Connettiti con

News

Controlli anti-Covid, l’associazione “Bellessere” chiede incontro a Bonanno

Diffusione del virus, zona rossa, abusivismo di categoria: parrucchiere e barbieri minacciano azioni legali

Pubblicato

il

L’associazione “Bellessere”, che raggruppa diversi parrucchieri di Biancavilla, minaccia azioni legali «contro tutti i responsabili, a qualsivoglia titolo, commissivo o omissivo, della maggiore diffusione del virus, in modo così tanto invasivo da determinare la necessità di dichiarare il Comune di Biancavilla “zona rossa”, con grave danno (anche) per la categoria».

È quanto si legge in una lettera inviata al sindaco Antonio Bonanno, a firma dell’avv. Pilar Castiglia, che rappresenta l’associazione, «costituita al fine di tutelare l’attività dei parrucchieri, dei barbieri e degli estetisti di Biancavilla».

Battaglia principale è –in questo settore– quella contro «il diffusissimo malcostume dell’abusivismo, pregiudizievole oltre che per ragioni economiche, anche e soprattutto per ragioni legate alla tutela della salute pubblica».

«La finalità perseguita da “Bellessere”, nel drammatico periodo che si sta vivendo, dovrebbe essere ritenuta –viene specificato– ancora più meritevole di attenzione, atteso che non può esservi dubbio alcuno che un estetista o un parrucchiere, che lavori abusivamente, esercitando presso la propria abitazione o recandosi presso quelle dei clienti, non possa garantire, per ovvi motivi, la tutela della salute degli stessi, i quali, pertanto, risultano essere altamente esposti ad un possibile contagio».

Da qui, la richiesta di incontro dell’associazione rivolta al primo cittadino. Gli associati chiedono a Bonanno «di conoscere se e quali controlli il Comune di Biancavilla ha attivato o ha intenzione di attivare, atteso che, a giudicare dalle vergognose violazioni delle restrizioni imposte dal Governo centrale e/o dalla Regione, che si consumano sotto gli occhi di tutti, sembra che il Comune sia rimasto del tutto inerte».

Nella lettera indirizzata al Comune, “Bellessere” allega pure alcune immagini di assembramenti riferite ai giorni precedenti alla dichiarazione di “zona rossa”.

L’associazione auspica che il primo cittadino «si determini ad attivarsi affinché le restrizioni imposte vengano rispettate (vedi il mercato del mercoledì)». In questo senso, l’associazione esprime perplessità «atteso che la totale assenza dell’Amministrazione nel territorio, che ha determinato una situazione progressivamente ingravescente e il maggior diffondersi del Covid-19, l’ha indotta, infine, a richiedere al Presidente della Regione l’inserimento del territorio di Biancavilla in “zona rossa”. Questo con pregiudizio per l’intera economia locale e, inevitabilmente, anche per la categoria dei parrucchieri, dei barbieri e degli estetisti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

Alunno positivo al virus, in quarantena una classe della “Antonio Bruno”

Provvedimento di routine applicato all’Istituto comprensivo per arginare la diffusione Covid

Pubblicato

il

Un alunno è risultato positivo al virus e la sua classe è finita in quarantena. Un atto di prevenzione, come da protocollo. È successo all’Istituto comprensivo “Antonio Bruno”.

Il provvedimento è stato adottato a pochi giorni dalla riapertura delle scuole a Biancavilla (quelle fino alla prima media), dopo lo stop imposto con ordinanza dal presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci.

La tempistica con cui è emersa l’infezione all’alunno, quindi, lascia ampiamente supporre che il contagio sia avvenuto prima del nuovo avvio dell’attività didattica in presenza.

Ad ogni modo è stato applicato un protocollo ormai noto e sperimentato fin da settembre nelle scuole biancavillesi. Scuole che periodicamente si sono ritrovate con alunni contagiati e con la necessità di isolare compagni di classe ed insegnanti, nel tentativo di arginare la diffusione del virus.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili