Connettiti con

News

Per un’ora e mezza bloccati in casa da un’auto lasciata in parcheggio vietato

Ennesimo episodio di ordinaria inciviltà in via Raspagliesi, nel cuore del centro storico di Biancavilla

Pubblicato

il

Un’auto è rimasta parcheggiata per circa un’ora e mezza, ostruendo l’entrata e l’uscita di un’abitazione. I proprietari sono rimasti “tappati” in casa a causa nell’ennesimo atto di inciviltà e mancato rispetto delle regole elementari di convivenza civile. È successo in via Raspagliesi, nel cuore del centro storico di Biancavilla.

Una zona in cui è difficile trovare uno spazio libero in cui parcheggiare. Ma l’auto in questione era in un punto in cui non poteva nemmeno sostare, visto che è l’unico spazio di ingresso dell’abitazione.

Appurato che non si è trattato di qualche minuto, i proprietari di casa hanno chiamato il comando della polizia municipale. Ma anziché ricevere un immediato intervento, la risposta è che nessuna pattuglia era disponibile in quel momento. Il motivo? «I colleghi sono impegnati nel servizio di controllo con autovelox sulla Strada Statale 284. Il piantone, quindi, ha chiesto scusa per non potere mandare nessuno sul posto e ha chiuso così la richiesta di aiuto.

Nulla da fare. Alle persone bloccate in casa non è rimasto altro da fare che attendere il proprietario dell’auto. Appena è tornato per riprendere l’auto, non ha saputo come giustificarsi. D’altra parte, che giustificazione poteva mai esserci? «Sembrava un bambino con il tono di chi vorrebbe dire “non lo faccio più”». Anche questa è cronaca ordinaria di straordinaria inciviltà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

Si è smarrito un bambino: carabinieri, vigili urbani e volontari cercano Nicolò

Il piccolo ha 8 anni, capelli castano chiaro e indossa una maglietta bianca e un paio di jeans blu

Pubblicato

il

Apprensione a Biancavilla per un bambino di 8 anni, Nicolò, di cui non si hanno notizie dalle ore 18. Si trovava con la famiglia in uno studio medico, all’angolo tra via Antonio Gramsci e via Privitera, quando il piccolo sarebbe stato attratto di un cane. Lo ha seguito fino a smarrirsi.

I familiari lo hanno cercato e chiamato per tutto il quartiere. Ma finora senza esito. Per questo sono in giro una pattuglia dei carabinieri e due della polizia municipale per rintracciare il bambino. A loro si sono aggiunti alcuni volontari della protezione civile.

Nicolò ha capelli castano chiaro, indossa una maglietta bianca Guess, jeans blu e scarpe blu della Puma. Chiunque lo notasse può chiamare il comando dei carabinieri e segnalare la sua presenza per essere ricongiunto ai familiari, residenti in via Matteotti.

AGGIORNAMENTO

Il bambino è stao ritrovato. O meglio, è tornato a casa da solo. Dalla compagnia dei carabinieri di Paternò erano anche arrivati rinforzi. Per fortuna, il piccolo è ora con la sua famiglia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, "Biancavilla Oggi" non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili.