Connettiti con

Scuola

Insediato il Consiglio dei ragazzi: Viola Cantarella eletta sindaco

Pubblicato

il

consiglio-dei-ragazzi-viola-cantarella-sindaco

Viola Cantarella tra il vice Gianmarco Sciacca e il presidente del Consiglio Comunale Vincenzo Cantarella

Ecco i venti componenti dell’assemblea rappresentativa di tutte le scuole elementari e medie di Biancavilla. Ne è sindaco Viola Cantarella. Gianmarco Sciacca suo vice. 

 

Viola Cantarella, alunna dell’Istituto comprensivo “Antonio “Bruno” è stata eletta sindaco dei ragazzi, in una seduta che si è svolta al palazzo comunale, all’interno dell’assemblea cittadina di Biancavilla, sotto la guida del presidente Vincenzo Cantarella. Gianmarco Sciacca, sempre dello stesso istituto, è stato indicato quale vicesindaco.

Le indicazioni sono state prese dal “Consiglio dei ragazzi”, espressione dei rappresentanti di tutte le scuole elementari e medie di Biancavilla.

«Con emozione forte sono stata eletta con nove voti su 18 presenti, mentre 8 voti sono andati al vicesindaco, dopo il ballottaggio di 6 a 6. Ho fatto miei –ha detto Viola Cantarella– tutti i progetti esposti dai consiglieri e ho sottolineato che voglio vivere in un paese onesto e pulito, dove chi non rispetta l’ambiente deve essere punito, dove deve prevalere il merito e la cultura pratica della legalità, non dimenticando le nostre tradizioni e la nostra storia».

Idee chiare e pragmatismo da parte di tutti i ragazzi e le ragazze eletti nell’organismo consiliare che durerà in carica un anno, durante il quale si riuniranno per “deliberare” proposte e suggerimenti agli amministratori “adulti”.

L’intero Consiglio dei ragazzi è formato da Antonino Alfio Gravagna, Vincenzo Pappalardo, Alfio Ferro, Mario Amato e Fina Serena Martella (alunni della scuola media “Luigi Sturzo), Giovanni M. Sciacca, Viola Cantarella, Lucrezia Aiello, Mattia D’Olica e Vincenzo Salamone (Istituto comprensivo “Antonio Bruno”), Angelica Pastanella, Antonio Furnari, Vincenzo Nicolosi, Guglielmo Mortella e Davide Di Fazio (Primo circolo didattico “San Giovanni Bosco”), Salvatore Carrà, Federica Paratore, Agnese Finocchiaro e Nevio Nigro (Secondo Circolo didattico “Giovanni Verga”) e Sofia Scaccianoce (Istituto “Maria Ausiliatrice”).

consiglio-dei-ragazzi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scuola

“Come anime al vento”: così la scuola “Luigi Sturzo” ha ricordato la Shoah

Per la “Giornata della memoria” una mostra temporanea e la lettura di brani e testimonianze

Pubblicato

il

Mattinata intensa, commovente e, a tratti, struggente, quella vissuta nella scuola media “Luigi Sturzo” di Biancavilla, in occasione dell’inaugurazione della mostra temporanea “Come anime al vento”.

I ragazzi, guidati sapientemente dalle professoresse Cetty La Spina e Rosanna Polto, hanno dipinto delle magliette per la “Giornata della Memoria”. Magliette che sono state appese nei corridoi, lungo i quali sono stati esposti anche altri lavori.

Prima dell’inaugurazione, in aula magna alcuni alunni hanno letto , sia in italiano che in inglese, brani tratti dal romanzo della senatrice Liliana Segre “Fino a quando la mia stella brillerà”, testi di canzoni e testimonianze degli atti di un processo contro i colpevoli di Auschwitz.

Hanno preso parte alla manifestazione gli assessori Enza Cantarella e Luigi D’Asero con la dirigente scolastica Concetta Drago.

Con la loro musica, i professori Coniglio e Mammoliti hanno reso ancor più toccante l’evento. La mostra rimarrà visitabile per qualche giorno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili.