Connettiti con

In città

Violenza contro le donne, si leva la voce della Gioventù francescana

Pubblicato

il

incontro-calypso-e-gifra

Al convento di Biancavilla confronto aperto tra il presidente del centro antiviolenza Calypso, Pilar Castiglia, e la Gifra. E così i ragazzi e le ragazze “scoprono” che anche a Biancavilla esistono abusi e maltrattamenti.

 

Parlare di violenza di genere, ma anche di amore, libertà, rispetto e parità. Non in maniera astratta, ma con casi reali della realtà biancavillese. Al convento “San Francesco”, i ragazzi e le ragazze della Gifra (Gioventù francescana) hanno voluto incontrare l’avv. Pilar Castiglia, presidente del centro antiviolenza Calypso di Biancavilla. Non per la classica conferenza dai toni cattedratici, piuttosto un confronto aperto.

«L’incontro –spiega l’avv. Castiglia– è stato ricchissimo di contenuti importanti e nello stesso tempo allegro e divertente! I ragazzi e le ragazze hanno mostrato interesse e hanno partecipato attivamente con interventi maturi e pertinenti. Abbiamo parlato dell’importanza della denuncia anche se la violenza non ci riguarda direttamente perché “farsi i fatti propri” è sinonimo di omertà e di mafia».

«Ho raccontato ai ragazzi –continua ancora l’avv. Castiglia– il lavoro di rete che Calypso svolge insieme ai carabinieri di Biancavilla, con il comandante, il mar. Roberto Rapisarda, la mar. Monia Buonsante e gli altri militari che si stanno distinguendo per i numerosi interventi risolutivi nell’ambito della violenza endofamiliare, così come si distinguono le assistenti sociali, Maria Concetta Mobilia e Anna Drago, che si muovono in un settore delicato in modo deciso ma sensibile».

La voce dei ragazzi e delle ragazze
Agata: «È stato un incontro significativo, abbiamo capito che anche noi nel nostro piccolo possiamo dare un contributo per migliorare questo mondo fatto di tante ingiustizie nei confronti delle donne. Quello che ogni persona deve comprendere è che amore è uguale libertà, non violenza».

Melania: «Abbiamo molto riflettuto su quello che accade ai giorni d’oggi, anche nel nostro paese. E soprattutto sul fatto che non dobbiamo avere paura a denunciare».

Gaia: «L’incontro è stato produttivo per noi tutti e per la nostra fraternità. Nonostante a partecipare fossimo ragazzi di età differenti siamo riusciti a dialogare e a confrontarci sulla tematica. Grazie a questa esperienza abbiamo compreso e conosciuto uno dei problemi principali della nostra società bincavillese ma soprattutto che esistono dei centri e delle persone che ogni giorno combattono questa spiacevole realtà».

Giuseppe: «Una cosa che ha colpito molto dell’incontro con l’avv. Castiglia è la passione e il forte interesse che queste persone hanno su ciò che fanno. Loro vogliono aiutare la gente. Con un dialogo tra la relatrice e il gruppo siamo riusciti a riconoscere le origini di tale violenza; origini che vanno dall’educazione del futuro violento agli atteggiamenti non sani nella coppia. Tutti abbiamo avuto modo di immedesimare qualcuno o noi stessi in tali atteggiamenti e avere una visione più oggettiva e matura di quali siano i “giusti modi di fare” in coppia o in famiglia. Ovviamente non si è parlato solo di “violenza sulle donne” (eventi che tristemente hanno un maggiore impatto statistico) ma di violenza (mai giustificata) in ambito di coppia… Sono contento che molti adolescenti abbiano espresso le loro opinioni e i propri dubbi alla relatrice, dimostrando come l’argomento sia di forte interesse anche in tenera età e dando modo all’avv. Castiglia di mostrare la sua bravura e cultura sull’argomento tale da tener testa alle tante domande che un gruppo così numeroso possa farle».

Soriana: «La violenza non nasce dal nulla. Si impara ad essere violenti e si impara da qualcuno. Qualcuno che in quell’istante non ama, ma che danneggia più persone di quanto creda. Danneggia un suo simile, che dovrebbe amare e rispettare; danneggia il presente e il futuro di un bambino, che potrebbe non riuscire a far spazio all’amore nella sua vita, ma a ben altro. Il primo passo sarebbe quello di amare, dare il buon esempio e salvare la vita nostra e altrui».

incontro-calypso-e-gifra2

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In città

Una scultura in piazza Sant’Orsola per ricordare le donne vittime di violenza

Una marcia di solidarietà, un flash mob e un incontro promossi dall’assessore Enza Cantarella

Pubblicato

il

Una scultura permanente, due scarpe rosse intagliate nella pietra per ricordare le donne vittime di violenza. A Biancavilla, la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne ha scandito vari momenti che si sono snodati lungo la giornata. “Amati senza paura”, lo slogan scelto dall’assessorato comunale alle Pari opportunità, aveva proprio l’obiettivo di promuovere in un unico giorno varie iniziative di sensibilizzzione.

Dopo il primo seminario tenutosi a Villa delle Favare con tantissimi studenti, dalla scuola “Guglielmo Marconi” è partita la marcia di solidarietà conclusasi in piazza Sant’Orsola. Qui, grazie a una donazione dell’azienda “Etna Stone & Design”, è stata inaugurata la scultura con le scarpette rosse. Sono ormai divenute simbolo universale della lotta per i diritti delle donne e contro la violenza di genere. Assieme all’assessore Enza Cantarella ha partecipato anche il Presidente del Consiglio Comunale, Martina Salvà.

Per il concorso dei migliori elaborati sul tema, premiate Sofia Bisicchia (3 G, “Luigi Sturzo”) e Lara Lavenia (3 A, “Antonio Bruno”).

Nel pomeriggio il flash-mob a Villa delle Favare curato dall’Asd Centro danza Etoile e un altro incontro di approfondimento. La Giornata si è conclusa con l’esibizione canora di Rosaria Schillaci, in arte Gloria.

«Come donna e come componente dell’amministrazione – osserva l’assessore Enza Cantarella – ho ritenuto doveroso porre l’attenzione sulla celebrazione di una giornata così importante. È stato per me un onore oggi poter toccare con mano l’entusiasmo e la voglia di cambiamento negli occhi e nelle parole dei ragazzi e studenti che hanno partecipato al seminario mattutino e alla marcia solidale, così come l’attenzione e la partecipazione registrata nel seminario serale che ha visto come relatori diverse autorità. Sono certa che la semina effettuata in questi anni di fronte ad argomenti così sensibili e delicati sia la strada giusta da percorrere per ottenere presto il cambiamento che tutti ci auguriamo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili