Connettiti con

News

Coronavirus, chiuse tutte le scuole: coinvolti oltre 4000 alunni a Biancavilla

Il sindaco Antonio Bonanno, intanto, smentisce le voci su presunti casi di contagio: «Tutto falso ed inventato»

Pubblicato

il

Sono più di 4000 gli alunni coinvolti a Biancavilla nelle misure stabilite dal governo. Scuole chiuse in tutto il territorio italiano fino a metà marzo per contrastare e prevenire la diffusione del coronavirus.

A Biancavilla le scuole interessate sono il Primo circolo didattico “San Giovanni Bosco”, il Secondo circolo didattico “Giovanni Verga”, l’Istituto comprensivo “Antonio Bruno”, la scuola media “Luigi Sturzo”, il Liceo delle Scienze umane, l’Istituto Tecnico Industriale, l’Istituto Professionale per l’Industria e l’Artigianato e i plessi delle scuole private.

Salvo proroghe, la campanella dovrebbe suonare di nuovo lunedì 16 marzo. Il sindaco Antonio Bonanno: «Confermo che stando alle disposizioni del Governo, fino alla metà del mese di marzo le lezioni scolastiche negli istituti di ogni ordine e grado verranno sospese. Una decisione legata all’emergenza del CoronaVirus. Intendo, inoltre, smentire una voce che gira a proposito di presunti “casi anomali” all’ospedale di Biancavilla: è tutto assolutamente falso e inventato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

A Biancavilla prevista una “casa di comunità” tra le 29 che realizzerà l’Asp

Rappresentano il fulcro della nuova rete territoriale che fornirà un’assistenza sanitaria 24 ore su 24

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

La Direzione strategica dell’ASP di Catania ha approvato, in linea tecnica e in linea amministrativa, i progetti di fattibilità tecnico-economica di 29 Case di Comunità e di 10 Ospedali di Comunità. L’importo complessivo degli interventi è di poco inferiore a 71 milioni di euro, di cui 66 milioni circa da finanziamento Pnrr e 5 milioni da bilancio aziendale. Una delle case di comunità è prevista a Biancavilla.

Le Case di Comunità sono il fulcro della nuova rete territoriale al quale il cittadino può accedere per poter entrare in contatto con il sistema di assistenza sanitaria e sociosanitaria. In tali strutture, i cittadini potranno trovare assistenza 24 ore su 24, ogni giorno della settimana, con un’ampia offerta.

I servizi riguardano: medici di medicina generale, pediatri di libera scelta, specialisti ambulatoriali interni, infermieri di famiglia e comunità, altri professionisti sanitari, supportati da adeguata strumentazione tecnologica e diagnostica di base (ecografo, elettrocardiografo, spirometro, ecc.).

Le Case di Comunità si distinguono in Hub e Spoke, alla luce delle caratteristiche orografiche e demografiche del territorio, al fine di favorire la capillarità dei servizi e maggiore equità di accesso, in particolare nelle aree interne e rurali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili.