Connettiti con

In città

Natale in basilica con incontri, mostre, concerti e solidarietà

Pubblicato

il

presepe-in-basilica-biancavilla

Articolato programma per le festività natalizie, organizzato nella basilica di Biancavilla dalla parrocchia retta da padre Pino Salerno e dall’associazione “Maria Santissima dell’Elemosina”, presieduta da Giuseppe Santangelo. Momenti di preghiera si alterneranno ad eventi culturali e musicali.

Lunedì 21 dicembre, concerto dell’orchestra e del coro della Scuola “Luigi Sturzo”. Sabato 26 dicembre, la prima Rassegna di Corali etnee, che vedrà la partecipazione di sei gruppi vocali di Adrano, Pedara, Aci Sant’Antonio e Biancavilla per un Concerto di Natale sul tema della Pace (nel corso della serata verrà effettuata una raccolta di solidarietà a favore delle famiglie bisognose).

Lunedì 28 dicembre, in basilica, alle 18.30, incontro-dibattito sul tema “La famiglia nel disegno di Dio” con il giornalista Mario Adinolfi, autore del libro “Voglio la Mamma” e responsabile del comitato “Difendiamo i nostri figli”. La serata verrà introdotta da Don Salvatore Bucolo, responsabile di Pastorale Familiare della Diocesi di Catania. Un’occasione per prendere coscienza delle sfide culturali del nostro tempo.

Tra le varie celebrazioni liturgiche di questo periodo si segnalano la liturgia penitenziale di mercoledì 23 dicembre alle 19,30, per le confessioni in preparazione al Natale, la benedizione delle famiglie, nel corso della Messa di domenica 27 dicembre, e l’Adorazione eucaristica con i Vespri e il Te Deum di fine anno, giovedì 31 dicembre alle 18,30.

Ad inaugurare il nuovo anno, venerdì 1 gennaio, in concomitanza con l’apertura della porta Santa presso la Basilica di Santa Maria Maggiore a Roma, la comunità di Biancavilla vivrà un momento molto intenso, con una processione straordinaria dell’Icona della Madonna dell’Elemosina, alle 18,30, dalla chiesa del Rosario fino alla Basilica Santuario. Nel corso della Celebrazione verrà accesa la lampada giubilare, attinta alla fiamma della “Luce della Pace di Betlemme”, proveniente dalla Grotta della Basilica della Natività di Betlemme, che arderà presso la Cappella della Madre di Dio per tutto l’Anno Santo.

Al termine della Messa verrà inaugurata la scultura celebrativa del Giubileo della Misericordia, opera dell’artista Dino Cunsolo.

In quello stesso giorno, in comunione col Santuario di Biancavilla, verranno celebrate sante messe in varie parti del mondo, dove sono presenti sacerdoti biancavillesi o comunità di origine biancavillese. Tra gli altri: la parrocchia “Cristo Rey” a Virrey del Pino di Buenos Aires, la parrocchia “Maria SS. Signora degli Afflitti” a Mungbere, Wamba, in Congo, la parrocchia “S. Famiglia” a Piacenza, con la presenza di una riproduzione dell’Icona della Madonna dell’Elemosina.

Sabato 2 gennaio avrà luogo il primo pellegrinaggio giubilare dell’anno, da parte della comunità greco-cattolica di Messina, guidata da Papas Antonio Cucinotta, che alle 18,30 officerà la Divina Liturgia di San Giovanni Crisostomo (un articolato calendario di pellegrinaggi è previsto nel corso dell’anno al Santuario Giubilare della Vergine dell’Elemosina di Biancavilla). Al termine della Liturgia avrà luogo una Conferenza sul tema “Accogliere i pellegrini”, con una significativa testimonianza sull’esperienza della Chiesa impegnata in prima linea nell’accoglienza degli immigrati.

Lo stesso giorno verrà inaugurata la mostra giubilare dal titolo “Il Volto della Misericordia” che illustrerà mediante icone, pitture e sculture il volto di Cristo nell’arte.

Domenica 3 gennaio alle 19,30 al teatro “La Fenice” si svolgerà la festa per le coppie di sposi che hanno compiuto il 25°, 50° e 60° anniversario di matrimonio, alla presenza del sindaco e del prevosto. Alle coppie verrà consegnata in omaggio un’Icona della Madonna dell’Elemosina.

Nella mattina di lunedì 4 gennaio la Fraternità “Ecco tua Madre” darà vita ad una missione di misericordia dal titolo “Nel pianto conforto” che si svolgerà presso il cimitero cittadino ogni primo lunedì di mese.

Da segnalare ancora, che fino al 6 gennaio, per la prima volta in Santuario, nella cornice barocca della Cappella di San Placido, ha luogo una Mostra di presepi da collezione, opera di presepisti locali e maestri cartapestai, dal titolo “La Misericordia si è fatta carne”. Nello stesso periodo, presso l’altare della Madonna dell’Elemosina, è allestito l’Albero della Carità che quest’anno raccoglie beni di prima necessità da destinare alle famiglie bisognose e libri per i detenuti delle carceri catanesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In città

Il carnevale al “Cenacolo”: niente coriandoli ma tanta voglia di cantare

Momento festoso di condivisione tra gli ospiti della comunità terapeutica assistita

Pubblicato

il

Nella Comunità Terapeutica Assistita Cenacolo Cristo Re di Biancavilla, il Carnevale non è passato inosservato. In tutto il mondo a causa, ormai della pandemia tutte le attività carnascialesche sono state sospese per evitare il propagarsi del virus.

Nella struttura, certe occasioni non debbono passare inosservate per gli ospiti che affrontano la quotidianità. E quindi, rimodulando la maniera di vivere la festa, si è approntata un’altra iniziativa per dare la stessa gioiosità ed allegria.

Niente balli comunitari né coriandoli, bensì tante strisce filanti appese ai muri e… voglia di cantare.

È stato intensificato, infatti, il laboratorio musicale nel periodo precedente i classici giorni del carnevale con la selezione di ben nove ospiti che attraverso le loro qualità canore hanno saputo esprimere delle potenzialità da offrire per un momento comunitario e di condivisione.

Gli operatori, in accordo all’equipe, hanno programmato un concorso musicale dove nei giorni di Giovedì Grasso e Martedì di Carnevale gli ospiti si sono esibiti, sottoponendosi non solo agli applausi di tutti i presenti. Ma anche e soprattutto ad una giuria composta da tutte le qualifiche professionali presenti nella comunità e da una rappresentanza dell’utenza.

Un attestato di partecipazione a tutti i concorrenti e medaglie per i primi tre classificati, unitamente a tante squisite “chiacchiere”, hanno arricchito l’evento.

La pandemia non ferma le attività ma, con le dovute cautele e nel rispetto delle regole igienico-sanitarie anti covid, riesce a modulare iniziative che fanno sì che il percorso terapeutico riabilitativo possa comunque continuare per dare risposte di qualità di vita agli assistiti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili