Connettiti con

Scuola

La “Sturzo” evacuata in soli 2’54”: prova riuscita, scuola premiata

Pubblicato

il

scuola-media-luigi-sturzo

Esercitazione per evento sismico nella scuola di viale Cristoforo Colombo. Attestato di riconoscimento conferito dal Consiglio Comunale per l’attività di prevenzione svolta.

 

di Vittorio Fiorenza

L’allarme è stato azionato all’improvviso: nessun insegnate e nessun alunno erano stati avvertiti. Il segnale lo hanno riconosciuto tutti: terremoto. Ed ecco scattare quindi le procedure di evacuazione della scuola. Tutti a seguire le regole che la tipologia di evento impone.

Soltanto una esercitazione, per fortuna, quella svolta dalla scuola media “Luigi Sturzo” di Biancavilla. Ma eseguita con ordine e precisione, al punto che in 2’54” l’edificio era stato completamente evacuato con tutti gli alunni usciti fuori e messi in spazi sicuri. Un tempo ottimale, come appurato da alcuni consiglieri comunale che casualmente si trovavano in istituto.

Ecco perché, adesso, il Consiglio Comunale ha voluto conferire un riconoscimento alla “Sturzo” per essersi distinta in un’attività di prevenzione considerata fondamentale in un territorio ad alto rischio sismico.

È stato il presidente Vincenzo Cantarella a dare un attestato di riconoscimento al dirigente scolastico Sergio Marra, alla presenza dei rappresentanti della scuola, in tutte le sue articolazioni, a cominciare dai vertici dello staff della sicurezza con l’ing. Natale Saccone, il prof. Giovanni D’Alì e la prof. Rosa Magro.

In aula con Cantarella, anche i presidenti della commissione “Pubblica Istruzione”, Vincenzo Amato, e della commissione “Lavori pubblici”, Giuseppe Pappalardo, e il consigliere Gino Randazzo.

«Il Consiglio Comunale –ha detto il preside Marra– ha dato un grande riconoscimento alla scuola, io sono solamente il coach di un gruppo più articolato perché la sicurezza è un lavoro di squadra, in cui ognuno (dai docenti al personale tecnico-amministrativo, fino agli alunni) deve sapere cosa fare in ogni evento».

riconoscimento-scuola-sturzo-per-esercitazione-evacuazione

Un momento dell’incontro pubblico nell’assemblea cittadina

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scuola

Lotta alla violenza: a Biancavilla alunni “immedesimati” nel ruolo di vittime

All’Ipsia incontro con riflessioni, analisi e soluzioni: studenti sollecitati ad una sana educazione affettiva

Pubblicato

il

Si e tenuto all’Ipsia di Biancavilla, all’indomani della Giornata mondiale contro bullismo e cyberbullismo, l’incontro degli alunni con l’associazione “Forlife”. L’intento del centro di ascolto antiviolenza è la sensibilizzazione dei ragazzi sui temi del contrasto ad ogni fenomeno di violenza e sull’educazione emotiva. Temi su cui da anni l’associazione è impegnata nelle scuole del nostro territorio.

Un’occasione di riflessione, quella offerta dall’istituto scolastico biancavillese, sulla violenza di genere. I ragazzi hanno condiviso le loro esperienze e sono stati coinvolti in prima persona nelle attività proposte dai membri dell’associazione “Forlife”. I ragazzi si sono così espressi sull’argomento, analizzando le cause del fenomeno, elaborando strategie e soluzioni e immedesimandosi nel ruolo di vittima mediante la tecnica del “roleplaying”. Hanno acquisito così la consapevolezza del valore proprio e altrui, esprimendo il desiderio di vivere in una società senza violenza.

L’incontro è stato voluto dalla dirigente Giuseppina Morsellino, dalla responsabile di plesso Giuseppina Pulvirenti e dalla referente per bullismo e cyberbullismo, Loredana Ricceri. La fase preparatoria è stata seguita dalle specialiste in relazioni d’aiuto, Elisa Romeo, Martina Calcagno e Carmen Arena. «L’importanza dei limiti, custodisci il tuo cuore e i tuoi pensieri più di ogni altra cosa: da come pensi, dipende la tua vita».

In particolare, gli studenti sono stati invitati a riflettere sull’importanza di avere relazioni affettive sane, centrate sull’autostima e sul netto rifiuto di insulti, soprusi, umiliazioni e violenze.

© RIPRODUZIONE RISERVATA   

Continua a leggere

I più letti