Connettiti con

News

A Biancavilla il ricordo di Massimiliano Bruno, vittima nella strage di Nassiriya

Missione “Antica Babilonia”: anniversario dell’attentato in Iraq, che provocò la morte di 19 italiani

Pubblicato

il

Nel cimitero di Biancavilla, commemorato il sottotenente Massimiliano Bruno, carabiniere originario di Bologna, vittima dell’attentato a Nassiriya del 12 novembre del 2003. Bruno ha prestato servizio per alcuni anni a Biancavilla: la sua salma riposa nella cappella comunale del cimitero di Biancavilla.

La strage di Nassirya – come si ricorderà – provocò 28 morti, 19 dei quali italiani. Tra i dodici carabinieri uccisi nell’attentato c’era anche l’appuntato catanese Horacio Majorana, anch’egli impegnato nella missione “Antica Babilonia”.

Presenti alla cerimonia, aperta dalla lettura della Preghiera del Carabiniere, il colonnello Salvatore Altavilla, comandante provinciale dei carabinieri di Catania, il capitano Gianmauro Cipolletta, comandate della Compagnia di Paternò, il maresciallo Francesco De Giovanni, comandante della stazione di Biancavilla, il presidente del Consiglio Comunale, Luigi D’Asero, l’assessore Vincenzo Randazzo in rappresentanza dell’amministrazione, il consigliere comunale Francesco Battiato.

Ha partecipato anche una rappresentanza di alunni dell’Istituto comprensivo “Antonio Bruno”. Due di loro hanno letto una preghiera per ricordare il carabiniere Bruno e tutte le vittime della strage.

Tra le docenti che hanno accompagnato i ragazzi anche la figlia del maresciallo Salvatore Barone, morto nel 2016, comandante della stazione dei carabinieri di Biancavilla proprio negli anni in cui ha prestato servizio Massimiliano Bruno.

«La più grande testimonianza che Massimiliano Bruno ci lascia – ha sottolineato il col. Altavilla rivolto ai giovani studenti – è l’adempimento dei propri doveri e il rispetto per gli altri». A impartire la benedizione è stato padre Alfio Sarvà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

News

“Il respiro di Biancavilla”, la questione amianto diventa una mostra fotografica

Iniziativa di Inail e Università di Catania: immagini di Valentina Brancoforte e dell’archivio di Daniela Bellomo

Pubblicato

il

Si intitola “Il respiro di Biancavilla”. Martedì 11 giugno, alle ore 11.00, presso la Direzione territoriale Inail di via Cifali a Catania, inaugurazione della mostra fotografica. Iniziativa nata nell’ambito della attività previste dalla convenzione tra l’Inail Sicilia e l’Università degli studi di Catania.

Le opere fotografiche di Valentina Brancaforte e l’archivio fotografico di Daniela Bellomo, coordinatrice reggente della Consulenza tecnica per la salute e la sicurezza dell’Inail Sicilia, raccontano la storia degli abitanti di Biancavilla. Una popolazione esposta per oltre cinquant’anni alla fluoro-edenite, una fibra asbestiforme che ha provocato un elevato tasso di mortalità per mesotelioma.

L’istituzione della Sin (Sito interesse nazionale), avvenuta del 2001, si rese necessaria quando, a seguito di studi epidemiologici, venne scoperto negli affioramenti rocciosi della cava di Monte Calvario un nuovo minerale. Una struttura anfibolica, la fluoro-edenite, che presenta tre habitus: aciculare, fibroso e prismatico. Studi successivi hanno dimostrato che il nuovo anfibolo ha caratteristiche chimico-tossicologiche riconducibili all’asbesto.

I testi a corredo delle immagini sono di Daniela Bellomo, Valentina Brancaforte e Stefano Zuliani. Ha collaborato Caterina Ledda, docente associata di Medicina del lavoro all’Università di Catania. La mostra sarà visitabile fino al 12 luglio, dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 12.00.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti