Connettiti con

Associazionismo

Volontari e comunità francescana mobilitati per una raccolta alimentare

Pubblicato

il

raccolta-alimentare-convento-san-francesco

Alcuni volontari con Salvatore Mauceri (al centro), responsabile dell’iniziativa

Una raccolta alimentare per le famiglie indigenti di Biancavilla, in prossimità del Natale. L’iniziativa di solidarietà che da oltre dieci anni viene promossa dal convento “San Francesco” e dalla “Onlus Protezione Civile Biancavilla”, anche quest’anno ha coinvolto diversi volontari.

Si sono messi a disposizione pure i Rangers Europa del distaccamento di Ragalna, legati alla divisione di Nicolosi, così come la Misericordia e l’Associazione Nazionale Carabinieri di Santa Maria di Licodia e le associazioni “Security” e “Albavilla” di Biancavilla.

In una giornata, in alcuni supermercati biancavillesi, sono stati raccolti circa 700 kg di pasta, 70 litri di latte, oltre a scatolame, zucchero e farinacei, legumi, omogenizzati, biscotti e brioche.

Rispetto agli anni precedenti, per la prima volta, sono stati direttamente coinvolti nell’iniziativa di raccolta anche alcune persone bisognose, un aspetto che sottolinea ancora di più l’intento solidale di questa mobilitazione.

«L’iniziativa –spiega il responsabile Salvatore Mauceri– ogni anno comporta un’accurata preparazione ed una più puntuale selezione dei viveri, per data di scadenza, che viene effettuata in una sorta di improvvisato magazzino di stoccaggio, messo a disposizione da una delle associazioni partecipanti. I viveri raccolti sono stati depositati in convento, dove il gruppo del “Buon Samaritano” provvederà a distribuirli alle famiglie bisognose».

Massima soddisfazione è stata espressa dalla comunità francescana di Biancavilla per questa iniziativa che conferma la sua validità e che conferma la spontanea partecipazione di persone che prestano la loro opera a favore di chi è meno fortunato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Associazionismo

Lions Club e Accademia Universitaria discutono di “violenza di genere”

A Villa delle Favare l’intervento della penalista Floriana D’Amico e la testimonianza di Vera Squatrito

Pubblicato

il

Il Lions Club Adrano Bronte Biancavilla ha affrontato, a Villa delle Favare, il tema della violenza, in collaborazione con l’Accademia Universitaria Biancavillese. È intervenuta Floriana D’Amico, penalista del Foro di Catania, che ha approfondito il nuovo ordinamento di legge sul “codice rosso”. L’avvocata ha esortato e sottolineato il dovere della denuncia in casi di episodi di violenza e maltrattamenti.

L’incontro ha ospitato anche la testimonianza di Vera Squatrito, mamma di Giordana Di Stefano, uccisa dal suo compagno nel 2015, a soli 20 anni. Un intervento, il suo, che ha suscitato grande commozione.

Interventi introdotti da Graziella Portale, presidente del Lions, e Rosa Lanza, presidente dell’Accademia, e moderati da Margherita Costa, referente del club per il tema “Stop agli abusi, stop al silenzio”.  

Durante l’incontro, il referente Lions delle attività di servizio dell’area catanese, Salvuccio Furnari, ha fatto distribuire degli opuscoli progettati dal Distretto Lions Sicilia per la prevenzione della violenza di genere e per un’azione di informazione e formazione verso la cultura del rispetto. L’appuntamento a Villa delle Favara si è concluso con la lettura di una poesia di Alda Merini, forte e toccante: “Il mio trafugamento di madre”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti