente al pronto soccorso ci sono poche centinaia di metri, ma è stato necessario attendere un’ambulanza. Una volta all’ospedale, le condizioni di Giuseppe apparvero disperate. Necessario, quindi, il trasferimento al “Cannizzaro” di Catania. Altri problemi con l’elisoccorso: l’unico spazio disponibile era il campo sportivo, ma era necessario innaffiare prima la superficie in terra battuta per ragioni di sicurezza. Altro tempo prezioso che si allungava. «Dal momento dello schianto in moto all’arrivo al Cannizzaro passarono due ore e mezza –ricorda Carmelo Greco– ma non c’era più nulla da fare, Giuseppe era morto».

Seguirono giorni di disperazione per i familiari e per gli amici di un ragazzo ben voluto da tutti. Una disperazione che da subito fu convogliata in una corale battaglia civile. Costituita l’associazione “Giuseppe Greco”, partì una campagna per realizzare la pista dell’elisoccorso: tra Adrano, Biancavilla e Santa Maria di Licodia, raccolte in pochi mesi 7000 firme. Diversi politici si fecero avanti e l’Asp promise: «La pista sarà costruita, ma solo dopo la conclusione dei lavori del nuovo ospedale».

Il nuovo ospedale dovrebbe essere inaugurato il prossimo 19 marzo, come annunciato dall’assessore alla Salute, Ruggero Razza. «Bene, chiediamo –si fa avanti Carmelo Greco– che si riapra il cassetto con quelle vecchie promesse e comincino i lavori della piattaforma per l’elisoccorso. Chiediamo anche un potenziamento del servizio del 118 in tutto il comprensorio, che conta oltre 70mila abitanti, con una postazione da aggiungersi a quella esistente già ad Adrano». Greco vuole essere chiaro: «Non si torna indietro, non demordiamo. Politici ed Asp siano coerenti con quanto promesso in questi dieci anni, dopo una battaglia fatta sul nome e sulla morte di mio figlio. Nessuno potrà ridarmi Giuseppe, ma forse potenziare i servizi di soccorso potrà servire a salvare altre vite».

Area già individuata dall’Asp

L’area in cui dovrebbe essere realizzata la pista di elisoccorso è stata già individuata: si trova a fianco al nuovo plesso dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata” di Biancavilla. Nel punto in cui, in questi anni, sono stati sistemati i prefabbricati del cantiere per il nuovo edificio ospedaliero, dovrebbe sorgere la superficie di atterraggio e decollo. L

’ubicazione era stata individuata dalla stessa azienda sanitaria per rassicurare l’associazione “Giuseppe Greco” che dal 2007 chiede l’opera. La pista aveva già ricevuto il via libera preliminare da parte dell’Enac (l’Ente nazionale per l’aviazione civile) ed aveva avuto un primo stanziamento di 100mila euro.

«La pista –aveva detto nel 2011 l’allora commissario dell’Asp, Gaetano Sirna– rappresenta un’opera di pubblica utilità, non solo per Biancavilla, ma anche per tutto il comprensorio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

Bonifica anti-amianto, nuovo inghippo: interdittiva antimafia ad un’impresa

Il parco verde di monte Calvario rischia di imbrigliarsi in un reticolato di ricorsi e sospensive

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Ancora un diversivo nell’iter della bonifica dell’area di monte Calvario a Biancavilla. Il taglio del nastro risale al febbraio 2023, eppure gli interventi di risanamento e creazione di un parco urbano – al di là del monitoraggio ambientale preliminare già ultimato – attendono di essere avviati.

Adesso – come è in grado di raccontare Biancavilla Oggi – l’ultimo intoppo riguarda un provvedimento di interdittiva antimafia nei confronti di una delle società interessata all’appalto. La “Gentile Ambiente spa” con sede a Casoria, infatti, è stata raggiunta da un’informativa antimafia ostativa da parte della Prefettura di Napoli. Un provvedimento già caricato e visibile nella Banca dati nazionale Antimafia.

L’importo complessivo degli interventi è di circa 17 milioni di euro, frutto di un accordo quadro – siglato nell’ottobre del 2020 – tra Regione Sicilia e ministero dell’Ambiente sulle bonifiche dei grandi siti inquinati, su progetto redatto dall’Ufficio tecnico comunale. Oltre alla “Gentile Ambiente”, nell’associazione temporanea di imprese c’è la Rem (si era sfilata una terza impresa, la Lab. Studio Chimico Ambientale).

La novità dell’interdittiva antimafia per una delle imprese è subito balzata agli occhi dei funzionari del Comune di Biancavilla. Interpellato da Biancavilla Oggi, il sindaco Antonio Bonanno fa sapere che «l’amministrazione comunale si è già attivata per avviare le procedura di esclusione della ditta dai lavori».

Semplice a dirlo, più tortuoso il percorso che potrebbe essere tracciato dagli eventi. Il rischio concreto è che l’appalto venga messo in secondo piano rispetto a carte bollate, ricorsi e sospensive, pregiudicando l’effettivo avvio e svolgimento della bonifica. Che il progetto del polmone verde di monte Calvario resti sulla carta, imbrigliato nei reticolati della giustizia amministrativa, è uno scenario possibile.

Le contromosse dell’impresa

D’altra parte, la “Gentile Ambiente” ha immediatamente attivato tutte le azioni giurisdizionali necessarie a fronteggiare gli effetti di una misura che considera illegittima.

A farlo sapere sono il presidente del Consiglio di Amministrazione della società, Giovanni Gentile, e l’avv. Lorenzo Lentini. L’impresa napoletana ha presentato già ricorso con istanza di sospensione cautelare presso il Tar della Campania «contestando il difetto assoluto del presupposto e la non idoneità dei fatti segnalati». Il Tar discuterà nella Camera di Consiglio prevista per il 17 aprile.

Altra istanza è stata presentata al Tribunale di Napoli – Servizio Misure di Prevenzione per la nomina di un controllore giudiziario «che a fronte della terzietà della società rispetto a contesti di tipo mafioso, consenta la prosecuzione vigilata dell’attività di impresa».

«L’altra ditta proceda nei lavori»

Se l’intento dell’impresa è quello di invitare la stazione appaltante a «soprassedere da qualsiasi provvedimento pregiudizievole di carattere definitivo», a Biancavilla si guarda avanti, puntando ad escludere la ditta napoletana.

«È stata effettuata – ci dice il sindaco Bonanno – una sorta di verifica preliminare nei confronti della mandataria (la Rem, ndr) per capire se questa ha tutti i requisiti per procedere nei lavori senza l’altra. Riteniamo che questo sia possibile. Certo, un’interdittiva antimafia che arriva dopo due anni è un’anomalia per i lavori pubblici e non è normale che arrivi ad appalto già assegnato».

L’appalto per la bonifica di monte Calvario riguarda la messa in sicurezza dell’intera area (dagli agli ’50 e fino al 1998 luogo di estrazione e produzione di materiale destinato all’edilizia). L’opera finale è la realizzazione di un parco verde. Alla base dei lavori, l’incapsulamento delle fibre di fluoroedenite (minerale naturale assimilabile all’amianto) che qui si trovano sotto forma di venature nelle rocce laviche. Fibre diffuse in tutto il paese e nelle sue costruzioni edili, tali da avere provocato decine di morti per mesotelioma pleurico.

La lievitazione dei costi

Un precedente intoppo, dopo l’assegnazione dell’appalto, si era verificato quando l’impresa Rem aveva avanzato la richiesta di una serie di aggiornamenti, a partire dai costi dei materiali che nel frattempo sono aumentati.

Tutte questioni che hanno portato l’impresa e il Comune davanti al Collegio Consultivo Tecnico (presieduto dal prof. Antonio Saitta).

L’organismo si è espresso a febbraio in modo favorevole alla linea del Comune, che aveva sollecitato l’impresa a procedere nei lavori. Adesso, però, la vicenda che riguarda la “Gentile Ambiente” appare parecchio più complessa e delicata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti