Connettiti con

News

«Vogliamo la pista di elisoccorso, battaglia nel ricordo di mio figlio»

Pubblicato

il

«Io e mia moglie da anni viviamo tormentati da un dubbio atroce. E finché camperemo, continuerà a perseguitarci. Nostro figlio, se a Biancavilla ci fosse stata una pista di elisoccorso e gli interventi medici fossero stati più celeri ed efficienti, si sarebbe salvato? Oggi sarebbe ancora tra noi?». Interrogativi laceranti. Pensieri strazianti di un padre e di una madre che non possono rassegnarsi alla perdita di un figlio. E che adesso rispolverano la vecchia battaglia per realizzare un’elipista del 118, promessa a più riprese da dirigenti dell’Asp ed esponenti politici.

Carmelo Greco aveva cominciato a chiedere la costruzione dell’opera, nel gennaio 2007, all’indomani dell’incidente in cui perse la vita il figlio. Giuseppe aveva 22 anni. Era sulla sua moto, quando nel viale Cristoforo Colombo, a due passi dalla scuola media “Luigi Sturzo”, perse il controllo e cadde a terra.

«Mi faccio un giro e torno a pranzo», aveva detto pochi minuti prima al padre. «Io ero a casa, quando un conoscente –racconta Carmelo– mi avvisò dell’incidente e del coinvolgimento di mio figlio. Andai sul posto. Vidi la moto a terra. Una donna teneva la testa a Giuseppe. Lui non era cosciente, ma ancora respirava. Per 50 lunghi minuti chiamai il 118. Mi dicevano di stare calmo, ma come potevo stare calmo, vedendo mio figlio in fin di vita?».

Dal luogo dell’incidente al pronto soccorso ci sono poche centinaia di metri, ma è stato necessario attendere un’ambulanza. Una volta all’ospedale, le condizioni di Giuseppe apparvero disperate. Necessario, quindi, il trasferimento al “Cannizzaro” di Catania. Altri problemi con l’elisoccorso: l’unico spazio disponibile era il campo sportivo, ma era necessario innaffiare prima la superficie in terra battuta per ragioni di sicurezza. Altro tempo prezioso che si allungava. «Dal momento dello schianto in moto all’arrivo al Cannizzaro passarono due ore e mezza –ricorda Carmelo Greco– ma non c’era più nulla da fare, Giuseppe era morto».

Seguirono giorni di disperazione per i familiari e per gli amici di un ragazzo ben voluto da tutti. Una disperazione che da subito fu convogliata in una corale battaglia civile. Costituita l’associazione “Giuseppe Greco”, partì una campagna per realizzare la pista dell’elisoccorso: tra Adrano, Biancavilla e Santa Maria di Licodia, raccolte in pochi mesi 7000 firme. Diversi politici si fecero avanti e l’Asp promise: «La pista sarà costruita, ma solo dopo la conclusione dei lavori del nuovo ospedale».

Il nuovo ospedale dovrebbe essere inaugurato il prossimo 19 marzo, come annunciato dall’assessore alla Salute, Ruggero Razza. «Bene, chiediamo –si fa avanti Carmelo Greco– che si riapra il cassetto con quelle vecchie promesse e comincino i lavori della piattaforma per l’elisoccorso. Chiediamo anche un potenziamento del servizio del 118 in tutto il comprensorio, che conta oltre 70mila abitanti, con una postazione da aggiungersi a quella esistente già ad Adrano». Greco vuole essere chiaro: «Non si torna indietro, non demordiamo. Politici ed Asp siano coerenti con quanto promesso in questi dieci anni, dopo una battaglia fatta sul nome e sulla morte di mio figlio. Nessuno potrà ridarmi Giuseppe, ma forse potenziare i servizi di soccorso potrà servire a salvare altre vite».

Area già individuata dall’Asp

L’area in cui dovrebbe essere realizzata la pista di elisoccorso è stata già individuata: si trova a fianco al nuovo plesso dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata” di Biancavilla. Nel punto in cui, in questi anni, sono stati sistemati i prefabbricati del cantiere per il nuovo edificio ospedaliero, dovrebbe sorgere la superficie di atterraggio e decollo. L

’ubicazione era stata individuata dalla stessa azienda sanitaria per rassicurare l’associazione “Giuseppe Greco” che dal 2007 chiede l’opera. La pista aveva già ricevuto il via libera preliminare da parte dell’Enac (l’Ente nazionale per l’aviazione civile) ed aveva avuto un primo stanziamento di 100mila euro.

«La pista –aveva detto nel 2011 l’allora commissario dell’Asp, Gaetano Sirna– rappresenta un’opera di pubblica utilità, non solo per Biancavilla, ma anche per tutto il comprensorio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

Le celebrità italiane che amano i tavoli verdi e le scommesse sportive

Pubblicato

il

Il gioco d’azzardo è particolarmente amato da moltissimi italiani, tra di loro vi sono ovviamente dei personaggi famosi che lo hanno reso negli anni sempre più in vista.

Il gioco d’azzardo si è certamente evoluto rispetto a come lo abbiamo sempre conosciuto e oggi si può dire che si svolga quasi più online che in presenza. Ne sono un esempio moltissimi casinò come Winorama casino online e tanti altri. Ciò ha reso più semplice il gioco per moltissimi utenti che, differentemente, finora erano stati spaventati dall’aura di lusso e sfarzo che avevano questi luoghi.

Come detto, in Italia tale fenomeno è in netta crescita, anche in virtù delle sempre miglior proposte che arrivano ai giocatori dai portali online. Tra questi vi sono dei personaggi celebri come, ad esempio, il noto giornalista Emilio Fede. Cominciamo proprio da lui la nostra lista delle cinque celebrità italiane che amano i tavoli verdi e le scommesse sportive.

L’ex direttore del TG4 è un grandissimo appassionato di gioco d’azzardo ed ha un amore sconfinato versa la roulette russa. Negli anni, Fede si è distinto proprio per le sue frequentazioni a tema gambling, in Italia come all’estero. È balzato agli onori della cronaca sia per le grandi perdite di denaro che per altrettanto grandi vincite economiche. Si ricordano spesso due sue grandi vincite: una a San Remo e una a Saint Vincent. La prima lo vide ottenere mezzo miliardo di lire mentre la seconda lo portò a vincere più di un milione di euro.

Il secondo volto noto d’Italia è Vittorio De Sica, il padre del neorealismo italiano. De Sica fu regista e attore di alcune delle più importanti pellicole della storia d’Italia e, contemporaneamente, fu un avido giocatore costantemente alla ricerca della vittoria e della scarica d’adrenalina che dà il gioco. Film come “Il conte max” o “L’oro di Napoli” hanno descritto perfettamente la visione del regista riguardo al gioco d’azzardo.

La terza celebrità in lista è il notissimo e ormai ex calciatore Francesco Totti. L’ex attaccante e capitano della Roma si è sempre dichiarato un amante del gioco d’azzardo, prediligendo soprattutto la roulette e il poker. Fu criticato poiché pubblicizzava il gioco d’azzardo in tv, essendo sponsor del sito PokerParty. Il giocatore ha sempre smentito le accuse definendosi un giocatore appassionato ma non patologico e sostenendo che il gioco possa essere un divertente hobby se non raggiunge i contorni grotteschi della malattia.

La quarta celebrità di oggi è il celebre speaker radiofonico e comico Marco Baldini. Lo speaker è stato per anni spalla di Fiorello fino alla rottura della coppia che si consumò proprio a causa del gioco d’azzardo. Il comico toscano ha perso tutto a causa del gioco e ha raccontato la sua storia nel libro “Il giocatore”. Attualmente, Baldini sostiene di volersi tenere lontano dal gioco d’azzardo e dai loschi traffici che lo avevano coinvolto quando era ludopatico.

L’ultima celebrità in lista è il cantante Pupo, al secolo Enzo Ghinazzi. La sua è una storia di alti e bassi con il gioco d’azzardo, per anni è stato divorato dai debiti e ha dovuto vendere gran parte delle sue proprietà. Il cantante si è poi rimesso in piedi grazie anche all’aiuto economico di celebrità come Paolo Bonolis o Maurizio Costanzo.

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili