Connettiti con

Cronaca

Condannato e arrestato per violenza sessuale e corruzione di minorenne

Dopo la sentenza definitiva della Corte di Cassazione finisce in carcere un uomo di 37 anni

Pubblicato

il

Una pena definitiva a 4 anni ed 8 mesi di reclusione. Così si è espressa la Corte di Cassazione nei confronti di un biancavillese di 37 anni. L’accusa era di violenza sessuale e corruzione di minorenne. Reati commesssi a Lugo (in provincia di Ravenna) nel periodo 2009-2015.

I Carabinieri della stazione di Biancavilla hanno così arrestato l’uomo, in esecuzione di un ordine per la carcerazione emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali del Tribunale di Ravenna.

La Cassazione, lo scorso 21 ottobre, ha dichiarato inammissibile il ricorso del suo legale contro la sentenza emessa nei suoi confronti dalla Corte d’Appello di Bologna. L’uomo è ora rinchiuso nel carcere catanese di Piazza Lanza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Abbandono di rifiuti, due vigili urbani beccano una donna “insospettabile”

Gli agenti biancavillesi hanno identificato la cittadina incivile: dovrà pagare una multa salata

Pubblicato

il

Una donna “insospettabile” è stata colta da due vigili urbani di Biancavilla mentre abbandonava sacchetti di spazzatura. I due agenti, tra coloro assunti da poco, hanno provveduto ad identificare la donna, che ora dovrà pagare una salata sanzione. L’episodio è avvenuto nelle ore in cui si stava ripulendo la discarica illegale di via dei Pini.

«È il quadro impietoso del ‘riempi e svuota’ – è il commento del sindaco Antonio Bonanno – cui siamo costretti ad assistere per l’incomprensibile atteggiamento di pochi cittadini che inspiegabilmente non intendono adeguarsi a una regolare raccolta differenziata che proprio a Biancavilla dà i propri frutti con numeri record».

Il primo cittadino definisce «gesti ostili e insensati» le condotte di cittadini che di proposito violano le più elementari regole. La multa elevata alla cittadina incivile possa servire «da lezione –auspica Bonanno – a quei pochi incivili che ancora si rifiutano di aderire alla efficiente raccolta differenziata in tutto il territorio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti