Connettiti con

Politica

Fratelli d’Italia: «Europee, per noi un altro risultato record a Biancavilla»

Il sindaco Bonanno: «Siamo un riferimento politco in città», D’Urso: «Merito del primo cittadino»

Pubblicato

il

«Il risultato ottenuto a Biancavilla, in occasione delle Europee, da Fratelli d’Italia e dall’intera coalizione, non c’è dubbio che rafforza l’amministrazione comunale, ci stimola a proseguire il nostro lavoro e ci riconosce come punto di riferimento politico nella nostra città».

Così il commento del sindaco Antonio Bonanno all’esito elettorale, che nel nostro paese ha fatto registrato oltre il 70% dei consenti per il centrodestra e il 37% per Fratelli d’Italia.

In particolare, il partito della Meloni ha avuto i candidati con il maggior numero di consensi: su tutti, Massimiliano Giammusso (1484 voti), ma non eletto, e Ruggero Razza (1011 voti), diventato europarlamentare.

«L’amico Giammusso – fa notare Bonanno – conquista il record di candidato non biancavillese che raggiunge la vetta delle 1500 preferenze. Abbiamo sostenuto un professionista di qualità».

Piena soddisfazione anche dal coordinatore locale di FdI, Angelo D’Urso: «I risultati ottenuti dalla nostra lista superano di gran lunga le percentuali nazionali e regionali, con un incredibile 37,42% dei voti. Questo straordinario risultato dimostra la fiducia e l’apprezzamento dei nostri concittadini verso il nostro impegno e il nostro lavoro».

«Questo successo – prosegue D’Urso – è frutto del costante e straordinario lavoro del sindaco Antonio Bonanno, degli amministratori e dei consiglieri appartenenti a Fratelli d’Italia. Il loro impegno quotidiano per il benessere e lo sviluppo della nostra comunità è stato riconosciuto e premiato dai cittadini».

D’Urso si complimenti con i due parlamentari eletti nella circoscrizione, Ruggero Razza e Giuseppe Milazzo. «Siamo certi – dice – che sapranno rappresentare al meglio il nostro territorio e portare avanti con determinazione i valori e i progetti di Fratelli d’Italia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Politica

Biancavilla in balìa dell’Acoset: acqua ridotta, disservizi in vari quartieri

L’azienda riduce di 6 litri al secondo la consueta erogazione, il sindaco Bonanno si rivolge al prefetto

Pubblicato

il

L’Acoset ha ridotto l’erogazione idrica a Biancavilla. Ciò sta creando disagi agli utenti che risiedono in particolare nel centro storico (non serviti dai pozzi comunali).

Il primo cittadino ha informato della situazione la Prefettura di Catania. «Pur comprendendo le difficoltà della società idrica, il sindaco Bonanno – informa una nota del Comune – ha chiesto all’Acoset di ripristinare il più presto possibile l’erogazione idrica nelle quantità necessarie al fabbisogno dei cittadini».

Secondo il Piano Regolatore delle Acque, l’Acoset è tenuta a fornire al Comune di Biancavilla (pur non facendo parte della società) 23 litri al secondo di acqua. Di solito, tuttavia, l’erogazione è stata garantita per 27-28 l/s, un quantitativo che (unito a quello dei pozzi del Comune) riesce a coprire il fabbisogno. Adesso, però, per carenza idrica ed esigenze aziendali, a Biancavilla vengono forniti 21 litri al secondo. Un quantitativo insufficiente, che è causa dei disservizi presenti in diversi quartieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti