Connettiti con

Politica

Ss 284 a doppia corsia, a Biancavilla gli impegni del sottosegretario Cancelleri

L’esponete del governo Draghi rassicura su tempi e finanziamenti dell’opera di messa in sicurezza

Pubblicato

il

L’iter per l’ammodernamento della Strada Statale 284 va avanti. Le opere sono state commissariate. A breve l’avvio dei lavori. La garanzia è del sottosegretario alle Infrastrutture, Giancarlo Cancelleri, in visita a Biancavilla per incontrare le istituzioni del territorio.

«Per questa strada -ha detto Cancelleri- i lavori non sono più rinviabili! Riguardo al primo tratto, Adrano-Bronte, strada pericolosa e molto trafficata, con l’intenso e costante rapporto di collaborazione con le autorità locali e nazionali, abbiamo provveduto al suo commissariamento, al fine di velocizzare le opere. Per questo tratto si procederà ad effettuare un raddoppio della carreggiata su tutti i 14 km di strada. Per il secondo tratto Paterno-Adrano, ad unica carreggiata, si effettueranno invece lavori in variante (senza intaccare la strada esistente) per 4 km. L’investimento per questo tratto è di 66 milioni già tutti finanziati».

Impegni annunciati dal sottosegretario a Villa delle Favare, in un incontro istituzionale. Ennesimo incontro, negli ultimissimi anni, che vede un rappresentante dell’Esecutivo nazionale a Biancavilla.

«Sono entusiasta e soddisfatto dell’impegno portato avanti per questa strada della Sicilia. I lavori -ha garantito Cancelleri- inizieranno a breve, essendo già avviata la cantierizzazione. Io controllerò che le opere vengano svolte velocemente e bene per dare risposte concrete al territorio dopo anni di attese».

Bonanno: «Ruolo centrale della nostra città»

L’esponete del governo Draghi è stato accolto dal sindaco Antonio Bonanno. Assieme a lui, il prefetto Maria Carmela Librizzi, il sindaco metropolitano Salvo Pogliese e l’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone. Presente anche l’ex ministro Nunzia Catalfo, che nella sua precedente visita ufficiale a Biancavilla aveva già anticipato gli impegni di governo sulla Ss 284.

«La visita a Biancavilla del sottosegretario Cancelleri -ha sottolineato il sindaco Bonanno- conferma il ruolo centrale della nostra città nei processi decisionali che riguardano opere importanti. In questo caso parliamo del tanto invocato raddoppio della Ss 284, il cui iter ha preso le mosse oltre 10 anni fa grazie all’interessamento dell’on. Nino D’Asero e dei sindaci di allora Pino Firrarello e Mario Cantarella». 

«A Cancelleri -ha proseguito il primo cittadino- ho detto che il raddoppio da 2 a 4 corsie è la vera messa in sicurezza di un lungo tratto di strada, che negli anni ha fatto registrare un elevato numero di vittime. In questi mesi, col supporto della Prefettura, abbiamo lavorato perché nelle more della realizzazione dell’opera una serie di interventi riducesse la pericolosità per gli automobilisti».

Le risorse complessive per il raddoppio delle corsie sono 344 milioni di euro. Ma allo stato attuale ne mancano 170.

«Raccogliendo le istanze dei miei colleghi e di quanti si battono per il raggiungimento dell’obiettivo -ha detto ancora Bonanno- al sottosegretario Cancelleri ho chiesto tempi certi sulla realizzazione e di chiarire l’aspetto che riguarda il finanziamento totale dell’opera. La sua risposta, data nel corso dell’incontro pubblico, non lascia spazio a fraintendimenti».

Cancelleri ha, infatti, garantito che la restante parte dei finanziamenti arriverà dal governo nazionale.

«Dimezzare i tempi costruttivi dell’opera»

All’incontro non sono mancati i rappresentanti del “Comitato Pro raddoppio Ss 284”, nato all’indomani dell’incidente che su questa arteria ha spezzato la vita alla biancavillese Sara Tomasello.

Il comitato ha promosso negli ultimi anni non soltanto azioni di sensibilizzazione, ma ha seguito ed avanzato proposte dettagliate.

«La nostra richiesta del settembre scorso – spiega il portavoce Benedetto Torrisi- è servita per riconoscere l’opera “strategica e urgente” come il Ponte di Genova. Alla presentazione del progetto definitivo (7 dicembre 2020) ci eravamo stupiti per i tempi di realizzazione, non tanto perché ridotti, quanto perché normali rispetto ai tempi di realizzazione destinati alla Sicilia (cioè lenti). E questo deve sempre far riflettere, anche perché le commissioni al Ministero dello Sviluppo economico sono nominate solitamente dalla politica e i tempi e le azioni se adeguatamente perorate possono garantire variabilità nei tempi. La nomina a questo punto del nuovo Commissario è il risultato delle nostre richieste di accelerare nei tempi e ci viene garantito dal sottosegretario alle Infrastrutture Giancarlo Cancellieri che il Governo nazionale si adopererà in tal senso».

«Ecco perché -viene evidenziato da Torrisi- è necessario che tutti facciano la propria parte in modo serio e non da mere passerelle delle quali le comunità sono stanche. Noi auspichiamo a tempi brevi e a soluzioni costruttive che dimezzino i tempi di realizzazione. Se poi vogliamo dirla tutta, da 95milioni di euro per un adeguamento fuori dai canoni normativi siamo giunti grazie all’intervento della Regione Siciliana a 345milioni di euro per il raddoppio sino ad Adrano. Possiamo credere che con tali cifre non si riesca a lavorare giorno e notte per dimezzare i tempi costruttivi e i disagi agli automobilisti? Auspichiamo al meglio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

«Il sindaco ci dica se ci sono le condizioni per stare in maggioranza»

Dopo lo “strappo” in aula, intervento del gruppo “Noi per Biancavilla”: toni amari ma conciliatori

Pubblicato

il

«Amarezza per quanto accaduto e pieno consenso sulla scelta politica adottata dal consigliere Fabrizio Portale».

Si esprime in questi termini, Nino Finocchiaro, responsabile del gruppo “Noi per Biancavilla”, rappresentato in Consiglio Comunale da Portale. Il riferimento è allo “strappo” verificatosi in aula, quando il consigliere non ha partecipato al voto per la scelta dei componenti biancavillesi per l’assemblea dell’Unione dei Comuni della Val Simeto (Biancavilla, Adrano, Santa Maria di Licodia e Centuripe). Un voto che, di fatto, ha escluso Portale, preferendo altri tre componenti di maggioranza (Rosanna Bonanno, Giorgia Pennisi e Marco Cantarella), oltre all’unico componente di minoranza, Melissa Pappalardo, eletta di diritto.  

«Tale scelta operata con il consenso del sindaco Antonio Bonanno ha di fatto tradito gli impegni assunti nei riguardi della nostra lista, già esclusa da ogni rappresentanza istituzionale sia in Giunta che in Consiglio Comunale», attacca Finocchiaro, facendo eco alle dichiarazioni già espresse a caldo da Fabrizio Portale a Biancavilla Oggi. Quest’ultimo aveva “avvisato” il primo cittadino di valutare l’uscita dalla coalizione di maggioranza.

La richiesta al sindaco Bonanno

«Chiediamo al sindaco, quale garante degli impegni assunti con la nostra lista e con oltre mille cittadini che l’hanno votata, di conoscere – ribadisce ora Finocchiaro – se sussistono ancora le condizioni politiche che hanno dato luogo all’accordo in sede di campagna elettorale e se ritiene ancora necessaria ed indispensabile la nostra presenza all’interno della maggioranza».

I toni di Finocchiaro sono comunque conciliatori: «Il nostro consigliere, nell’interesse della Città, nonostante il trattamento subito è disponibile a sostenere come ha sempre fatto, tutti gli atti amministrativi che il sindaco e la Giunta Municipale fino ad oggi hanno adottato e adotteranno, previo coinvolgimento sulle scelte importanti per la nostra città. Non si può pretendere che una forza politica possa sostenere l’attività dell’amministrazione comunale, se dovesse persistere un atteggiamento di chiusura e di esclusione sulle scelte che l’amministrazione e la maggioranza che la sostiene compiono nell’adozione degli atti amministrativi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti