24102019GOODNEWS:

Riconoscimento alla famiglia di Valentina Salamone dal Telefono rosa

Riconoscimento alla famiglia di Valentina Salamone, la giovane biancavillese uccisa nel 2010 in una villetta di Adrano, da parte del Telefono rosa di Bronte. Un modo per esprimere un «segno di gratitudine per la loro opera di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne».

Nella pergamena assegnata, a firma della presidente Antonella Caltabiano, si legge: «Gli animi forti sono come uragani che non si fermano davanti a nulla. Sono capaci di trasformare il dolore in forza… sono coloro che fanno la differenza».

Presenti i genitori di Valentina, Nino Salamone e Pina Ventura. Il riconoscimento è stato dato nell’ambito del gala per gli “Ambassadors 2019”, in cui l’associazione di Bronte ha conferito le onorificenze e allo stesso tempo ricordato le vittime di femminicidio.

Tra gli “ambasciatori” selezioni c’è il giornalista Simone Toscano, che per il programma “Quarto grado” si è occupato approfonditamente del caso della giovane di Biancavilla, per la cui uccisione la Corte d’assise di Catania ha condannato all’ergastolo Nicola Mancuso.

Oltre a Valentina, “Telefono rosa” ha voluto rendere omaggio alla memoria di Laura Russo, accoltellata nel 2014 a San Giovanni La Punta, Veronica Valenti, accoltellata nel 2014 a Catania, Giordana Di Stefano, accoltellata nel 2015 a Nicolosi con un riconoscimento ai rispettivi familiari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

INVIA IL COMMENTO