Connettiti con

Storie

Marco Gioco, il big del braccio di ferro che punta adesso all’«Over the top»

Pubblicato

il

di VITTORIO FIORENZA

«Sì, gli spinaci li mangio, eccome. Bastassero solo quelli, però…». Marco Gioco ci scherza su, ha il sorriso della soddisfazione, che tuttavia non nasconde i sacrifici che ci stanno dietro. No, non bastano solo quelli, gli spinaci. Ci vogliono determinazione, forza di volontà, allenamenti costanti, senza sgarrare un giorno. Sono i caratteri distintivi di questo giovane 33enne di Biancavilla, che ha appena conquistato, in provincia di Ancona, il titolo di campione d’Italia a braccio di ferro. Anzi, doppio campione nella categoria dei 75 kg: numero 1 sia con braccio destro che con il sinistro. E non è da tutti. Agguantato il trofeo, Marco non molla la presa.

Adesso punta dritto al campionato del mondo, fissato il 22 settembre in Lituania. Lui ci sarà: privilegio che spetta soltanto ai migliori per nazione. «Il mio sogno è vincere il mondiale: io lo voglio quel titolo», dice con convinzione muscolare. Diventare un “Over the top”, dopo quasi cinque anni di attività professionistica, sarebbe il sigillo di una passione che comunque è cominciata da piccolino, nelle gare a tavolino con il nonno.

Di mestiere fa l’imbianchino, Marco. E fra una parete e l’altra da tinteggiare, non manca di riscaldare muscoli e tendini, sollevando latte pesanti di ducotone. Di coppe vinte in competizioni regionali e nazionali, ne ha ormai una ricca collezione. L’anno scorso, al campionato mondiale tenutosi in Polonia, è arrivato all’undicesimo posto tra 29 partecipanti. Adesso, vuole salirci a tutti i costi su quel podio riservato soltanto ai big del braccio di ferro.

«Quante volte –sottolinea Marco– è capitata per gioco una sfida di braccio di ferro al bar, in palestra, a scuola? Tanti si sono confrontati tra amici per scoprire chi fosse il più forte. E’ una prova di forza che tutti conoscono, ma in pochi sanno che è anche una disciplina sportiva sana che insegna la lealtà e la forza di volontà. Negli ultimi anni, in Italia sta crescendo la partecipazione attiva degli atleti. E l’obiettivo è quello di inserire questa disciplina pure tra quelle olimpioniche».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Storie

Simona Crispi, ricercatrice di Biancavilla diventa “doctor europaeus”

Brillante percorso di studi e una carriera nell’ambito dell’ingegneria e della chimica dei materiali

Pubblicato

il

Il suo ambito è quello della ricerca e lo sviluppo dei nanomateriali, che trovano applicazioni in svariati settori. Un’attività, la sua, che in questo momento svolge presso il CNR – Istituto di tecnologie avanzate per l’energia “Nicola Giordano” di Messina, col quale ha vinto un assegno di ricerca.

Simona Crispi, biancavillese, nonostante il suo percorso accademico la proietti verso orizzonti internazionali, ha deciso di restare in Italia, anzi in Sicilia. E adesso ha conseguito il dottorato di ricerca in “Ingegneria e Chimica dei materiali e delle costruzioni” all’Università di Messina. Un traguardo arricchito anche dall’attestazione di “Doctor europaeus”. Titolo aggiuntivo che risponde alle condizioni stabilite dalla Confederazione delle Conferenze dei Rettori dei paesi dell’Unione Europea (recepite dalla European University Association) e che Simona ha conquistato grazie alla tipologia e al rilievo dei suoi studi, condotti per un periodo presso la “Humboldt – Universitat” di Berlino.

Alle spalle c’è un un lungo percorso. Simona Crispi ha conseguito la laurea triennale in Tossicologia e quella magistrale in Chimica dei materiali all’Università di Catania. Diversi gli stage riportati in curriculum, dall’Arpa Sicilia alla St Microelectronics, multinazionale con cui ha collaborato per il deposito di un brevetto per creare un materiale da utilizzare in dispositivi miniaturizzati per il rilevamento di gas. Abilitata alla professione di chimico, Crispi ha pubblicato diversi articoli in riviste scientifiche come Sensors and Actuators o ACS Applied Nanomaterials.

Un’intensa attività che non le ha impedito, comunque, di tralasciare affetti e sentimenti. Così, Simona ha coronato ri recente anche il sogno del matrimonio, dimostrando che carriera e famiglia si possano conciliare. «Come è possibile? Con l’amore», risponde la ricercatrice biancavillese. «La passione e l’amore per quello che faccio – garantisce Crispi – mi conferiscono le energie necessarie per alzarmi tutte le mattine alle 4 e andare a prendere un pullman che mi porta ad un altro pullman per arrivare al lavoro. Ed è lo stesso amore che mi riconduce tutte le sere a casa da mio marito».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti