Connettiti con

Politica

Martina Salvà si dimette da presidente, Fabrizio Portale pronto a sostituirla

Ultimo movimento di valore politico ed istituzionale, prima delle prossime elezioni amministrative

Pubblicato

il

Si è dimessa da presidente del Consiglio Comunale di Biancavilla Martina Salvà, eletta al vertice dell’assemblea cittadina il 16 luglio del 2021. «Oggi – scrive nella lettera che formalizza la decisione – è arrivato li momento di rispettare gli accordi politici precedentemente presi. Per tale motivo ripongo al consesso civico il mandato di presidente del Consiglio, certa che sapremo trovare un altro presidente che possa adempiere a questo importante ruolo».

Gli accordi politici a cui fa riferimento Salvà riguardano il turnover concordato sullo scranno più alto dell’assemblea cittadina. Biancavilla Oggi lo aveva anticpato tempo fa: a subentrare a Salvà dovrebbe essere il consigliere Fabrizio Portale. Una scelta che non incide sugli equilibri della maggioranza. Ma che, anzi, sul piano teorico, sembrano rafforzare lo schieramento di Antonio Bonanno, anche in vista delle Amministrative di primavera. La vera prova sarà rappresentata, comunque, l’elezione del nuovo presidente. E sarà interessante verificare in aula se il numero di voti che racimolerà il nome di Fabrizio Portale sarà di 13 (gli attuali componenti di maggioranza) o se ci saranno defezioni.

Il turnover sulla presidenza, dunque, dovrebbe essere l’ultimo atto politico-istituzionale prima della scadenza elettorale. Un atto che, dopo 18 mesi, conclude il ruolo di guida dell’assemblea cittadina, ricoperto per la seconda volta nella storia ad una donna (dopo l’esperienza nel 1994 di Maria Concetta Salomone).

Una presidenza di 18 mesi

«In questo anno e mezzo -sottolinea Martina Salvà- mi sono posta degli obbiettivi e ho cercato di realizzarli con tutto l’impegno possibile. Intanto, ho portato avanti il “modus operandi” del mio predecessore Marco Cantarella per ciò che concerne le sedute consiliari. È stato per me un piacere e un onore essere stata l’organizzatrice della 1a e della 2a edizione del Premio Scanderbeg. Volevo che questo premio ricevesse un’immensa importanza (così come importanti sono tutti quei Biancavillesi che portano alto il nome di Biancavilla). E non poteva essere ridotto solo ed esclusivamente ad una serata di premiazione. Mi sono impegnata molto per regalare, non solo ai premiati ma anche a tutti i miei cari concittadini, un evento all’insegna della cultura, della musica e dello spettacolo».

«Ho lavorato sodo -specifica ancora Salvà- anche per far ripartire il Consiglio comunale dei ragazzi, fermo ormai da anni. Questo era uno degli obbiettivi principali che mi ero prefissata per il mio mandato perché credo fermamente che questa esperienza possa iniziare a formare i politici del domani e sono proprio i ragazzi i principali attori del nostro futuro».

Nella comunicazione ufficiale, il presidente dimissionario si rivolge al primo cittadino. «Un grazie particolare – scrive Martina Salvà – va al sindaco Antonio Bonanno e a tutta l’amministrazione per avermi coinvolta in tutte le iniziative e progetti a cui ho preso parte e contribuito con molto piacere. Continuerò a svolgere li mio ruolo di consigliere comunale e resterò sempre a disposizione di tutti i miei cari concittadini Biancavillesi. Continuerò a rappresentare tutti i miei elettori e a lavorare sodo per li nostro paese perché è questo che sono stata chiamata a fare».

Bonanno: «Grato a Martina Salvà»

Al presidente Salvà rivolge parole di ringraziamento il primo cittadino, Bonanno: «Sono grato a Martina Salvà per avere svolto in maniera egregia il proprio lavoro all’insegna dell’equanimità e del rispetto di tute le forze presenti in Consiglio. Per dare lustro al proprio operato, il presidente Salvà ha promosso in prima persona una serie di lodevoli iniziative molto apprezzate dalla nostra comunità. Le auguro ogni bene e sono certo che nel ruolo di consigliere comunale continuerà a dare pieno sostegno alle attività dell’amministrazione».

«Quella del presidente Salvà – scrive il capogruppo della lista “Antonio Bonanno Sindaco”, Dino Caporlingua – è stata una gestione lodevole e ricca di iniziative. Dentro il Consiglio comunale ha avuto il merito di fare un ottimo lavoro grazie al quale ha beneficiato tutta la città. Grazie di cuore per il servizio reso alla comunità».

AGGIORNAMENTO

(12.1.2023) Ol sindaco di Biancavilla, Antonio Bonanno, ha attribuito al consigliere comunale Martina Salvà, la delega in materia di “Aree Interne – Val Simeto Etna – Nuova programmazione FESR 2021-2027”. Il consigliere delegato avrà compiti di rappresentanza, coordinamento, studio, analisi e di verifica del costituendo organo intermedio “Unione dei Comuni” e sulla programmazione relativa alle Aree Interne. Nessuna indennità o emolumento sono previsti per il nuovo incarico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

«Il sindaco ci dica se ci sono le condizioni per stare in maggioranza»

Dopo lo “strappo” in aula, intervento del gruppo “Noi per Biancavilla”: toni amari ma conciliatori

Pubblicato

il

«Amarezza per quanto accaduto e pieno consenso sulla scelta politica adottata dal consigliere Fabrizio Portale».

Si esprime in questi termini, Nino Finocchiaro, responsabile del gruppo “Noi per Biancavilla”, rappresentato in Consiglio Comunale da Portale. Il riferimento è allo “strappo” verificatosi in aula, quando il consigliere non ha partecipato al voto per la scelta dei componenti biancavillesi per l’assemblea dell’Unione dei Comuni della Val Simeto (Biancavilla, Adrano, Santa Maria di Licodia e Centuripe). Un voto che, di fatto, ha escluso Portale, preferendo altri tre componenti di maggioranza (Rosanna Bonanno, Giorgia Pennisi e Marco Cantarella), oltre all’unico componente di minoranza, Melissa Pappalardo, eletta di diritto.  

«Tale scelta operata con il consenso del sindaco Antonio Bonanno ha di fatto tradito gli impegni assunti nei riguardi della nostra lista, già esclusa da ogni rappresentanza istituzionale sia in Giunta che in Consiglio Comunale», attacca Finocchiaro, facendo eco alle dichiarazioni già espresse a caldo da Fabrizio Portale a Biancavilla Oggi. Quest’ultimo aveva “avvisato” il primo cittadino di valutare l’uscita dalla coalizione di maggioranza.

La richiesta al sindaco Bonanno

«Chiediamo al sindaco, quale garante degli impegni assunti con la nostra lista e con oltre mille cittadini che l’hanno votata, di conoscere – ribadisce ora Finocchiaro – se sussistono ancora le condizioni politiche che hanno dato luogo all’accordo in sede di campagna elettorale e se ritiene ancora necessaria ed indispensabile la nostra presenza all’interno della maggioranza».

I toni di Finocchiaro sono comunque conciliatori: «Il nostro consigliere, nell’interesse della Città, nonostante il trattamento subito è disponibile a sostenere come ha sempre fatto, tutti gli atti amministrativi che il sindaco e la Giunta Municipale fino ad oggi hanno adottato e adotteranno, previo coinvolgimento sulle scelte importanti per la nostra città. Non si può pretendere che una forza politica possa sostenere l’attività dell’amministrazione comunale, se dovesse persistere un atteggiamento di chiusura e di esclusione sulle scelte che l’amministrazione e la maggioranza che la sostiene compiono nell’adozione degli atti amministrativi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti